Martedì 24 Aprile 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > biblioteca olearia

Evooleum, la migliore guida ai migliori oli del mondo

Sono tante ormai le pubblicazioni che segnalano ed evidenziano le più eccellenti produzioni olearie, ma tra le tante disponibili sul mercato editoriale qual è quella fatta meglio, più funzionale e più attendibile tra tutte?

Luigi Caricato

Evooleum, la migliore guida ai migliori oli del mondo

È realizzata in Spagna dalle edizioni Mercacei. Si trova in commercio solo la prima edizione, per ora, quella relativa al 2016, ma è già da eleggere la migliore in assoluto, tra quelle finora pubblicate. È la migliore per impostazione, struttura, approccio e indipendenza. Anche la veste grafica, molto elegante, merita grande considerazione.

Non ci sono troppi oli extra vergini di oliva. Se ne trovano solo cento. Non a caso ha per sottotitolo World’s top 100 extra virgin olive oils guide. E già questo è un punto a favore della guida. Che senso ha riempire un volume di una miriade di oli se poi il vero segno distintivo consiste in una selezione più restrittiva e accurata, rigorosa.

Non ci sono però soltanto i cento oli. La guida Evooleum, realizzata in collaborazione con Aemo, l’Asociacion espanola de municipios del olivo, è ricca di contenuti e di utili informazioni.

Intanto è bilingue, spagnolo-inglese. A firmare il prologo è lo chef Ferran Adrià. A seguire, si leggono i dettagli esplicativi della guida, dove si forniscono a lettore i criteri adottati e le icone che accompagnano il testo, per una lettura facile e intuitiva.

Dietro all guida Evooleum non ci sono poche e indistinte persone, ma un nutrito gruppo di esperti, di cui si dà ampio risalto alle loro biografie. Figure autorevoli, in rappresentanza di diversi Paesi. La direzione tecnica è affidata a Jose Maria Penco e a Salvador Cubero. Non vi sono solo assaggi per individuare e definire le migliori produzioni mondiali. C’è anche un concorso che si estende al packaging. Già, perché l’abbigliaggio è molto importante. La qualità deve  essere dentro e fuori la bottiglia. Bontà del contenuto e bellezza e funzionalità del contenitore.

Interessanti inoltre i contributi testuali, che recano la firma di vari autori. C’è pure un Olidictionary, un Diccionario oleicola essenziale. Una panoramica sulle varietà principali di olivi, riportando le cultivar più rappresentative.

Non manca nemmeno uno sguardo analitico sull’olivicoltura internazionale, con una breve ma chiara analisi dell’evoluzione della produzione mondiale degli oli da olive. Insomma, c’è da apprendere molto leggendo Evooleum, e questo è un aspetto parecchio utile per il lettore.

Non si trascura nulla, c’è spazio per le ricette e pure per i luoghi dello shopping, per gli olivi secolari e per l’oleoturismo, fino poi a entrare nel cuore vivo della guida: la rassegna dei migliori oli e delle più belle confezioni.

Perché la giudico la migliore guida al mondo? La valutazione della guida è stata fatta confrontando le tante presenti in commercio. Ci è parsa, in base alla nostra pluriennale esperienza, la migliore in assoluto. È quella fatta meglio, perché più funzionale e più attendibile tra tutte. Si legge volentieri, si sfoglia con grande piacere, anche per la ammirevole direzione creativa della prestigiosa agenzia Cabello x Mure.

C'è una buona impostazione generale, una solida struttura dei contenuti, una buona griglia capace di accogliere tanti diversi saperi; ed è interessante anche l'approccio interdisciplinare e, nondimeno, l’indipendenza di giudizio.

Non avete ancora avuto modo di consultarla? Fatelo, allora, e capirete la qualità di quanto riportato in guida. La migliore prova è l’assaggio degli oli segnalati. Vi accorgerete che rispondono pienamente alle aspettative.

Nel frattempo, se siete curiosi di conoscere ciò che leggerete nella prossima edizione della guida Evooleum, cliccate QUI

Luigi Caricato - 04-04-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Scegliere le capsule giuste, per vestire bene le bottiglie d’olio, aceto e vino

Scegliere le capsule giuste, per vestire bene le bottiglie d’olio, aceto e vino

Nessuna rottura o imprecisione al momento dello strappo della linguetta. Ogni volta lo strappo è preciso e puntuale, e anche la termoretrazione è migliorata, permettendo un’ottima aderenza della capsula alla bottiglia. B.E.E.S., acronimo di Best Enoplastic Environmental Solution, è il nuovo materiale per capsule termoretraibili, un’ottima alternativa al PVC e al PET

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Regole precise per considerare i claim degli oli da olive

Il segreto della longevità? La scienza lo ha dimostrato: l’olio extra vergine di oliva fa parte di questa “ricetta” di lunga vita. Si tratta di uno degli approfondimenti affrontati nella lectio magistralis tenuta di recente a Milano dal prof. Gabriele Riccardi, ordinario di Endocrinologia all'università Federico II di Napoli e diabetologo, oltre che specialista della nutrizione umana. Nostra intervista allo studioso, membro del Comitato scientifico dell’Istituto Nutrizionale Carapelli onlus