Mercoledì 20 Febbraio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > bio bio

Il Bio tra le pagine

Sono 14 le storie racconmtate nell'annuario del biologico. Sono storie ritenute “valorose", che riferiscono di persone che hanno scelto il biologico come valore che chiama altri valori. Storie di coraggio e condivisione, storie di intuito e innovazione.

OO M

Il Bio tra le pagine

Ogni volta che riceviamo l'annuario Tutto Bio siamo sempre curiosi di scoprire ciò che va oltre i numeri, che pure sono altrettanto importanti, giacché offrono un quadro della realtà. L'iniziativa dell'Annuario del biologico, giunto alla sua ventiduesima edizione, è di quelle che vale la pena prendere in considerazione. Ne sono curatori Achille Mingozzi e Rosa Maria Bertino, per Bio Bank by Egaf Edizioni. E' un volume di ben 320 pagine, posto in vendita a 16 euro, stampato tra l'altro su carta ecologica, in linea con i principi su cui fa perno. Propoaniamo ai nostri lettori piuù sensibili al tema, il testo di presentazione fornito dall'editore.

Tema dell’anno: Un valore tira l'altro
Il biologico non è un punto d’arrivo, ma di partenza. Non è un semplice metodo di produzione, ma un valore che chiama altri valori per una comunità migliore. Così come lo intendevano i pionieri. Questa è la sua origine, questo è il suo futuro.

14 storie ad “alto valore raggiunto”
Dalle terre di Camporeale alla Piana di Gioia Tauro, dal cuore di Milano al centro di Bologna, dalle colline del Molise a quelle marchigiane. Le 14 storie al centro di questa ventiduesima edizione di Tutto Bio percorrono in lungo e in largo tutta l’Italia. E ci mostrano il vero volto del biologico.
In queste storie il biologico si incrocia con l'agricoltura biodinamica, quella energetico-consapevole o quella sinergica. Con valori ambientali come la valorizzazione delle produzioni locali, la difesa del territorio e della biodiversità, l’attenzione alla sostenibilità. Con valori emergenti tra etica e ambiente, come la scelta vegana. Oppure con valori squisitamente etici e sociali come legalità, giustizia, solidarietà e dignità.

Omaggio ai pionieri
Un’edizione dedicata quindi ai pionieri dell’agricoltura biologica e biodinamica, perché hanno saputo guardare lontano, perché hanno reso possibile ciò che sembrava impraticabile, perché nonostante le difficoltà sono andati avanti per la loro strada, sostenuti dai loro valori e dai loro ideali, aprendo una strada per tutti.

10.800 attività bio censite
Cuore dell’annuario i dati aggiornati di oltre 10.800 attività bio in Italia, organizzati in sette sezioni, per vivere il biologico ogni giorno, a casa e fuori. Pubblicato il primo censimento Bio Bank delle fattorie sociali, dove si coltivano anche valori.
Introduzione • 58 fiere & co • 131 associazioni Vendita diretta • 28 spesa a domicilio • 2.878 aziende • 221 mercatini • 877 gruppi d’acquisto Punti vendita • 1.395 negozi • 16 supermercati Fuori casa • 1.527 agriturismi • 450 ristoranti & co Alimenti • 13 organismi di controllo • 59 aziende • 64 fattorie sociali • 114 aziende equosolidali Cosmesi e detergenza • 10 organismi di controllo • 244 aziende • 153 profumerie Infanzia • 13 aziende di ristorazione • 1.250 mense scolastiche • 650 fattorie didattiche.

Prodotti e novità
Non mancano le novità nella vetrina dei prodotti. Dalla pasta di grani antichi siciliani a quella di lenticchie rosse, dai mix di semi salutistici ai frullati vitaminici, dai cereali pronti in pochi minuti ai piatti a base di seitan e tofu solo da scaldare, fino alle bevande vegetali per tutti i gusti. Ma ci sono anche i classici in versione organic, come l’Aceto Balsamico di Modena o l’Amaretto. E le ricette rivisitate in chiave bio-veg, come il pesto alla genovese.
Con uno sguardo anche su cosmesi e detergenza.

Bio Bank Card
In omaggio per ricevere lo sconto del 10% presso 659 attività convenzionate: ristoranti & co, agriturismi, aziende con vendita diretta, negozi e profumerie.

Dove si trova
Nelle principali librerie online, nelle principali catene librarie, nei negozi di alimenti biologici. 320 pagine, 16 euro.

 

L'annuario

Se, come abbiamo sempre scritto, il cuore di Tutto Bio sono i censimenti di migliaia e migliaia di attività, allora l’anima sono le storie. Non sarebbe possibile lavorare da oltre vent’anni con la stessa passione per una banca dati che aggiorna ogni anno una quantità enorme di informazioni, senza la consapevolezza che dietro ogni attività ci sono le persone con le loro storie.
Storie di coraggio e condivisione, storie di intuito e innovazione. Ma soprattutto storie di valori, seguendo il filo rosso del tema scelto. Per l'edizione 2016 "Un valore tira l’altro".

Un mondo di valori
In queste storie il biologico si incrocia con l’agricoltura biodinamica, quella energetico-consapevole o quella sinergica. Con valori ambientali come la valorizzazione delle produzioni locali, la difesa del territorio e della biodiversità, l’attenzione alla sostenibilità. Con valori emergenti tra etica e ambiente, come la scelta vegana. Oppure con valori squisitamente etici e sociali come legalità, giustizia, solidarietà e dignità.
Ci sono le cooperative sociali che consegnano a domicilio la spesa solidale, il panificio che sforna biodiversità, la grafica che ha perso il lavoro e ha aperto negozio, lo chef stellato che coltiva l’orto sinergico con tutta la sua brigata, la cooperativa che ha tutti i prodotti "pizzo free”, le giovani viticoltrici capaci di innovare, chi ha ha vinto la sfida con le droghe ed aiuta gli altri ad uscirne, chi ha cambiato vita con l’agricoltura biodinamica, chi ritrova la dignità imparando un mestiere dietro le sbarre, chi coltiva consapevolezza, chi ha cercato e cercato finché non ha trovato, chi punta alla sostenibilità a 360 gradi, chi abbraccia e valorizza la propria terra. E chi cambia il mondo a partire da un’arancia.

Il mondo in un’arancia
Come racconta Vincenzo Linarello, presidente del gruppo cooperativo Goel, che combatte le mafie in Calabria: "Le arance vengono pagate ai produttori da 5 a 10 centesimi al chilo. Il grossista le compera sull’albero, facendo una sua stima. Se a fine campagna avrà venduto solo 5 ettari su 10, è il contadino che ci rimette. E il pagamento arriva dopo sei mesi o addirittura un anno. Un mercato che lottizza i produttori e scarica su di loro tutto il rischio, che alimenta la piaga del lavoro nero e dello sfruttamento. Goel Bio riconosce invece ai produttori soci un prezzo di 40 centesimi al chilo, prezzo stabilito insieme a loro affinché abbiano un giusto guadagno e siano in grado di pagare in modo equo i lavoratori. È questo il primo passo per sottrarli dalla morsa della ‘ndrangheta. Il secondo è vincere insieme sul mercato, grazie alla forza di un marchio che racchiude tutti questi valori”.
Ecco perché il cambiamento ed il riscatto, possono partire anche da un’arancia coltivata in Italia, così come per il caffè o le banane coltivate nel sud del mondo.

Ascoltare per raccontare
"In questa generazione - ha dichiarato don Ciotti in occasione dei 20 anni di Libera - senti per la prima volta l’angoscia del futuro, perché non hanno la prospettiva di una sicurezza nel lavoro che gli dia dignità. Io credo che oggi bisogna che qualcuno li aiuti a calare il virtuale nel reale, bisogna portare storie vere, fatte da persone in carne ed ossa”. Ecco perché presentiamo il primo censimento Bio Bank delle fattorie sociali biologiche dove si coltiva "il capitale umano”. Ecco perché continuiamo ad ascoltare e raccontare storie.
E guardando all’oggi, ai molti giovani che sono il futuro del bio come Marilina e Federica che producono vini bio tra le colline di Noto nel siracusano, un pensiero di gratitudine va ai pionieri dell’agricoltura biologica e biodinamica. Perché hanno saputo guardare lontano, perché hanno reso possibile ciò che sembrava impraticabile, perché nonostante le difficoltà sono andati avanti per la loro strada, sostenuti dai loro valori e dai loro ideali, aprendo una strada per tutti.
La ventiduesima edizione di Tutto Bio è dedicata a loro: a chi non c’è più, a chi ha lasciato, a chi continua sulla stessa strada.


TUTTO BIO 2016
L’Annuario del biologico | 22ma edizione

a cura di Achille Mingozzi e Rosa Maria Bertino
Bio Bank by Egaf Edizioni
320 pagine | 16 Euro | Formato cm 16,5 x 23,5
Stampa su carta ecologica
Si trova nelle principali librerie online, nelle principali catene librarie,
nei negozi di alimenti biologici.

 

OO M - 01-03-2016 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Sharis 2017, di Livio Felluga

Il vino della settimana: Sharis 2017, di Livio Felluga

Un vino dagli aromi floreali, di agrumi, sambuco, e molto minerale, che merita i soldi spesi. Acquistato al supermercato, è il frutto di uve Chardonnay e Ribolla. Adatto, peraltro, con pesce e carni bianche alla griglia > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Antipasti caldi e freddi. A scuola di cucina dai Salvagno

Antipasti caldi e freddi. A scuola di cucina dai Salvagno

Protagonista lo chef Eugenio Ghiraldi con un nuovo appuntamento de "I corsi pratici di cucina in Frantoio... per stupire con gusto". Conoscere, capire ed applicare i segreti della buona cucina imparando a scoprire i prodotti del territorio, tra stagionalità, semplicità e gusto.

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Gli oli e i pesci della Basilicata

A Olio Officina Festival 2019 è stata protagonista di primo piano una regione piccola ma particolarmente ricca di risorse. L'occasione per presentare al pubblico di Milano le produzioni olearie e i prodotti ittici, in occasione di una pubblicazione dedicata dal titolo "I pesci nuotano nell'olio". L'intervista a Michele Brucoli, responsabile marketing e comunicazione presso il Dipartimento Agricoltura della Regione Basilicata

BIBLIOTECA OLEARIA
Dp Garda. L'olio e il suo lago

Dp Garda. L'olio e il suo lago

Il numero 7 dell’annuario Olio Officina Almanacco quest'anno si presenta con una veste completamente rinnovata. Stesso formato, stesso numero di pagine, 96, ma con un taglio monografico, interamente dedicato all'olio gardesano e al suo territorio. Inizia così la nuova serie della rivista, dando spazio e rilievo ogni anno a un territorio altamente vocato all'olivicoltura di qualità