Mercoledì 17 Luglio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > bio bio

L’iceberg della biodinamica

Rispiritualizzare l'umanità attraverso l'agricoltura. Nei trattati sul tema, i pianeti sembrano svolgere un ruolo vitale. Rudolf Steiner avrebbe forse messo in luce influenze planetarie che sono ancora incomprese oggi? Siamo semplicemente nel mondo della magia! Come si spiega che un tale delirio sia condiviso da persone che sembrano perfettamente razionali?

Alberto Guidorzi

L’iceberg della biodinamica

Premessa

La biodinamica e come un iceberg che, si sa, emergere per i 3/10 e rimanere sommerso per i 7/10. Purtroppo nei 3/10 si mostra nel suo aspetto più o meno accettabile e accattivante, mentre i 7/10, dove vi è la vera essenza del pensiero e degli atti antroposofici, è poco rivelato.  Se avrete la pazienza di leggere questa intervista a Grégoire Perra fatta da Agriculture & investigation scoprirete (CLICCANDO QUI) anche i 7/10. Gregoire Perra è rimasto in questo mondo particolare per quasi 30 anni prima come allievo delle scuole di Rudolf Steiner, fondatore dell’antroposofia e da cui emana l’agricoltura biodinamica e tante altre attività oggi abbastanza danarose, e poi come professore delle scuole Steiner-Waldorf. Le regole dell’agricoltura biodinamica sono scaturite da otto conferenze che Steiner ha fatto nel 1924, ma pubblicate solo nel 1963. All’epoca delle sue conferenze Steiner pensava già che:  se la popolazione europea non era abbastanza spirituale, era principalmente a causa di carenze nutrizionali conseguenza di un cibo che era il frutto di un'agricoltura diventata troppo "moderna". Quindi sostenne la trasformazione dell'agricoltura di inizio del XX secolo per "rispiritualizzare" la popolazione europea. Secondo lui, non era sufficiente cambiare alcune pratiche tecniche, ma era appropriato includere la produzione alimentare - e l'intero processo nutrizionale - come parte di un sistema di pensiero più generale che aveva elaborato da solo. Affinché l'agricoltura biodinamica si radichi nelle concezioni espresse durante queste conferenze, non si può dissociarla dalle idee steineriane senza commettere un grave errore di interpretazione. 

Poiché le pratiche agricole implementate dalla biodinamica sono inseparabili dalla cosmologia di Steiner e, inoltre, hanno significato solo quando si aderisce al quel mondo esoterico, ecco il testo dell’intervista:

 

Puoi chiarirci le idee su questa cosmologia ben particolare? 

C'è, prima di tutto, il rifiuto della scienza e della tecnologia che, secondo Steiner, sono opera delle forze del male chiamate "entità ahrimaniche". Nella cosmologia di Steiner, ci sono in effetti due poteri del male: Lucifero e Ahriman. Secondo la mitologia di Steiner, le entità ahrimane irrompono nella storia dell'umanità dal XV secolo. Esse sono all'origine delle grandi scoperte scientifiche e tecnologiche, realizzate soprattutto dal XIX secolo. Steiner dice che fanno parte del piano divino - è quindi un male necessario - ma che l'azione di queste entità malvagie dovrà essere superata. Questo è il motivo per cui, nell'agricoltura biodinamica, evitiamo l'uso di trattori e naturalmente della chimica sintetica, preferendo affidarci alle forze delle stelle e dei pianeti. Verrà un giorno in cui capiremo che la tecnica, vero colpo di spada nell'acqua, è strettamente inutile! Ahimè, questa riflessione richiede un grande grado di maturità spirituale che l'umanità non ha ancora raggiunto. Ma tutto cambierà attraverso l'anticristo Ahriman, che governa le coorti di angeli di Ahriman, che si incarneranno sulla Terra, nello stesso modo in cui Lucifero ha preso forma in Cina 3.000 anni prima di Cristo. Questa incarnazione, imminente, rischia di fuorviare il corso dell'evoluzione dell'umanità, che si suppone tendente a liberarsi dal materialismo per accedere alla spiritualità. Gli antroposofici concepiscono sé stessi come una élite spirituale capace di opporsi ad Ahriman, al fine di sconfiggere i suoi piani conducenti verso un mondo materialista. Quando ero uno studente di una scuola Steiner-Waldorf, abbiamo studiato i testi di Vladimir Soloviev sull'Anticristo. Questo descrive un essere umano che diventa governatore del mondo pur essendo il diavolo. Per i nostri insegnanti, questo libro era una predizione di ciò che accadrà realmente. In breve, secondo Steiner, la scienza e la tecnologia non sono altro che opere di Ahriman. Questa è l'unica giustificazione possibile per il suo rifiuto delle tecnologie e della meccanizzazione, in particolare in agricoltura. E questo si estende a tutte le attività umane: in Steiner si trova dunque un progetto per un'industria "spirituale", comprendente la creazione di un motore "eterico", cioè in grado di funzionare grazie alle "forze eteriche", cioè forze puramente spirituali e morali. Secondo gli antroposofisti, questo motore, che sarà prodotto dagli anglosassoni, darà alla luce un "occultismo meccanico". In un libro scritto da un defunto discepolo di Steiner, Francis Paul Amberson, scopriamo anche che i computer sono supporti nei quali si sono incarnati i demoni ... Ed è nei maggiori computer della NASA che vi sono i più grandi demoni, rivela Amberson! L'autore spiega inoltre che quando la Luna - precedentemente espulsa dal nostro pianeta - si riunirà di nuovo con la Terra, mostri a forma di ragni giganti, già presenti nei nostri computer, si manifesteranno tessendo tele malefiche nel cielo. Le forze "indurenti”, “mineralizzanti" e “sclerosanti" associate alla Luna si sposteranno quindi sulla Terra, mettendo in pericolo l'umanità.

 

Nei trattati sull'agricoltura biodinamica, i pianeti sembrano svolgere un ruolo vitale. Rudolf Steiner avrebbe forse messo in luce influenze planetarie che sono ancora incomprese oggi?

Sai cosa c'è dietro il discorso sui "ritmi cosmici"? Lungi dall'essersi limitato alle influenze della luna sulle maree, esso si apparenta ad un delirio esoterico!  Meglio ritornare alle fonti. Secondo Steiner, non sono solo gli uomini che si reincarnano, ma anche l'intero sistema solare, inclusa la Terra. Sostiene che ci sono già state quattro incarnazioni del sistema solare, il primo è il Vecchio Saturno, il secondo il Vecchio Sole, poi la Vecchia Luna e infine la Terra. Ne seguiranno altre tre: il futuro Giove, la futura Venere e il futuro Vulcano - cioè un totale di sette incarnazioni previste. All'epoca della prima incarnazione del sistema solare, quella del Vecchio Saturno, l'universo era solo una palla di calore e l'essere umano aveva solo un corpo minerale o fisico. Allora eravamo semplici grani di calore. In seguito, questo sistema si disgregò, scomparve, passando interamente nel mondo spirituale, per ritornare poi, milioni di anni dopo, nella forma del Vecchio Sole. Vale a dire, uno stato in cui l'intero universo non era più composto solo di calore, ma anche di gas e luce. A quel tempo, l'essere umano aveva una forma gassosa e luminosa. Oltre a un corpo minerale, possedeva un corpo "eterico", paragonabile a una pianta.Poi il Vecchio Sole si è evoluto, e a sua volta è scomparso prima di reincarnarsi come l'Antica Luna. Lo stato generale di questo nuovo sistema, oltre ad essere calorico, gassoso e luminoso, era anche "liquido", essendo la Terra solo un immenso pianeta d'acqua. L'essere umano presentò quindi un corpo astrale, formato sulla Vecchia Luna, pur avendo conservato il suo corpo fisico dell'Antico Saturno e il suo corpo eterico del Vecchio Sole. Quindi era paragonabile a un animale, poiché il corpo astrale è peculiare agli animali. Ora, sulla Vecchia Luna, esisteva una razza di animali, che Steiner definisce "piante animali", una specie costituita da una miscela di regni vegetali e animali. Al momento della scomparsa della Vecchia Luna, queste "piante-animali" non potevano essere reincarnate sulla Terra, tranne che per uno o due di essi, incluso il vischio. Questo gli conferisce una proprietà speciale, specialmente contro il cancro. Per gli antroposofisti, i tumori del cancro compaiono quando il nostro corpo astrale, infetto dalle forze di Lucifero o di Ahriman, non è più in grado di dare forma ai corpi eterei, che sono i corpi della vita e della crescita. Il vischio può essere usato per curare il cancro perché è un "animale-pianta" dell'Antica Luna, che non è stato toccato dalle forze luciferine legate alla Terra. Da qui la sua forma a palla, che non è né orientata verso la terra né verso il cielo. Il fatto che i suoi frutti crescano in inverno significa che si è liberato dalle stagioni, e quindi è indipendente dalle forze legate alla Terra. La sua "astralità" è indiscutibilmente pura! Catturando le forze astrali del vischio, otterremo una cura contro il cancro ...

Ed è da un ragionamento simile che sono dimostrati gli effetti degli otto preparati numerati da 500 in poi presentati da Steiner nei suoi Corsi agli agricoltori. Siamo semplicemente nel mondo della magia!

 

Come si spiega che un tale delirio sia condiviso da persone che sembrano perfettamente razionali?

La strategia dell’antroposofia consiste nel restare molto discreti, senza mai rivelare le proprie concezioni cosmologiche o finalità, non è sorprendente, dunque, che molte persone siano sedotte da una filosofia rivestita di aspetti pseudoscientifici, il discorso è percepito come "alternativo" piuttosto che mistico ed esoterico.  …[omissis ] Quindi, non va dimenticato che in Germania le teorie di Steiner furono adottate abbastanza rapidamente dal movimento ambientalista, sedotto da certe considerazioni sociali. Come anche in Francia, dove Antoine Waechter, ad esempio, il candidato presidenziale Verde nel 1988,  ha scritto la prefazione di un libro di Pedagogia apologetica delle scuole Steiner-Waldorf  titolato “Educare alla libertà”. Ma dagli anni '60, su impulso di Claude Monzies, vennero lanciati ponti tra i seguaci dell'agricoltura biologica e il movimento di Steiner, considerata un'alternativa all'agricoltura convenzionale. Claude Aubert, una delle grandi figure dell'agricoltura biologica e Nature & Progress, hanno fatto diversi stage a Monzies. E un altro fondatore di Nature & Progress, il dott. Jacques-William Bas, era anche un noto adepto dell'antroposofia. Ancora oggi, gli antroposofisti eccellono nel convincere le persone di spicco che difendono le loro idee senza apparire aderenti al movimento. Questo è il caso di Pierre Rabhi, Jean-Marie Pelt, recentemente scomparso, o Edgar Morin, che non nasconde la sua simpatia per le scuole di questo movimento.  Quando si analizzano alcuni dei loro scritti, c'è una incontestabile vicinanza al discorso pseudo-scientifico di Steiner.

 

Cosa sai dei prodotti Weleda, in vendita in molte farmacie?

Tutti i prodotti venduti con il marchio Weleda sono sviluppati sulla base dei fondamenti esoterici di Steiner. Il marchio è anche controllato maggioritariamente da due azionisti, la Società antroposofica universale e la clinica svizzera Ita Wegman, un medico donna di origine olandese che è stata una delle grandi figure del movimento dell’antroposofia. Senza volere giudicare la qualità di questi prodotti, posso dire con certezza che non sono solo provenienti da agricoltura biodinamica e da una raccolta fatta secondo le stelle, ma sono anche impregnati di pratiche occultiste in diretto rapporto con la cosmologia steineriana e che fanno parte integrante della loro preparazione. Quando ero uno studente in una scuola di Steiner, era consuetudine mandare gli studenti a stage in aziende che erano seguaci del movimento. Così il laboratorio svizzero Weleda ha accolto alcuni miei compagni di classe, che mi hanno detto di aver scoperto come Weleda stava lavorando per eliminare le forze del male presenti nella materia prima delle sue varie lozioni. 

Qualcuno acquisterebbe facilmente delle creme da doccia Weleda se sapesse che la loro unica particolarità - che è il principio di base di tutti i prodotti Weleda - deve essere quella di prepararla con il metodo della "dinamizzazione", che implica di integrare nelle sostanze trattate delle forze astrali ed eteriche? In pratica, ciò significa che si deve mescolare meccanicamente il liquido secondo una determinata lemniscata, cioè secondo una curva a forma di otto capace di legare lo spirituale al terrestre. La figura dell”8” mette in relazione la sfera dell’alto con quella del basso e quindi le energie spirituali dell’alto sono indotte a penetrare le forze del basso, ciò ha come conseguenza che le forze terrestri di scambiarsi e di equilibrarsi. Questo è quello che si paga quando si acquistano prodotti Weleda ... Queste non sono altro che pratiche druidiche. Per quanto riguarda i rimedi contrassegnati Iscador, supposti curare il cancro, essi sono costituiti da vischio, questo "animale-vegetale" della Vecchia luna raccolto in un determinato periodo dell'anno secondo le sue energie astrali. Un business che funziona piuttosto bene.

 

Si spiega che l'obiettivo dell'agricoltura biodinamica è "rispiritualizzare" l'umanità. Che ci dici della nutrizione?

Steiner ha scritto molto sul rapporto tra alimentazione e spiritualità. Esiste anche una cucina chiamata "Anthroposophic", promossa da dietologi antroposofici, il più famoso in Francia, Joel Acremant, autore di “Nutrirsi oggi” che propugna una nuova consapevolezza nelle scelte alimentari, pubblicato nel 2002 da Novalis, la casa editrice del movimento steineriano. …[omissis ]… Una buona dieta, secondo Steiner, inizia con una specie di rituale consistente nel mangiare un cereale ogni giorno della settimana che differisce in base ai pianeti. Così, il lunedì, il giorno della luna, è consigliabile mangiare il riso, mentre mercoledì, il giorno di Mercurio, raccomanda il miglio e il sabato, il giorno di Saturno, il grano. The Cereal Kitchen dettaglia questo presunto collegamento tra i cereali e i giorni della settimana. Steiner ha insegnato che le sostanze alimentari hanno un'influenza enorme sulla nostra psiche: nel suo libro intitolato "Cibo e salute", spiega che "i pomodori sono la pianta più asociale di tutte le piante". Inoltre, consiglia di proibire il consumo di pomodori "a una persona che soffre di cancro, poiché un cancro crea a priori nell'organismo umano (...) una zona di autonomia". Il pomodoro ha la forma di un tumore, da qui la sua tossicità. E anche la patata "ha tendenze simili". Inoltre, questo tubero delle Americhe renderebbe la nostra anima "materialistica": la patata ha anche un comportamento indipendente, indipendente a tal punto da attraversare preferibilmente l'intero processo di digestione senza alcun danno, per poi entrare nel cervello e renderlo indipendente, anche indipendente dall'azione di altri organi umani. Quindi "l'uomo e gli animali sono diventati materialisti dall'introduzione delle patate in Europa". Mangiamo troppe patate! E secondo i suoi discepoli, la soia - che Steiner non conosceva - avrebbe anch’essa questa capacità di renderci "materialisti". Infine, l'antroposofia rivendica una serie di divieti alimentari, come non mangiare carne, perché il cibo animale interferisce con le percezioni spirituali. Il vino è anche fortemente scoraggiato. Steiner sostenne in una delle sue conferenze che mentre l'alcol aveva un ruolo innegabile nei tempi antichi per rafforzare il senso del "io", non era più necessario da quando Cristo si è incarnato, dal momento che è l'entità che ha permesso agli uomini di possedere il loro "io" in modo intero e completo. Per Steiner, il ruolo dell'alcol nell'umanità è finito. Ma anche il tè è scoraggiato: è la bevanda degli inglesi e dei diplomatici e ci renderebbe "superficiali". Per le infusioni, Steiner consiglia di non lasciare in infusione più di cinque minuti perché, oltre, gli spiriti Ahrimaniani  si mescolano alla  bevanda. 

Questo per dire che oggi siamo circondati da persone possedute da Ahriman e Lucifero!

 

 

In apertura foto di Olio Officina, tratta da una mostra di Arte da Mangiare sul cibo

Alberto Guidorzi - 02-07-2019 - Tutti i diritti riservati

Alberto Guidorzi

Agronomo, ha studiato Scienze agrarie presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza, e vive attualmente a Sermide, nel Mantovano. Scrive sui magazine "Agrarian Sciences", "Salmone" e "La Valle del Siele"

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
L'olio dei monaci camaldolesi ha per nome Eremo

L'olio dei monaci camaldolesi ha per nome Eremo

Un impegno secolare, quello dei Benedettini Camaldolesi. Quelli di cui scriviamo hanno sede a Bardolino, in Veneto. Noi dobbiamo moltissimo all'operato dei religiosi, i quali hanno effettivamente salvato l'olivo in epoche in cui si registrò un radicale allontamento dalla coltivazione > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

EXTRA MOENIA
I Fratelli Carli puntano sulla varietà simbolo della Liguria

I Fratelli Carli puntano sulla varietà simbolo della Liguria

Novità di prodotto. La storica azienda olearia di Imperia, che dal 1911 produce e distribuisce per corrispondenza i propri prodotti in Italia e in diversi Paesi nel mondo, presenta un nuovo olio: il Monocultivar Taggiasca. Si amplia così l’offerta, introducendo il sesto extra vergine della gamma.

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olio spiegato alle mie figlie

L’olio spiegato alle mie figlie

Un libro dell'oleologo Lorenzo Cerretani per le edizioni Olio Officina, da avere assolutamente con sé. Pensato per i giovanissimi, è adatto anche agli adulti. Un linguaggio semplice, proprio per questo utilissimo per apprendere tutto, ma proprio tutto, sull'olio da olive, il pregiato succo