Mercoledì 26 Settembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > economia

Che olivagione sarà

Secondo le previsioni di Gea Iberia, la Spagna produrrà oltre il 50 per cento dell'olio da olive mondiale, nella prossima campagna olearia, pari a 1.580.000 tonnellate, con un incremento di oltre il 26% rispetto alla precedente. Il lieve calo della produzione complessiva mondiale è dovuto alla contrazione di Italia, Tunisia, Turchia e Grecia. L’Italia produrrà solo 200 mila tonnellate d’olio, scendendo così in fondo alla classifica, alla quarta posizione

OO M

Che olivagione sarà

È un appuntamento fisso quello con le previsioni di produzione di Gea Iberia, di cui riportiamo integralmente la loro analisi.

La produzione mondiale di olio da olive diminuirà leggermente e la Spagna (+ 26%) compenserà il calo della produzione in Italia, Tunisia, Turchia e Grecia, in base alle evidenze sviluppate da Gea.

La produzione mondiale di olio d'oliva raggiungerà le 3.100.000 tonnellate nella stagione 2018/2019, secondo le valutazioni del Dipartimento di studi sull'oliva del Centro di eccellenza dell'olio di oliva di Gea (CEAO), diretto da Rafael Cárdenas. 

Questa previsione è inferiore del 6% rispetto alla campagna precedente, anche se la Spagna avrà ancora una volta la metà della produzione mondiale grazie ad un aumento della produzione del 26%, raggiungendo 1.580.000 tonnellate.

Secondo tale studio, gli 11,8 milioni di ettari di uliveti sparsi nei cinque continenti raggiungeranno una produzione di olive vicina a 18,9 milioni di tonnellate nella prossima stagione. In questo senso, si deve evidenziare l'anomala distribuzione della produzione nei grandi paesi produttori, dal momento che l'unico Paese che aumenterà la produzione, nella prossima olivagione, sarà “la Spagna, che riunirà dopo quattro campagne oltre la metà della produzione di olio d'oliva", come appunto afferma Rafael Cárdenas, direttore del CEAO di Gea. Tuttavia, gli otto principali paesi olivicoli offriranno l'87,4% della produzione mondiale di olio d'oliva.

La Spagna registrerà un forte aumento, di oltre il 26%, rispetto alla precedente campagna, raggiungendo una produzione di 1.580.000 tonnellate. 

La Grecia tornerà ad essere il secondo produttore con 230.000 tonnellate, anche se ridurrà la produzione rispetto alla scorsa stagione del 33%. 

La sorpresa arriva dalla Turchia che, con 220.000 tonnellate (16,35% in meno rispetto alla scorsa stagione), sarà al terzo posto a causa del calo della produzione in Italia (nella campagna 2016/17 era già al secondo posto tra i Paesi produttori).

Da parte sua, l'Italia produrrà il 50% in meno, raggiungendo le 200.000 tonnellate, relegando il paese in quarta posizione. 

Al quinto posto ci sarà la Tunisia, con una diminuzione rispetto allo scorso anno di oltre il 40%, attestandosi a 165.000 tonnellate. 

Il sesto produttore sarà il Portogallo, che si attesta a 115.000 tonnellate, confermando un calo del 14% rispetto all'anno record dell'anno scorso. 

Il settimo posto nella lista corrisponderebbe al Marocco, che rimescolerebbe la produzione rispetto allo scorso anno del 21,4% rimanendo nella cifra non trascurabile di 110.000 tonnellate di olio d'oliva. 

Infine, la Siria mantiene la produzione della stagione precedente con 100.000 tonnellate.

L'Italia torna al quarto posto nei paesi produttori per la seconda volta nella sua storia.

Come si può vedere nel grafico sotto riportato, c'è molta parità di produzione tra Italia, Grecia e Turchia. Tuttavia, va notato che l'Italia, per la terza volta nella sua storia, scende alla quarta posizione dei paesi produttori di olio d'oliva, acuendo la tendenza al declino della produzione che si è verificata nell'ultimo decennio.

 

La produzione delle campagne olearie 2011/2018 e le previsioni per la campagna 2018/2019

(Poiché la produzione della Spagna è di gran lunga superiore agli altri Paesi, i suoi valori di produzione sono stati ridotti a un terzo del valore reale, in modo da apprezzare meglio le differenze e gli aumenti degli altri Paesi produttori)

 

La Turchia, nonostante l'abbassamento della produzione rispetto alla scorsa stagione, migliora la media degli ultimi dieci anni e consolida la tendenza all'aumento della produzione.

La Spagna torna a produrre più della metà della produzione di olio d'oliva in tutto il mondo.

La Spagna aumenterà significativamente la sua produzione, ben al di sopra della media degli ultimi cinque anni. Ciò attenuerà il declino della produzione nei paesi del Mediterraneo e farà sì che la produzione mondiale diminuisca solo del 6% nella prossima campagna. 

"L'egemonia della Spagna nel settore dell'olio d'oliva sarà acuita nella prossima campagna, nella quale rafforzerà ulteriormente la sua leadership globale nel settore olivicolo", spiega il direttore del Centro di eccellenza dell'olio di oliva di Gea Rafael Cárdenas.

 

 

 

Si ringrazia l’area di comunicazione di GEA Iberia, Hermes Comunicación, per questo utile contributo.

La foto di apertura è una foto dell'azienda siciliana Bufalefi, di Felice Modica

 

 

OO M - 10-09-2018 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
La Sardegna è anche olivicoltura, non solo mare e vacanza

La Sardegna è anche olivicoltura, non solo mare e vacanza

Vi è una tradizione olivicolamillenaria che sa guardare avanti e innovare. Negli ultimi anni si stanno piantando nuovi oliveti, quasi tutti a coltivazione irrigua, con utilizzo di varietà a duplice attitudine, finalizzati a produzioni di alta qualità. In tutto ciò, c’è anche un importante concorso, che presto accoglierà le nuove produzioni d’eccellenza > Daniela Capogna

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La Dieta Mediterranea e l’olio da olive

Intervista a Evelina Flachi, specialista in Scienza dell’alimentazione e nutrizionista. Per una vita sana è necessario scegliere i giusti alimenti. Un buon condimento è fondamentale. L’olio extra vergine di oliva è un buon punto di partenza. In dosi moderate fa la differenza

BIBLIOTECA OLEARIA
Evooleum 2019, la miglior guida del mondo

Evooleum 2019, la miglior guida del mondo

Anche se vi sono in commercio altre pubblicazioni analoghe in cui si segnalano i migliori extra vergini, nessuna finora ha raggiunto i medesimi livelli di qualità e stile. Primo valore con cui si contraddistingue: la trasparenza. Non meno importante è anche la grafica con cui è stata confezionata. Non poteva essere diversamente, con una guida che propone non una quantità smodata di oli, ma solo i migliori cento > Luigi Caricato