Martedì 22 Gennaio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > ambiente

La sfida per il futuro

Due figure di punta, Mario Campli e Alfonso Pascale, due intellettuali che hanno la pazienza di non fermarsi a ciò che si coglie solo in superficie, ci conducono per mano verso i grandi temi dell’ecologia presenti nell’enciclica “Laudato si’” di Papa Francesco la 21ª Conferenza delle Parti sul Clima, con un corposo documento che offre preziosi approfodimenti

Alfonso Pascale, Mario Campli

La sfida per il futuro

È indispensabile che la 21ª Conferenza delle Parti sul Clima, organizzata dall’UNFCCC (United Nations Framework Convention on Climate Change) e che oggi si apre a Parigi, si concluda il prossimo 12 dicembre con un accordo sottoscritto da tutti i paesi.

Quello di Kioto fu ratificato solo dagli stati che rappresentavano il 12% del totale delle emissioni. Dopo lunghe dispute, il 15 febbraio 2005, 152 paesi sottoscrissero l’accordo – che era stato stilato nella città giapponese nel 1997 – impegnandosi a limitare l’emissione di gas serra tra il 2008 e il 2012. Il protocollo fu sottoscritto, tra gli altri, dall’Italia ma non da grandi paesi come l’India né dalla Cina e soprattutto non dagli Stati Uniti.

Parigi sarà il punto di partenza di un nuovo quadro internazionale in cui per la prima volta tutti i paesi membri della Convenzione sottoscriveranno degli impegni di riduzione volontari all’interno di un trattato vincolante che avrà durata dal 2020 al 2030. La sfida di Parigi sarà quindi quella di rendere, all’interno degli aspetti ancora aperti sul tavolo negoziale (periodi di revisione, meccanismo di compliance, aspetti finanziari e meccanismi di mercato, loss&damage ed equità), ancora più elevato il livello di ambizione degli strumenti pratici, al fine di rendere forte l’accordo nel momento in cui entrerà in funzione.

Se l’obiettivo è non superare i 2 gradi di innalzamento del global warming, il riscaldamento globale, e monitorare con cadenza precisa i risultati raggiunti, tale impegno deve necessariamente essere assunto da tutti. In campo sembra esserci la volontà di trovare una strategia a 360 gradi e non solo per il global warming: dagli effetti sul clima ci sono stati impatti forti in termini di geopolitica, di guerre e conflitti. Da qui l’interesse di Cina e Stati Uniti ad essere protagonisti in Francia insieme all’Unione Europea. E l’enciclica “Laudato si’” di papa Francesco sulla cura della casa comune costituisce, senza dubbio, un contributo importante per accrescere la consapevolezza dei rischi ambientali e ricercare soluzioni condivise.

Gli autori di questa Lettura di una enciclica che può rappresentare certamente una spinta rilevante a  questo Cammino di popoli, stati, movimenti e persone – appassionante e coinvolgente – esprimono e  vivono l’auspicio e la volontà di una valorizzazione di tutte le culture e tutte le convinzioni, le fedi e le religioni: la casa è comune, la sua cura è responsabilità comune di tutti.

L’approccio fondamentale è quello di assumere fino in fondo la visione globale dei problemi ambientali e coinvolgere l’insieme dei cittadini, per ridefinire continuamente il rapporto tra scienza, tecnologie, economia, territori e società e animando questo coinvolgimento con una permanente educazione all’interazione dei saperi.

Da questa angolatura, l’enciclica contiene un’impostazione aperta e fiduciosa. E potrà sicuramente essere di stimolo ad una ripresa del confronto su questioni decisive che riguardano il futuro dell’umanità, se tutti accettano, fino in fondo, l’invito all’ascolto reciproco, confrontandosi con il dovere e il rischio del dialogo fino in fondo.

LEGGI IL DOCUMENTO

 

La foto di apertura è di Luigi Caricato

 

Alfonso Pascale, Mario Campli - 01-12-2015 - Tutti i diritti riservati

Mario Campli

Ha studiato teologia, filosofia e sociologia. Ha ricoperto l’incarico di dirigente nazionale della Confederazione Italiana Coltivatori, di presidente del Consorzio Nazionale Olivicoltori e dirigente centrale della Lega Nazionale Cooperative e Mutue (Legacoop). E’ autore di molti libri, tra cui “Agricoltori europei” ed “Europa. Ragazzi e ragazze riscriviamo il sogno europeo”, nonché, con Marcello Vigli, di “Coltivare speranza. Una Chiesa altra per un altro mondo possibile”.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Traguardi importanti per l'Olio San Giuliano

Traguardi importanti per l'Olio San Giuliano

Ottenuta l'ambita certificazione conosciuta come Sistema per la rintracciabilità nella filiera agroalimentare, la nota azienda sarda di Alghero, molto apprezzata per i suoi oli extra vergini di oliva, festeggia il coronamento di un importante e concreto riconoscimento 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti