Giovedì 12 Dicembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - [email protected]

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > economia

Il mercato oleario in Giappone

Un dato positivo? Secondo quanto riferisce il Coi le importazioni di olio da olive, olio di sansa compreso, si sono incrementate dello 0,5% nel corso dell’ultima campagna. Non solo: a livello mondiale, il Giappone rappresenta una quota di circa il 7 per cento, piazzandosi al quarto posto dopo Stati Uniti (con il 36%), l'Unione europea (15%) e Brasile (8%). A dominare la scena sul fronte delle origini è la Spagna, al primo posto, con il 58,8%; a seguire l’Italia, con il 33,3% 

OO M

Il mercato oleario in Giappone

Un successo che promette un buon futuro per il Paese nipponico. Le attenzioni per l'olio ricavato dalle olive, in tutta la sua gamma, fa crescere la fiducia nei Paesi produttori. Il mercato oleario in Giappone, come si evidenzia nella figura I, ha mantenuto una forte crescita durante il periodo dal 2006/2007 al 2014/2015, raggiungendo un massimo di 62.000 tonnellate.

Segnali positivi, anche se di fatto, nel corso della campagna 2015/16, si è registrato un calo dell’8,5% rispetto alla campagna 2014/15. Nelle campagne successive, tuttavia, le importazioni dal Giappone sono rimaste stabili.

Durante i primi tre mesi dell’attuale campagna (2018/2019) le importazioni di olio da olive sono aumentate del 18% rispetto allo stesso periodo della stagione precedente.

Nel settore delle importazioni, a livello mondiale, il Giappone rappresenta una quota di circa il 7 per cento e si piazza al quarto posto dopo gli Stati Uniti con il 36%, la Unión Europea con il 15% e il Brasile con l’8%. Tutti e quattro questi Stati rappresentano il 66% circa del volume delle importazioni a livello mondiale.

Nell’ultima campagna, la 2017/2018, il regime delle importazioni di olio da olive in Giappone ha registrato le seguenti origini.

Il 94% del totale proviene dai paesi dell’Unione Europea.

La Spagna è al primo posto, con il 58,8%.

Segue l’Italia, con il 33,3%.

Il restante 7,3% proviene invece da Turchia, Grecia, Portogallo e Tunisia, i quali insieme al resto dei Paesi costituiscono il totale.

Per quanto riguarda i volumi per categorie di prodotto, il 72% delle importazioni totali è stato classificato nel codice 15.09.10 (oli di oliva vergini), seguito da importazioni corrispondenti al codice 15.09.90 (oli di oliva ) con il 25,%, e il restante 3% corrisponde alle importazioni del codice (15.10.00) (oli di sansa di oliva).

 

Giappone - Importazioni di olio da olive e olio di sansa di oliva per Paese (2017/18) (t)

OO M - 15-04-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Enrico Bucci
L'INCURSIONE

ENRICO BUCCI

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
Acque agitate intorno all’Igp aceto balsamico di Modena

Acque agitate intorno all’Igp aceto balsamico di Modena

Riceviamo e volentieri pubblichiamo una nota stampa del Consorzio d tutela dell’Aceto Balsamico di Modena, intorno alle dichiarazioni diffuse da Armando De Nigris, presidente dell’omonimo Gruppo, e pubblicate da Olio Officina Magazine. Scrive, in particolare, la presidente Mariangela Grosoli, che “il Consorzio continuerà in tutti i modi possibili a perseguire la difesa del prodotto, della denominazione, di un mercato trasparente ed etico, insieme alla tutela del consumatore e di una concorrenza leale”

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora