Venerdì 18 Agosto 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > economia

Cannabis light

C'è una occasione di reddito in più per chi coltiva la canapa. L’agricoltura si apre dunque a nuove coltivazioni. Un incontro a Roma, di Federcanapa, ha fatto il punto su produzione e vendita delle infiorescenze. I coltivatori potrebbero avere giusti redditi senza avere bisogno di sovvenzioni. È un comparto che si sta sviluppando fortemente, almeno come vendite nei negozi dedicati

Marcello Ortenzi

Cannabis light

La canapa industriale, dopo l'entrata in vigore della legge 242/2016 ha suscitato nuove attività di coltivazione e settori d'impiego e recente è la notizia del brevetto Enea per la bioedilizia antisismica.

Un comparto che si sta sviluppando fortemente almeno come vendite nei negozi dedicati è oggi quello che riguarda le infiorescenze della pianta, le cosiddette cannabis light. Le infiorescenze coprono quasi un terzo dell’intero stelo della pianta e anche nelle varietà conformi alla legislazione europea, con THC inferiore allo 0,2%, concentrano oltre al seme, le molecole a più alto valore aggiunto della pianta: flavonoidi, terpenoidi, acidi grassi, altri cannabinoidi, ecc.

A luglio, presso il CNR a Roma, Federcanapa ha promosso una discussione con i soci sul tema delle infiorescenze già vendute da anni e le critiche che a volte sono venute sulla natura di questo prodotto. Gli interventi nella riunione hanno evidenziato che da un po' di tempo si è notato un boom della cosiddetta cannabis light, venduta in un barattolino di cime di canapa in negozi che si sono moltiplicati nelle città. In un momento in cui i coltivatori di canapa faticano a remunerare i costi la vendita a buon presso di questa parte della pianta sembra essere una nuova risorsa italiani.

Tutte le persone che si sono recate ad una fiera o ad un evento di settore negli ultimi anni, hanno potuto trovare infiorescenze di diverse genetiche di canapa, tutte di diverse varietà certificate a livello europeo e che sviluppano al massimo lo 0,2% di THC, impacchettate in diversi modi. 

Due aziende in particolare Mary Moonlight ed Easy Joint, hanno iniziato a pubblicizzare i propri prodotti specificando di usare canapa nazionale coltivata legalmente e il rappresentante della Easy Joint è intervenuto nella discussione. E' stato sottolineato che la legge nazionale entrata in vigore a gennaio non da prescrizioni sul tema infiorescenze né altra norma e questo sembra consentire di utilizzarle sia in campo alimentare sia a scopo ricreativo.

Secondo un report di mercato appena consegnato e redatto da un ricercatore italiano della Sorbona, Davide Fortin, che si occupa di cannabis "con un quadro legislativo ad hoc le attività commerciali di cannabis light in Italia potrebbero generare un fatturato annuo minimo di circa 44 milioni creando l’equivalente di almeno 960 posti di lavoro fissi. Inoltre, poiché la filiera produttiva è quasi totalmente confinata in Italia, le previsioni circa le oltre 20 tonnellate acquistate porterebbero all’erario una tassazione minima annua attorno ai 6 milioni di euro".

Federcanapa, è favorevole a queste infiorescenze perché la commercializzazione di esse sta svolgendo un’azione utilissima per l’intera filiera. In breve tempo si è dato valore economico a una parte della pianta, l’infiorescenza, fino ad ora non utilizzata. Tuttavia per Federcanapa, come anche raccomanda il ricercatore, è necessario che si producano normative che regolamentino il mercato, indicando gli importanti temi della tracciabilità, l'etichettatura e altre variabili da normalizzare. I coltivatori potrebbero avere giusti redditi  senza avere bisogno di sovvenzioni pubbliche, unendo lo sfruttamento sia la fibra sia l’infiorescenza della canapa, che la vendita dei semi.

Marcello Ortenzi - 29-07-2017 - Tutti i diritti riservati

Marcello Ortenzi

Nato a Roma, dove risiede, si è laureato in Economia e Commercio nell’Università "la Sapienza", con una tesi in Politica agraria sugli interventi per le aree interne e montane risiede nella capitale. Si è occupato di progettazione industriale e di comunità montane, partecipando a un gruppo di lavoro dell’Uncem Lazio per la preparazione di una legge regionale sugli enti montani. Ha collaborato inoltre con l’Istituto di studi sulle Regioni del CNR, elaborando alcune annate di analisi dei bilanci regionali. E’ stato funzionario della Regione Toscana nell’ufficio di Presidenza a Roma, e ora si occupa dell’utilizzazione delle biomasse nei settori energia ed industria con l’Italian Biomass Association (Itabia), associazione scientifica con sede in Roma, curando specialmente gli aspetti normativi e la divulgazione dei risultati delle attività. Collabora dal 1989 con alcune riviste agricole, occupandosi specialmente di castanicoltura e fibre vegetali, e redige inoltre un bollettino di lavori parlamentari on line sui temi agroforestali ed energetici.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Think green

Think green

Un mix di olive di diverse cultivar rendono l'olio dell'Oleificio Angelo Coppini di Terni, un cento per cento italiano, un extra vergine versatile e armonico, dal gusto rotondo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
L'apertivo insolito

L'apertivo insolito

La cipolla egiziana ligure marinata, le olive Taggiasche e l’olio extra vergine di oliva Dop Riviera Ligure. Ed è fatta. Ovvero: quando l'essenziale rende appetibile il necessario > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Concedersi il tempo per star bene con se stessi

Concedersi il tempo per star bene con se stessi

Alla Terme della Versilia, presso l'Hotel Villa Undulna, a Cinquale, ci sono tutte le occasioni per ritemprarsi all'interno della spa, e non solo durante l'estate. Una grande attrazione la esercitano in particolare due preziosi elementi della natura, con le loro virtù terapeutiche: l’acqua salsobromoiodica e la torba del vicino lago di Massaciuccoli > Maria Carla Squeo

GIRO WEB
Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Abbiamo collocato on line il sito della nostra casa editrice. Uno strumento utile per saperne di più sulle nostre pubblicazioni, sia cartacee, sia telematiche. Il nuovo sito è sul dominio olioofficina.eu, e affianca quelli di Olio Officina Magazine (olioofficina.it), Olio Officina Globe (olioofficina.net) e Olio Officina Festival (olioofficina.com). Buona navigazione > Luigi Caricato

OO VIDEO

L’olio d’alta quota

In giugno, sabato 10, la presenza del movimento culturale Tree Dream da Peck, nel tempio della gastronomia. Il dialogo tra Luigi Caricato e Flavio Lenardon

BIBLIOTECA OLEARIA
La dinastia olearia dei Guarini

La dinastia olearia dei Guarini

In Puglia sono stati un solido punto di riferimento, e tutt’oggi sono operativi su più fronti. In un libro di Achille Colucci, e a cura di Rosa del Vecchio, viene ripercorsa la goriosa storia della Oleifici Fasanesi > Maria Carla Squeo