Sabato 29 Aprile 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > biblioteca olearia

Evooleum, la migliore guida ai migliori oli del mondo

Sono tante ormai le pubblicazioni che segnalano ed evidenziano le più eccellenti produzioni olearie, ma tra le tante disponibili sul mercato editoriale qual è quella fatta meglio, più funzionale e più attendibile tra tutte?

Luigi Caricato

Evooleum, la migliore guida ai migliori oli del mondo

È realizzata in Spagna dalle edizioni Mercacei. Si trova in commercio solo la prima edizione, per ora, quella relativa al 2016, ma è già da eleggere la migliore in assoluto, tra quelle finora pubblicate. È la migliore per impostazione, struttura, approccio e indipendenza. Anche la veste grafica, molto elegante, merita grande considerazione.

Non ci sono troppi oli extra vergini di oliva. Se ne trovano solo cento. Non a caso ha per sottotitolo World’s top 100 extra virgin olive oils guide. E già questo è un punto a favore della guida. Che senso ha riempire un volume di una miriade di oli se poi il vero segno distintivo consiste in una selezione più restrittiva e accurata, rigorosa.

Non ci sono però soltanto i cento oli. La guida Evooleum, realizzata in collaborazione con Aemo, l’Asociacion espanola de municipios del olivo, è ricca di contenuti e di utili informazioni.

Intanto è bilingue, spagnolo-inglese. A firmare il prologo è lo chef Ferran Adrià. A seguire, si leggono i dettagli esplicativi della guida, dove si forniscono a lettore i criteri adottati e le icone che accompagnano il testo, per una lettura facile e intuitiva.

Dietro all guida Evooleum non ci sono poche e indistinte persone, ma un nutrito gruppo di esperti, di cui si dà ampio risalto alle loro biografie. Figure autorevoli, in rappresentanza di diversi Paesi. La direzione tecnica è affidata a Jose Maria Penco e a Salvador Cubero. Non vi sono solo assaggi per individuare e definire le migliori produzioni mondiali. C’è anche un concorso che si estende al packaging. Già, perché l’abbigliaggio è molto importante. La qualità deve  essere dentro e fuori la bottiglia. Bontà del contenuto e bellezza e funzionalità del contenitore.

Interessanti inoltre i contributi testuali, che recano la firma di vari autori. C’è pure un Olidictionary, un Diccionario oleicola essenziale. Una panoramica sulle varietà principali di olivi, riportando le cultivar più rappresentative.

Non manca nemmeno uno sguardo analitico sull’olivicoltura internazionale, con una breve ma chiara analisi dell’evoluzione della produzione mondiale degli oli da olive. Insomma, c’è da apprendere molto leggendo Evooleum, e questo è un aspetto parecchio utile per il lettore.

Non si trascura nulla, c’è spazio per le ricette e pure per i luoghi dello shopping, per gli olivi secolari e per l’oleoturismo, fino poi a entrare nel cuore vivo della guida: la rassegna dei migliori oli e delle più belle confezioni.

Perché la giudico la migliore guida al mondo? La valutazione della guida è stata fatta confrontando le tante presenti in commercio. Ci è parsa, in base alla nostra pluriennale esperienza, la migliore in assoluto. È quella fatta meglio, perché più funzionale e più attendibile tra tutte. Si legge volentieri, si sfoglia con grande piacere, anche per la ammirevole direzione creativa della prestigiosa agenzia Cabello x Mure.

C'è una buona impostazione generale, una solida struttura dei contenuti, una buona griglia capace di accogliere tanti diversi saperi; ed è interessante anche l'approccio interdisciplinare e, nondimeno, l’indipendenza di giudizio.

Non avete ancora avuto modo di consultarla? Fatelo, allora, e capirete la qualità di quanto riportato in guida. La migliore prova è l’assaggio degli oli segnalati. Vi accorgerete che rispondono pienamente alle aspettative.

Nel frattempo, se siete curiosi di conoscere ciò che leggerete nella prossima edizione della guida Evooleum, cliccate QUI

Luigi Caricato - 04-04-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il mio nome è Italo

Il mio nome è Italo

Un extra vergine abruzzese, frutto di un blend di oli ottenuti da ben cinque cultivar, tra cui la celebre Dritta. All’assaggio l’olio si presenta morbido, senza venir meno alle connotazioni fruttate, che gli attribuiscono corpo e personalità. Versatile, dall'ottimo rapporto qualità, prezzo e rendimento. Reca la firma Fattoria del Torquato > Luigi Caricato

RICETTE OLIOCENTRICHE
Zuppa di cipolla… egiziana ligure

Zuppa di cipolla… egiziana ligure

Ormai è una tappa fissa. Questo bulbo sta diventando un must. Basta poco per gioire dei sapori semplici. Sono sufficienti gli ingredienti essenziali, facili da reperire > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Il sepolcro vuoto

Il sepolcro vuoto

Maria di Magdala. Gli evangelisti ne parlano come una delle donne che accompagnavano e assistevano Gesù e che furono presenti nei momenti drammatici della sua passione e morte. Di lei in particolare si precisa, per ben due volte, che era stata liberata da sette demoni > Sante Ambrosi

GIRO WEB
I racconti di Chiara Coricelli rendono più moderna la comunicazione sull’olio

I racconti di Chiara Coricelli rendono più moderna la comunicazione sull’olio

Ha riscontrato un grande successo la webserie di cui è testimonial, in veste di mamma, moglie e imprenditrice, la stessa titolare della nota azienda olearia umbra. Se vogliamo collocarla sulla quantità di visualizzazioni, ne ha ottenute oltre 100 mila, ma anche sul fronte dell’efficacia qualitativa spicca per originalità e inventiva > Maria Carla Squeo

OO VIDEO

In grazia di Dio, la vita al tempo della crisi

Un momento dell'incontro con il regista Edoardo Winspeare, nell'ambito di Olio Officina Festival 2014, dove aveva presentato il suo ultimo film, con il quale ha partecipato, per l'Italia, al festival di Berlino. In questa pellicola, il regista racconta di una famiglia costretta dalla crisi a chiudere l'azienda e a trasferirsi in campagna. Nonostante le difficoltà e le asprezze della vita nei campi, i protagonisti ritrovano le serenità e il senso della vita comunitaria (Prima parte)