Sabato 17 Novembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > ambiente

Olivi universali

 Il Comitato promotore della Fascia Olivata Assisi-Spoleto comunica a tutti il proprio orgoglio per aver ottenuto il prestigioso riconoscimento di Paesaggio Fao–Gianhs"Patrimonio Agricolo di importanza mondiale". Sei i comuni coinvolti, con capofila Trevi, nella persona del sindaco Bernardino Sperandio

OO M

Olivi universali

È stato un impegno a tutto tondo, cui ha partecipato l’intero territorio, con il suo paesaggio naturale e umano. Il progetto è stato promosso dal Comitato della fascia olivata Assisi-Spoleto  -che comprende i comuni di Spoleto, Campello sul Clitunno, Trevi, Foligno, Spello e Assisi - con capofila Trevi, con il suo sindaco Bernardino Sperandio, che è colui che ha promosso il tutto, con grande determinazione, là dove l'agricoltura sostenibile si combina con lo sviluppo rurale

È stato un intenso e lungo percorso di lavoro e ora, in data 2 luglio 2018, la FAO ha riconosciuto la Fascia Olivata Assisi-Spoleto quale nuovo Sito come Sistema di Patrimonio Agricolo di Rilevanza mondiale (GIAHS -Globally Important Agricultural Heritage Systems).

“Il nostro territorio – affermano con orgoglio  i compomenti del Comitato promotore della Fascia Olivata Assisi-Spoleto - diventa ufficialmente il primo sito in Italia ad aver ottenuto l’iscrizione al prestigioso Programma di rilevanza mondiale GIAHS, in riconoscimento dell'ingegnosità attraverso la quale risorse naturali e necessità umane sono state combinate per creare mezzi di sostentamento ed ecosistemi mutualmente sostenibili”.

“Qui – aggiungono dal Comitato - l'agricoltura sostenibile si combina con lo sviluppo rurale. La gestione da parte di generazioni di agricoltori, l’utilizzo di pratiche adeguate, conoscenze ed esperienze locali, il profondo rapporto con la natura, sono elementi che modellano ed adattano il paesaggio ed il sistema agricolo alle esigenze di sostentamento delle popolazioni locali”.

“Tale importante traguardo – precisano  i compomenti del Comitato promotore della Fascia Olivata Assisi-Spoleto- fa seguito al riconoscimento quale Paesaggio rurale e storico conseguito presso il Ministero delle Politiche Agricole, mediante l’iscrizione all’omonimo registro nazionale”.

Il sopralluogo delle delegazione del GIAHS. Foto di Leonardo Laureti
Sindaco Trevi e i prof Ming e Mc DonaldLeonardo Laureti e il prof Ming

 

Naturalmente questo risultato è frutto di un lavoro notevolissimo e tenace, e che non finisce con il risultato conseguito. Ora si prospetta un grande e incessante lavoro futuro per il mantenimento di quanto conseguito fino ad ora. In questo percorso virtuoso saranno coinvolte le istituzioni locali, regionali e tutti gli attori economici, sociali e territoriali.

Il 9 luglio  2018 alle ore 11 presso il Salone d’Onore della Giunta Regione Umbria, ci sarà una conferenza stampa di presentazione.

Intanto, potete ammirare le foto del’agronomo Leonardo Laureti, effettuate durante il sopralluogo delle delegazione del GIAHS del 20 aprile scorso, alla quale hanno partecipato

Min Qing Wen, professor al Center for Natural and Cultural Heritage Institute of Geographic Sciences and Natural Resources Research (China, Asia/Pacific) e Anne MacDonald, professor al Sophia University Graduate School of Environmental Studies (Japan), Canada, North America.

Al progetto ha dato il suo personale contributo, in qualità di dottore agronomo dello studio Landscape Office Agronomist del dott. Agr. Andrea Sisti, a parte del dossier che ha permesso al territorio di giungere a tale prezioso risultato.

I benefici che ora si attendono sono diversi, tra cui l’incremento del valore economico dell’olio extra vergine di oliva prodotto lungo tale Fascia olivetata, con conseguente valorizzazione sociale, culturale, economica e turistica di tutto il territorio, con la tutela della biodiversità dell’olivo e la conservazione e il ripristino del paesaggio a rischio “vulnerabilità”.

 

 

Le foto di apertura e della galleria sono dell'agronomo Leonardo Laureti

 

 

OO M - 03-07-2018 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Fare squadra. È l'ambizioso obiettivo che è stato sottoscritto dal presidente e ad Carapelli Firenze SpA Pierluigi Tosato, del gruppo Deoleo, e dal presidente di Cia-Agricoltori Italiani Dino Scanavino. L'accordo è stato siglato a Roma e punta su innovazione e sviluppo del mercato degli oli extra vergini  di oliva di qualità superiore. 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti