Giovedì 25 Aprile 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > economia

Il mercato oleario in Giappone

Un dato positivo? Secondo quanto riferisce il Coi le importazioni di olio da olive, olio di sansa compreso, si sono incrementate dello 0,5% nel corso dell’ultima campagna. Non solo: a livello mondiale, il Giappone rappresenta una quota di circa il 7 per cento, piazzandosi al quarto posto dopo Stati Uniti (con il 36%), l'Unione europea (15%) e Brasile (8%). A dominare la scena sul fronte delle origini è la Spagna, al primo posto, con il 58,8%; a seguire l’Italia, con il 33,3% 

OO M

Il mercato oleario in Giappone

Un successo che promette un buon futuro per il Paese nipponico. Le attenzioni per l'olio ricavato dalle olive, in tutta la sua gamma, fa crescere la fiducia nei Paesi produttori. Il mercato oleario in Giappone, come si evidenzia nella figura I, ha mantenuto una forte crescita durante il periodo dal 2006/2007 al 2014/2015, raggiungendo un massimo di 62.000 tonnellate.

Segnali positivi, anche se di fatto, nel corso della campagna 2015/16, si è registrato un calo dell’8,5% rispetto alla campagna 2014/15. Nelle campagne successive, tuttavia, le importazioni dal Giappone sono rimaste stabili.

Durante i primi tre mesi dell’attuale campagna (2018/2019) le importazioni di olio da olive sono aumentate del 18% rispetto allo stesso periodo della stagione precedente.

Nel settore delle importazioni, a livello mondiale, il Giappone rappresenta una quota di circa il 7 per cento e si piazza al quarto posto dopo gli Stati Uniti con il 36%, la Unión Europea con il 15% e il Brasile con l’8%. Tutti e quattro questi Stati rappresentano il 66% circa del volume delle importazioni a livello mondiale.

Nell’ultima campagna, la 2017/2018, il regime delle importazioni di olio da olive in Giappone ha registrato le seguenti origini.

Il 94% del totale proviene dai paesi dell’Unione Europea.

La Spagna è al primo posto, con il 58,8%.

Segue l’Italia, con il 33,3%.

Il restante 7,3% proviene invece da Turchia, Grecia, Portogallo e Tunisia, i quali insieme al resto dei Paesi costituiscono il totale.

Per quanto riguarda i volumi per categorie di prodotto, il 72% delle importazioni totali è stato classificato nel codice 15.09.10 (oli di oliva vergini), seguito da importazioni corrispondenti al codice 15.09.90 (oli di oliva ) con il 25,%, e il restante 3% corrisponde alle importazioni del codice (15.10.00) (oli di sansa di oliva).

 

Giappone - Importazioni di olio da olive e olio di sansa di oliva per Paese (2017/18) (t)

OO M - 15-04-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Schiava 2017, di Tiefenbruner

Il vino della settimana: Schiava 2017, di Tiefenbruner

Un vino alto atesino di una storica azienda attiva sin dal 1675, ottenuto da un vitigno autoctono di grande qualità che andrebbe rivalutato. Le prime sensazioni sono di frutta rossa matura, leggermente speziato, pepe bianco, lampone, fragoline di bosco, prugna con note balsamiche > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Costolette d'agnello irlandese con salsa di prezzemolo e timo

Costolette d'agnello irlandese con salsa di prezzemolo e timo

La Pasqua si avvicina e non ci si può sottrarre alle consuetudini. Questa volta l'Irlanda, attraverso Bord Bia, viene da noi, con una ricetta in cui tra l'altro anche l'olio extra vergine di oliva è presente. Tanti gli ingredienti, ma la carne, quella proposta in questa preparazione, è rigorosamente Irish, da animali allevati secondo la più autentica tradizione irlandese e che pascolano in piena libertà, alimentandosi per oltre l’80 per cento di erba fresca

EXTRA MOENIA
Unire le varietà per dare vita al nuovo. Torna il concorso Carapelli For Art

Unire le varietà per dare vita al nuovo. Torna il concorso Carapelli For Art

È stato presentato in occasione del World Art Day, lo scorso 15 aprile, la seconda edizione del premio internazionale per le arti visive. Al centro, il legame perfetto tra la maestria del brand nell’esaltare le diverse varietà di olivi che danno luogo ai diversi oli da olive e la capacità dell’arte di armonizzare le diversità di pensiero, forma e materia

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria

VISIONI

Il mondo è un bellissimo posto / per nascere

Lawrence Ferlinghetti