Lunedì 25 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > biblioteca olearia

Extravergine. La buona vita

Sarà presentato il primo dicembre, per le edizioni bolognesi Codicermes, un libro a più mani a cura di Daniela Utili, in cui il legame tra olio ricavato dalle olive e salute viene messo in grande evidenza. Le campagne di informazione e sensibilizzazione hanno solo in parte contribuito a indirizzare le scelte del consumatore verso extra vergini che mantengano integre le componenti bioattive presenti nel frutto e nell’olio. Ci vuole più informazione

OO M

Extravergine. La buona vita

L'appuntamento è a Bologna: giovedì 1 dicembre, alle ore 19.30, presso il ristorante-pizzeria "Vito San Luca”. In una serata che non sarà solo di parole, come ben si può immaginare dal luogo di presentazione, sarà possibile prendere diretta visione del libro Extravergine. La buona vita, di cui è curatrice Daniela Utili.

Per chi non sarà a Bologna, può richiedere il libro Extravergine. La buona vita scrivendo direttamente a Codicermes Editore Bologna, all'indirizzo codicermes@gmail.com. Oppure, si può in alternativa telefonare al numero 3332318604. In ogni caso, il libro sarà anche presentato venerdì 2 febbraio 2017 a Milano, in occasione della sesta edizione di Olio Officina Festival, dove sarà presente alla libreria del festival.

Il libro, come si noterà sin dal titolo, prende in esame i legame tra l’olio ricavato dalle olive e la salute. Si tratta, come ben sapete, di un alimento pregiatissimo, nutrizinalmente importante, un vero functional food. Ippocrate, d’altra parte, lo raccomandava in caso di ulcere. Nell’antica Roma si raccontava tra l’altro l’aneddoto di quel centenario che doveva la sua longevità all’uso costante di olio d’oliva. Nelle Isole Jonie ancora oggi non è raro assistere al rito di ultra novantenni che ne bevono ogni mattina un bicchierino.

Sono i segni della “civiltà dell’olio” che ha caratterizzato la storia del bacino del Mediterraneo negli ultimi 2500 anni. Ma solo gli ultimi sessanta hanno dato l’impulso alla ricerca e a studi sistematici. A partire da quelli di Ancel Keys (1956) condotti sul campo in Cilento che dimostrarono come una dieta con maggiore consumo annuale di extravergine (EVO) in Italia, Grecia e Spagna rispetto ad un’alimentazione a base di grassi saturi, diminuisse la prevalenza della malattia cardiovascolare e aterosclerotica fino a cinque volte.

Recenti studi hanno individuato in sostanze tipiche dell’Evo una nuova famiglia di agenti antinvecchiamento e di contrasto a molteplici disturbi legati alla senescenza.

Notevole interesse ha sollevato fin dall’inizio di questo secolo una ricerca condotta da nove studiosi e apparsa su Nature nel settembre 2005 che dimostrava un’azione antinfiammatoria dell’Evo. Solo un anno prima, nel 2004, la rivista Time definiva l’infiammazione il nostro “killer segreto”.

Oggi sappiamo che molte patologie quali artrite reumatoide, asma, allergie, diabete, cardiopatie, aterosclerosi, morbo di Alzheimer, morbo di Crohn, lo stesso cancro hanno alla base un processo infiammatorio, che può essere in qualche modo peggiorato o migliorato da alimenti della dieta.

Questo libro è stato intitolato nona caso Extravergine. La buona vita, proprio per evidenziare legami culturali antichi fatti anche di buone pratiche (salutistiche, agronomiche, gastronomiche, fino agli usi nella cosmesi e nella cura del corpo) solo oggi attestate scientificamente.  Ma quale olio extravergine ha queste proprietà?

Le campagne di informazione e di sensibilizzazione hanno solo in parte contribuito a indirizzare le scelte del consumatore verso un extra vergine certificato sul piano della tracciabilità e che mantenga integre le componenti bioattive presenti nel frutto e nell’olio, molte delle quali non sono né riproducibili per sintesi, né le differenti fasi fisiologiche e metaboliche del nostro organismo sono in grado di produrre.

Oggi avanzate pratiche agronomiche e un’elevata innovazione tecnologica dell’impiantistica olearia consentono di mantenere integre non solo le componenti chimico-organolettiche principali, ma anche quelle bioattive che esaltano le cosiddette “virtù sconosciute” dell’olio. Insomma l’extravergine di qualità c’è sul mercato, si tratta di aiutare il consumatore a individuarlo e a sceglierlo.

Alla fine del volume, in appendice, un elenco ragionato, suddiviso per regione, di piccoli e medi produttori di extra vergini di grande qualità. Il loro impegno e il lavoro dell’equipe di studiosi autori di questo volume ci suggeriscono di preferire l’Evo e ci aiutano anche ad usare nel modo migliore quello che finalmente, grazie all’indagine scientifica, è provato essere un elisir di lunga e buona vita.

GLI AUTORI DEL VOLUME

 

Autori Vari, a cura di Daniela Utili, Extravergine. La buona vita. Il gusto per la salute e la bellezza, Edizioni Codicermes, con foto di Elisabetta Bignami e Giorgio Sorcinelli, 176 pagine, 25 euro

OO M - 22-11-2016 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Da una cantina di riferimento della Campania, un vino non pienamente espresso a livello olfattivo, ma decisamente più convincente al gusto, per acidità e corpo, sapidità e rotondità > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Le colture no food?

Le colture no food?

L'altra via dell'agricoltura. Esiste ORA un network internazionale, denominato Panacea, nato per diffondere la conoscenza delle colture non alimentari tra gli agricoltori e favorire di conseguenza i principi della bioeconomia. C'è spazio per bioplastiche ottenute da scarti agricoli, lubrificanti, materiali da costruzione, prodotti farmaceutici, bioenergia, biocarburanti. Il tutto derivante da piante oleaginose (camelina, ricino), lignocellulosiche (canapa, canna comune), carboidrati (sorgo, barbabietola da zucchero) e tante altre colture > Marcello Ortenzi

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata