Lunedì 09 Dicembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > economia

I vent'anni dell'Euro

La creazione di una moneta comune è stata necessaria per proteggere l’Europa (e il suo mercato singolo) e non per indebolirla. L'errore, è stato di inserirla nel contesto di una imperfetta governance politica. Ci si augura che il 2019 siano l'anno del rilancio dell'integrazione europea. Solo una forte e autorevole proposta di riforma confezionata dal Parlamento europeo, legittimato dalla volontà popolare, potrà costringere i governi nazionali a  superare il modello intergovernativo e instaurare una logica sovranazionale

Alfonso Pascale

I vent'anni dell'Euro

Oggi l'euro compie vent'anni. Questa nostra moneta nasce sia per ragioni politiche (in risposta alla unificazione tedesca) che per ragioni economiche (costruire un blocco monetario in grado di affrontare le sfide di altre monete continentali). La creazione di una moneta comune è stata una necessità per proteggere l’Europa (e il suo mercato singolo) e non per indebolirla. Tuttavia quella moneta è stata inserita in una imperfetta governance politica. Nella conferenza intergovernativa che portò al Trattato di Maastricht si realizzò un compromesso tra la Germania e la Francia. La prima acconsentì a rinunciare al proprio deutsche mark a condizione che la nuova moneta (l’euro) fosse gestita da una Banca centrale europea indipendente dai governi nazionali. La seconda impose che la politica economica e fiscale, collegata alla politica monetaria, rimanesse invece nelle mani dei governi nazionali (coordinati all’interno dell’Eurogruppo). Quel compromesso ha dato quindi vita a un’Eurozona con una moneta singola (e una singola Banca centrale) gestita però da 19 (oggi) governi nazionali. Con l’arrivo della crisi finanziaria, il compromesso non ha più retto.

All’incongruenza di una simile governance, subito dopo Maastricht, si è cercato di porre rimedio attraverso un Patto di stabilità e crescita che vincolasse i governi nazionali a operare all’interno di parametri macro-economici definiti ex-ante. La logica legalistica del Patto si è ulteriormente rafforzata durante la crisi finanziaria dell’attuale decennio, rendendo sempre più centralizzato e de-politicizzato il sistema regolativo delle politiche nazionali. Seppure sottoscritto da tutti gli stati membri dell’Eurozona, tale sistema si è rivelato congeniale con le strutture economiche dei Paesi del nord piuttosto che del sud. Con il risultato che la crisi ha finito per produrre effetti asimmetrici tra di essi, colpendo i secondi piuttosto che i primi. 

Non è la Germania in quanto tale o i Paesi del nord che dominano l’Eurozona, ma è la logica intergovernativa di quest’ultima che favorisce i loro interessi. Se non si parte da questa consapevolezza e non si pone l'obiettivo immediato di una riforma istituzionale che superi il modello intergovernativo e dia centralità al Parlamento europeo, l'Unione europea sarà destinata ad implodere. 

Che il 2019 siano l'anno del rilancio dell'integrazione europea. L'augurio è che i cittadini europei votino a maggio un Parlamento in grado di decidere il "semestre costituente". Solo una forte e autorevole proposta di riforma confezionata dal Parlamento europeo, legittimato dalla volontà popolare, potrà costringere i governi nazionali a ricercare un nuovo compromesso che superi il modello intergovernativo e instauri una logica sovranazionale. Questo è il grande tema da dibattere in questi mesi a cui tutti dovremmo contribuire.

Alfonso Pascale - 01-01-2019 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
L’Anteprima dell’olio Dop Umbria

L’Anteprima dell’olio Dop Umbria

Si è conclusa la prima edizione dedicata agli extra vergine con attestazione di origine prodotti nel corso dell’olivagione 2019

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora