Lunedì 10 Dicembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > economia

Fatti, non solo parole

Le risposte, concrete, del Fooi alle difficoltà dell’ultima campagna olearia. Cosa significa dire olio? Tante cose, tra cui ambiente e salute. Ecco perché la Filiera olivicola e olearia italiana si è riunita a Roma per valorizzare l’olio 100% italiano. L’acquirente, in sostanza, paga al produttore 40 centesimi al kg in più sul prezzo medio dell’extra vergine di produzione nostrana. Presto, inoltre, la costituzione di un Comitato tecnico scientifico, e, soprattutto, un confronto con Gdo e associazioni dei consumatori 

OO M

Fatti, non solo parole

Riportiamo integralmente, a beneficio di chi legge, una nota stampa diffusa da Next, dove si fa il punto su quanto è emerso dall’incontro di giovedi 6 dicembre a Roma, presso la sede del Ministero delle Politiche agricole.

In che modo si può lavorare insieme per garantire il giusto valore all’olio extra vergine di oliva italiano? In che modo si possono educare i consumatori? Come si può costruire, insieme alla grande distribuzione organizzata, una strategia di promozione costante e duratura del prodotto principe della dieta mediterranea?

La Filiera Olivicola Olearia Italiana (FOOI) ha organizzato nella Sala Cavour del Ministero delle Politiche Agricole un importante momento di riflessione con il contributo scientifico di esperti nutrizionisti.

All’interno del FOOI si sono unite le associazioni più rappresentative della produzione come Italia Olivicola e Unapol, le uniche due realtà associative della trasformazione Aifo e Assofrantoi, e l’unica associazione dell’Industria olearia italiana Assitol: si sta realizzando un concreto progetto di filiera dal campo alla tavola.

Il contesto è quello di un’annata difficile, con perdita fino al 70% del prodotto, con una crisi del comparto produttivo che si è ancora di più acuita.

Le risposte? Attraverso il FOOI, marchio 100% italiano, l’acquirente paga al produttore 40 centesimi al kg in più sul prezzo medio dell’olio extra vergine di oliva 100% italiano di alta qualità, rilevato dalla Borsa merci di Bari al momento della compravendita. “E’ un risultato importante per i tanti olivicoltori alle prese con numerosi problemi stagionali che ne hanno compromesso il raccolto - ha sottolineato il presidente Fooi, Paolo Mariani. Allo stesso tempo, gli industriali, puntano con decisione sull’eccellenza del prodotto italiano che per le le sue proprietà nutraceutiche non ha eguali nel mondo”. 

Insomma, ecco una azione concreta a favore del made in Italy.

Le prossime azioni? Si aprirà il confronto con la Grande Distribuzione Organizzata e con le Associazioni dei consumatori per rappresentare al meglio tutte le realtà interessate dal settore olivicolo. Gli uliveti, come ha evidenziato il prof. Salvatore Camposeo dell’Università di Bari, hanno anche una importanza ambientale e non solo produttiva. 

Il rapporto fra olio di qualità e salute è strettissimo e scientificamente provato, come ha ricordato la nutrizionista Elisabetta Bernardi. Procedendo in questa direzione, il Fooi costituirà un Comitato tecnico scientifico.

Intanto, la casa Olearia Carapelli SpA, continuerà a sostenere il progetto di filiera per il 100% made in Italy attraverso il suo prodotto premium “Il Nobile”, che, ricorda Anna Cane, direttore scientifico e affari pubblici Deoleo, a maggio 2018 è stato il primo olio extra vergine di oliva proveniente da aziende degli associati del Fooi. 

All’evento, moderato dal giornalista Attilio Romita, hanno partecipato Franco Manzato, sottosegretario alle Politiche Agricole, e l’on. Filippo Gallinella.

 

 

Si ingrazia per la notizia Antonella Millarte. La foto è di Olio Offcina

OO M - 07-12-2018 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA

"Pane e olio" sbarca nella Food Valley

La merenda della tradizione al centro di uno “street event” a Collecchio, luogo simbolo del distretto agroalimentare di Parma. A organizzarlo il Gruppo Panificatori Artigiani di Parma con Assitol e Aibi, l’Associazione italiana Bakery Ingredients. Erano presenti Paolo Bianchi, sindaco di Collecchio, ed Elena Levati, assessore alle Attività produttive

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti