Lunedì 25 Maggio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > economia

Lo stato del comparto oleario italiano aggiornato al 14 maggio

Lo stato del comparto oleario italiano aggiornato al 14 maggio

Il report dell'Icqrf a partire dai dati contenuti nei registri telematici dell’olio. Gli operatori sono in tutto 24.217, con un totale 26.322 stabilimenti attivi. Risultano presenti 347.112 tonnellate di oli da olive. Le giacenze, in leggero calo (-1,7%) rispetto al 7 maggio scorso (353.279 t), confermano la tendenza decrescente caratteristica del periodo. Nonostante ciò, le giacenze di olio continuano a essere molto alte, superiori di circa un terzo rispetto allo stesso periodo del 2019 (+31,0%)


Il mercato dell'olio in Giappone

Il mercato dell'olio in Giappone

Le importazioni degli oli di oliva vergini e oli di oliva sono aumentate del 24% nella campagna 2018/19 rispetto alla precedente, raggiungendo quota 68.981 tonnellate


La gestione del rischio in agricoltura

La gestione del rischio in agricoltura

I numeri della campagna assicurativa agricola 2019 confermano, per il terzo anno consecutivo, l'andamento positivo del mercato agevolato, con un rilevante elemento di novità rappresentato dal conseguimento del primato assoluto in termini di valori assicurati, pari a quasi 8,3 miliardi di euro, in crescita su base annua del 5,1%. È quanto emerge dalle stime Ismea, basate sui dati trasmessi dalle compagnie assicurative, pubblicate nel Rapporto sulla gestione del Rischio in agricoltura 2020


Come appare il comparto oleario al 7 maggio 2020

Come appare il comparto oleario al 7 maggio 2020

Il report dell'Icqrf redatto sulla base dei dati contenuti nei registri telematici dell’olio. Gli operatori sono 24.217, con un totale di 26.322 di stabilimenti attivi e 353.279 tonnellate di oli da olive. Le giacenze sono in leggero calo (-0,8%) rispetto al 28 aprile (356.255 t) e confermano la tendenza decrescente caratteristica del periodo. Nonostante ciò, le giacenze di olio continuano a essere molto alte, superiori di un terzo rispetto allo stesso periodo del 2019 (+33,3%)


Ecco come appare il comparto oleario italiano a fine aprile

Ecco come appare il comparto oleario italiano a fine aprile

Il report dell'Icqrf sulla base dei dati contenuti nei registri telematici dell’olio. Al 28 aprile 2020 gli operatori presenti sul registro telematico dell’olio sono 24.217, con un totale 26.322 stabilimenti attivi. Si dispone in tutto di 356.255 tonnellate. Le giacenze, in leggero calo (-1,3%) rispetto ad una settimana fa (361.051 t), confermano la tendenza decrescente caratteristica del periodo. Nonostante ciò, le giacenze continuano a essere molto alte, superiori di quasi un terzo rispetto allo stesso periodo del 2019 (+30,9%)


Esiste in commercio anche l’acqua di oliva. Tutto ha un valore

Esiste in commercio anche l’acqua di oliva. Tutto ha un valore

Non è il frutto della fantasia, ma la preziosa collaborazione del Frantoio oleario Consoli - di Adrano, in Sicilia - con le università di Catania e Messina. In ragione di una tecnica di conservazione prontamente brevettata, si è provveduto a stabilizzare il prodotto immettendolo in commercio in grossi contenitori destinati alle imprese del settore farmaceutico e cosmetico


Il vino Primitivo in Sicilia, l'olio Taggiasca in Puglia?

Il vino Primitivo in Sicilia, l'olio Taggiasca in Puglia?

Battaglie enoiche, ora scende in campo anche il ministro Teresa Bellanova: non consentirò mai a un vino siciliano di chiamarsi Primitivo. La legislazione, si sa, protegge i riferimenti territoriali, attraverso le attestazioni di origine, ma non determina la protezione giuridica delle varietà, ed è impossibile impedire che queste possano essere coltivate altrove. La stessa problematica la vivono alcune aree olivicole celebri come la Liguria, in cui "la" cultivar fa la differenza commerciale


Il comparto oleario italiano al 21 aprile. Lo stato dell'arte

Il comparto oleario italiano al 21 aprile. Lo stato dell'arte

Il report dell'Icqrf redatto sulla base dei dati contenuti nei registri telematici dell’olio. Secondo gli ultimi rilievi gli operatori sono 24.217, con un totale 26.322 stabilimenti attivi e 361.051 tonnellate di olio da olive. Lo stock registra un leggero calo (-1,4%) rispetto alla settimana precedente (366.354 t). Le giacenze  continuano ad essere molto alte, superiori di quasi un terzo rispetto allo stesso periodo del 2019


Comparto oleario ed effetti Covid-19. Siamo chiamati a una svolta

Comparto oleario ed effetti Covid-19. Siamo chiamati a una svolta

Le imprese olearie hanno servito costantemente le richieste della grande distribuzione, ma non tutte le aziende sono riuscite a vendere i propri oli. Occorre fare in modo che l’inevitabile crisi economica che seguirà immediatamente non sfaldi del tutto quanto di buono è stato realizzato negli ultimi decenni. Siamo tutti chiamati a inventarci un nuovo corso per non veder ridimensionati i consumi di olio extra vergine di oliva al giusto prezzo


Il comparto oleario italiano al 7 aprile

Il comparto oleario italiano al 7 aprile

Il report dell'Icqrf redatto sulla base dei dati contenuti nei registri telematici dell’olio, comprende quanto riportato dai 24.217 operatori attivi su un totale di 26.322 stabilimenti. La quantità di olio detenuta nel Paese ammonta a 367.265 tonnellate, di cui 343.801 di prodotto sfuso


Ripensare il lavoro in agricoltura

Ripensare il lavoro in agricoltura

“In una situazione di emergenza – ci scrive Dino Scanavino, presidente nazionale di Cia-Agricoltori Italiani – ogni proposta è buona, se ha come obiettivo l’incremento dei lavoratori nel settore agricolo, dal reddito di cittadinanza ai voucher, sul cui ritorno, però, c’è la chiara avversione dei sindacati. Serve, oggi più che mai, una sanatoria per regolarizzare gli immigrati e gli irregolari che lavorano nei campi, insieme a una piattaforma per gestire i lavoratori stagionali”


Voucher, basta fake news

Voucher, basta fake news

Il vero problema - ci scrive il segretario generale della Uila-Uil Stefano Mantegazza - è l’incrocio domanda-offerta di lavoro. L’agricoltura - precisa - dispone già di lavoratori in eccesso a cui rivolgersi e di massima flessibilità nell’utilizzarli. Quello a cui il sindacato si oppone è l’ulteriore deregolamentazione dei voucher


Il quadro del comparto oleario italiano a fine marzo

Il quadro del comparto oleario italiano a fine marzo

Il report con i dati al 31 marzo, elaborati sulla base di quanto presente nei registri telematici dell’olio. In questa fotografia del settore gli operatori sono 24.217, con un totale 26.322 stabilimenti attivi, mentre la quantità di olio disponibile è di 371.251 tonnellate, di cui 347.383 tonnellate di prodotto sfuso


I dati aggiornati del comparto olio

I dati aggiornati del comparto olio

Il report con i dati al 23 marzo sulla base dei dati contenuti nei registri telematici dell’olio. In questa fotografia del settore gli operatori sono in totale 24.217, con 26.322 stabilimenti attivi. La quantità di olio da olive detenuta in Italia dai soggetti obbligati a comunicarlo è di 372.342 tonnellate, di cui 348.296 tonnellate di prodotto sfuso


Valore e benessere con le attestazioni Dop e Igp

Valore e benessere con le attestazioni Dop e Igp

Un’indagine Qualivita evidenzia da un lato i risultati dell’impegno del settore agroalimentare sul fronte della certificazione delle origini certificate e, dall'altro, riporta le linee guida di ricerca e comunicazione utili per consorzi e imprese. Non è nemmeno da sottovalutare il valore nutrizionale e nutraceutico del paniere delle indicazioni geografiche italiane così come emerge dal mondo della ricerca scientifica


Lo stato del comparto olio oggi

Lo stato del comparto olio oggi

Ecco come si presenta il settore secondo il report Icqrf con dati aggiornati al 15 marzo 2020. Il documento è stato redatto sulla base dei dati riportati nei registri telematici dell’olio. Gli operatori presi in esame, e sui quali ricade l'obbligo della tenuta dei registri, ammontano a 24.217, con un totale 26.322 stabilimenti attivi. La quantità di olio detenuta nel Paese è di 371.979 tonnellate, di cui 349.717 tonnellate di prodotto sfuso


Il comparto oleario italiano ad oggi nel report Icqrf

Il comparto oleario italiano ad oggi nel report Icqrf

Come si presenta lo scenario del settore alla luce dei dati del sistema Sian aggiornati al 29 febbraio 2020, relativamente alla produzione e alle giacenze delle varie tipologie di olio da olive disponibile: la quantità di olio detenuta dai soggetti obbligati alla tenuta dei registri ammonta a 379.245 tonnellate, di cui 356.734 tonnellate sono di merce allo stato sfuso


Italia leader mondiale con i prodotti certificati

Italia leader mondiale con i prodotti certificati

Le Dop e le Igp fungono da traino per l’export e lanciano in modo efficace la cultura del made in Italy. È quanto emerge dal Rapporto Ismea/Qualivita 2019. La Dop economy è arrivata a pesare il 20% del fatturato complessivo del settore agroalimentare nazionale


L’Algeria olearia si sta svegliando

L’Algeria olearia si sta svegliando

Il ministro Ferhat Aït Ali Braham propone la creazione di un consorzio per l’esportazione degli oli da olive. Le potenzialità ci sono tutte per poter decollare e imporsi negli scenari internazionali. Quest’anno si dovrebbe raggiungere quota 120 mila tonnellate di olio prodotto


L'olio d'oliva e le olive da tavola, i dati sul commercio mondiale

L'olio d'oliva e le olive da tavola, i dati sul commercio mondiale

Uno sguardo ai dati commerciali, comunicati dal Coi, dell'olio d'oliva e dell'olio di sansa nei primi otto mercati nei primi due mesi dell' annata ottobre 2019 - novembre 2019. In Cina si è registrato un + 42% di importazioni, positivi anche il Brasile e la Russia, mentre sono diminuite in Australia,  negli Stati Uniti,  in Giappone e in Canada rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Le acquisizioni intra-UE sono aumentate del 21% mentre le importazioni extra-UE del 3% rispetto allo stesso periodo dell'anno solare precedente


Il mercato internazionale: le importazioni di olio in Australia

Il mercato internazionale: le importazioni di olio in Australia

Il Coi, Consiglio Oleicolo Internazionale, ha pubblicato gli ultimi dati della campagna 2018/2019 verificatasi in Australia  


| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | >>

INOLTRE
OLTRE

La Xylella fastidiosa in Corsica

AGRICULTURE.GOUV.FR

PARTNERS
Casa dell'Olivo Olea Donne dell'Olio Olio di Famiglia
LA PAROLA

Frìggere

v. tr. e intr. [lat. frīgĕre] - cuocere in olio, burro o in grasso bollente

CHE OLIO SEI

L’olio secondo Gualtiero Marchesi

Lo scrittore Nicola Dal Falco incontra il padre nobile della cucina italiana per un confronto su una materia prima tanto pregiata qual è il succo di oliva. “Quando vivevo con i miei genitori – racconta il grande cuoco – la merenda ideale era di versare l’olio sul piatto e, poi, intingere con del pane casalingo, tagliato a fette. Buonissimo”

Le scelte di Camilla Guiggi

Blogger e degustatrice, si sofferma sull’analisi sensoriale di vari alimenti, in particolare sul vino, senza trascurare l’olio da olive, che non manca mai sulla sua tavola. Ha una predilezione per i monocultivar: da olive Cellina di Nardò, Picholine e Moraiolo in particolare. Non trascura nemmeno gli oli “altri”: quello di Lentisco, sardo; o l’olio di nocciola tonda gentile del Piemonte. Ed evidenzia infine una anomalia: “è difficile trovare ristoranti dotati di un’ampia gamma di oli

Le scelte di Alessandra Lofino

Giornalista e blogger pugliese, con una grande passione per la cucina e i buoni frutti della terra. Predilige gli oli ottenuti da due cultivar: la Leccina, dal sapore delicato, del sud est barese, e la Coratina, del nord barese, dal piacevole piccantino. Il suo ristorante oliocentrico preferito è Menelao a Santa Chiara, di Michele Boccardi, nel centro storico di Turi

Le scelte di Valeria Biagi

Si occupa di letteratura ed è vicepresidente del Centro Studi Sirio Giannini, autrice di un libro dedicato agli scrittori della provincia di Lucca. La sua famiglia produce olio da molte generazioni, ma a scopo esclusivamente privato, nella campagna versiliese. Il ristorante oliocentrico preferito? L'Antico Uliveto di Seravezza

Le scelte di Marina Ferrara

Sempre e solo olio extra vergine di oliva, e, devo dire - ammette l'artista e transformational coach - che anche quel poco di burro della tradizione trentina, da parte di madre, è quasi del tutto scomparso. Il padre napoletano ha influito molto. L'alimento è unico, senza dubbio, ma l'altro senso che l'olio stimola in lei, è quello del tatto nella sua essenza oleosa, spesso utilizzato anche nei trattamenti olistici > Silvia Ruggieri

Le scelte di Antonella Millarte

Giornalista sempre attenta alle materie prime di cui ci s nutre, non smette mai di cercare e segnalare le migliori produzioni in circolazione, e, tra i fornelli si muove con agilità e voce narrante. Ama gli oli Coratina e Nocellara del Belice, come pure il blend di Ogliarola e Leccina. Il suo ristorante oliocentrico? Antichi Sapori, di Pietro Zito

RITRATTI AD OLIO

Olivagione al femminile

La galleria fotografica che potete ammirare è di Stefano Triulzi. Le olive sono tutte di cultivar Taggiasca, proprietà di Ivano Brunengo. Siamo in Liguria. La donna che vedete, intenta a raccogliere i preziosi frutti che si tramuteranno in olio, non è una olivicoltrice ma un’antropologa del cibo: Giulia Ubaldi. "Vivere l’emozione della raccolta, è questo che ci permette di capire cosa sia e quanto valga una materia prima così fondamentale qual è l’olio ricavato dalle olive > Luigi Caricato

L’emozione di chi assaggia

Cosa significa apprendere l’arte della valutazione sensoriale degli oli da olive? Cosa accade dopo aver frequentato un corso di assaggio e aver scoperto le infinite potenzialità che si celano dietro una materia prima che tanti consumano ma senza conoscerne appieno l’identità e le tante potenzialità espressive? Il fatto è che si acquista un olio immaginando che sia eccellente per partito preso, solo perché lo si è prodotto; eppure le sorprese non mancano. La testimonianza di Marco Tribuzio, vice presidente di Confcooperative Bari-Bat

L’unione fa la forza

Si è sempre detto che gli italiani non siano in grado di realizzare progetti comuni e condivisi, inadatti come sono a mettersi insieme e collaborare. E’ drammaticamente vero, ma ci sono le eccezioni. E’ il caso positivo di Domenico Fazio, Giampaolo Lupi e Carlo Bianchi, tutti e tre impegnati a valorizzare i propri extra vergini a partire dal marchio collettivo "Da Vinci" > Luigi Caricato

Il passato lascia tracce

L’azienda agraria della famiglia Clarici a Foligno vanta una tradizione ben radicata, come ben dimostrano alcune tra le immagini tratte dall’archivio storico che vi proponiamo. Ora, la nuova generazione, la quinta, con Pietro e Maria Elisabetta ha in programma un ambizioso progetto di recupero dell’antica struttura > Luigi Caricato

Sì alla terra e agli ulivi

Perché pensare che il lavoro agricolo sia solo pura tecnica e fatica, senza alcuno spazio per i sentimenti e le emozioni? Teresa Marinucci Palermo, molisana di Rotello, a 38 anni produce olio insieme con la famiglia. Le colline sulle quali gli olivi campeggiano, sembrano contorni di corpi femminili dalle linee dolci e morbide. L’olio ricavato dalle olive è per lei elemento indispensabile come l'acqua

Un po’ d’olio per iniziare

Pane e olio, qualunque sia il cibo e il vino che seguiranno. Parola di Aimo Moroni, patron del ristorante Luogo di Aimo e Nadia di Milano. “Ogni volta che mi chiedono il perché, rispondo che l’olio nel piatto riguarda un po’ la mia storia, molto la cultura di questo Paese e altrettanto se non di più la salute”. E aggiunge: “Resto debitore del motto di Ippocrate secondo cui l’alimento è medicamento” > Nicola Dal Falco

ALTRE INCURSIONI
DIXIT
MERCATI

Quotazioni di mercato per gli oli da olive
del 19 maggio 2020

ESTERO
  • Grecia
  • Spagna
  • Tunisia
  • Marocco
ITALIA
  • Andria
  • Bitonto
  • Sud Puglia

a cura di Adriano Caramia, Noureddine Ouazzani, Ettore Campobasso, Domenico Petrosillo

SAGGI ASSAGGI
Il Casa Coricelli 100% italiano

Il Casa Coricelli 100% italiano

Il punto di forza e di novità è nella tracciabilità certificata, ben evidenziata in etichetta. Il numero di lotto rimanda a una materia prima pugliese, e in particolare proveniente dalle province di Taranto e Brindisi. Sapidità, armonia, morbidezza, una nota dolce persistente al primo impatto, il gusto che ricorda il carciofo > Maria Carla Squeo

Opera versione Intenso, la Coratina targata Radici di Puglia

Opera versione Intenso, la Coratina targata Radici di Puglia

Il marchio, proprietà della famiglia Agresti, di Andria, è una realtà che opera sin dagli anni Trenta nella regione olivicola più vocata del Paese. Gli oliveti sono collocati in un’areale tra i più celebri e prestigiosi.  L'olio? Buona fluidità, equilibrio, giusta sapidità e carattere, l'amaro e il piccante ben dosati > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Marisa Iocco, chef e patron di Spiga Ristorante a Boston, ci propone un dolce tipicamente americano, molto popolare e ormai ritenuto così familiare da non poterlo togliere dal menu, per quanto è richiesto. Lo stesso dolce è stato proposto in occasione del progetto di comunicazione e formazione che si è tenuto a fine 2019 a Boston, Providence e New York, organizzato dai consorzi di qualità degli oli extra vergini di oliva Ceq Italia e, per la Spagna, da QvExtra! con il supporto dell’Unione europea

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
Ecco il miglior Aceto Balsamico di Modena Igp

Ecco il miglior Aceto Balsamico di Modena Igp

L’organizzazione tedesca Stiftung Warentest, nota per la propria indipendenza e imparzialità, ha reso noto, attraverso le pagine della sua rivista Test, i risultati di una serie di analisi effettuate su ben 19 aceti balsamici di Modena. A guadagnare il più alto gradino sul podio è stato l’Igp “5 Grappoli invecchiato” dell’Acetaia Giuseppe Cremonini di Spilamberto

L'aglio, che bontà. Abbinato all'olio Coratina diventa glamour

L'aglio, che bontà. Abbinato all'olio Coratina diventa glamour

Cosa propongono sul mercato le aziende. Nella "Linea Aroma" di Agrolio-Radici di Puglia, c'è l'Aroma all'Aglio. Può piacere o meno, ma l'idea è vincente. È un antibatterico molto efficace, e oltretutto aiuta a stabilizzare la circolazione sanguigna e la pressione. Poi, con un olio ricco di antiossidanti l'abbinata è perfetta

GIRO WEB
Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Si chiama “Lavora con agricoltori italiani” ed è una iniziativa di Cia-Agricoltori Italiani. Si tratta, per l'esattezza, di un portale di intermediazione per mettere in contatto lavoratori e aziende agricole. Ora però si attendono misure concrete da parte delle Istituzioni, la mancanza di manodopera desta non poche preoccupazioni

La Borsa Merci telematica rinnova il proprio sito

La Borsa Merci telematica rinnova il proprio sito

È disponibile on line il web site della società del sistema camerale italiano per la regolazione, lo sviluppo e la trasparenza del mercato e per la diffusione dei prezzi e dell’informazione economica. Ora è tutto più immediato, snello, intuitivo e comprensibile. All’interno delle varie macro aree, si segnalano le sottosezioni “Prezzi e analisi”, “Commissioni Uniche Nazionali” e “Mercati telematici” 

OO VIDEO

Il sottocosto dell’olio extra vergine di oliva

È un approccio commerciale decisamente sbagliato, perché non attribuisce il reale valore a un olio che vanta invece grandi meriti nutrizionali, salutistici e perfino edonistici. Ne abbiamo parlato con Andrea Carrassi, direttore generale di Assitol, organizzazione da tempo impegnata a contrastare pratiche commerciali che sviliscono un prodotto di alto valore

Un progetto per sensibilizzare le attenzioni per le donne

Nell’ambito della nona edizione di Olio Officina Festival è stato riservato uno spazio a una lodevolissima iniziativa di Alice Sommariva, illustre imprenditrice olearia di Albenga, che ha dedicato una bottiglia di olio, chiamata “You, a una nobile causa. Da qui l’intervista alla giornalista Francesca Carollo, presidente della associazione Wall of Dolls Onlus, contro la violenza sulle donne

La grande storia di una storica impresa olearia

Giorgio Novaro, presidente della Olio Novaro, racconta in brevi cenni l’esordio, nel 1860, della ditta Paolina Sasso & Figli, fondata dal bisnonno Agostino Novaro. Da allora, il segno della continuità nel nome di una famiglia che ha fatto la storia dell’olio in Italia e nel mondo, non è mai venuto meno; e oggi, nel 2020, si celebra un importante anniversario, proprio a seguito dei 160 anni dedicati dalla famiglia Novaro alla cultura e al commercio oleario

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Non tutti gli italiani conoscono l'olio extra vergine di oliva. Lo consumano, certo, ma ne ignorano la natura e il valore. Lo si vede da come acquistano l’olio al supermercato, scegliendo sempre quello in offerta al prezzo più stracciato. Ecco allora un utile strumento per acquisire le giuste conoscenze e imparare a impiegare al meglio tutti gli extra vergini > Silvia Ruggieri

Xylella fastidiosa. Misure di contenimento e prevenzione

Xylella fastidiosa. Misure di contenimento e prevenzione

È stato aggiornato e reso disponibile a tutti, dalla redazione di InfoXylella, l'opuscolo con le informazioni sulle misure necessarie per contrastare l'epidemia di olivi in Puglia. Questo batterio da solo non si ferma e diviene pertanto ancor più fondamentale informare capillarmente al fine di contrastare la diffusione del contagio