Giovedì 24 Gennaio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > economia

Il terzo polo dell’olio

Cambia lo scenario nel comparto olio da olive. Il Gruppo Avril ha stretto un’alleanza con le famiglie  Sabatini e Santirosi, fondatrici del noto marchio italiano Costa d’Oro. Prende così corpo, con questa operazione, il terzo marchio più importante a livello mondiale, che punta a combinare autenticità naturale, con innovazione e tracciabilità

OO M

Il terzo polo dell’olio

Il marchio dell’olio d’oliva Costa d’Oro annuncia la chiusura di un accordo di alleanza con il gruppo internazionale Avril: l’operazione segna la nascita del terzo gruppo mondiale dell’olio di oliva di marca, in un contesto di mercato internazionale in crescita. 

In una nota congiunta, i due partner hanno indicato i principali obiettivi che si prefiggono.

Il primo. La crescita sostenibile di Costa d’Oro nel mercato dell’olio di oliva di marca in Italia, dove il brand ha raggiunto recentemente le prime tre posizioni di mercato, e a livello internazionale, dove il marchio è presente in oltre 100 Paesi e realizza la metà delle vendite. Per raggiungere questo obiettivo si svilupperanno le potenziali sinergie derivanti dai rispettivi know-how nel campo della qualità e dell’innovazione, sia sul piano nutrizionale e gustativo, sia in termini di sviluppo di nuove gamme di oli e di condimenti e sulla conquista di nuovi mercati internazionali, in particolare Cina e America del Nord.

Il secondo. Consentire al Gruppo Avril di proseguire la propria crescita a livello internazionale (dove realizza ad oggi un terzo del proprio fatturato) sviluppando la sua quota di mercato dell’olio di oliva rimanendo fedeli al modello della filiera integrata, tra l’agricoltura e l’industria, che costituisce la specificità del settore degli oli e delle proteine.

Per questa operazione, il Gruppo Avril è stato appoggiato dal Gruppo Castel, un importante player francese e internazionale nel settore dei vini, delle birre e delle bevande analcoliche. 

L’alleanza ha quindi rafforzato la storica partnership tra i due gruppi francesi, inizialmente sviluppata attorno alla ristrutturazione dei settori oleaginosi africani. Nel 2017 il mercato mondiale dell’olio di oliva ha registrato un fatturato di 12 miliardi di euro con una potenziale crescita annua dal 4% al 5% raggiungendo 17 miliardi di euro entro il 2025 grazie all’incremento della domanda (soprattutto in Cina e in America del Nord) e al crescente interesse per un prodotto le cui peculiarità sono apprezzate dai consumatori più esigenti: prima qualità, naturalezza, tracciabilità, oltre ai benefici nutrizionali e gustativi della dieta mediterranea generalmente associata all’Italia.

Olivier Delamea, direttore generale del settore Oli & Condimenti del Gruppo Avril, sostiene che “attraverso questa alleanza, si mettono insieme risorse umane, know-how e prodotti eccezionali. Ci sono tutte le premesse per fare di Costa d’Oro un grande marchio italiano di olio di oliva a livello mondiale”. 

Ivano Mocetti, direttore generale di Costa d’Oro, rilancia: “Siamo molto fieri di questa alleanza con il Gruppo Avril. Insieme porteremo avanti il progetto fondante di Costa d’Oro a Spoleto, in Umbria, fornendogli i mezzi per conquistare nuovi territori, non soltanto geografici, ma anche nel campo dell’innovazione, al servizio del più alto livello di qualità gustativa e nutrizionale. Il progetto di sviluppo prevede anche un’integrazione verticale produttiva ed agricola nel nostro Paese e nel bacino del Mediterraneo”.

Luciano Sabatini, presidente di Costa d’Oro e fondatore insieme alla famiglia Santirosi, che quest’anno celebra i 50 anni di attività, precisa che “questa operazione non è il punto di arrivo del nostro progetto famigliare e industriale, ma è un passo che consente di accelerare il progetto di crescita e sviluppo con un Partner internazionale di primissimo livello, con cui condividiamo la visione strategica ed i valori industriali, un’opportunità per la nostra Impresa e per il nostro Paese di creare ricchezza e valore”. 

Secondo Jean-Philippe Puig, ceo della S.a.p.a. Avril, “quest’alleanza riunisce due protagonisti che condividono gli stessi valori – il leader francese degli oli e delle proteine, fondato da agricoltori impegnati nello sviluppo sostenibile delle filiere agricole e agroalimentari, e un leader italiano dell’olio di oliva, con un’impresa familiare e un marchio eccezionale, desideroso di perseguire insieme a noi lo sviluppo di una filiera integrata, da monte a valle”.

Il gruppo Avril è stato istituito nel 1983, per iniziativa degli agricoltori francesi al fine di assicurare mercati a lungo termine per i prodotti francesi. Il Gruppo Avril è l'attore industriale e finanziario nei settori degli oli e delle proteine, ed è presente in Francia, e a livello internazionale, in diversi settori, come l'alimentazione umana, l'alimentazione animale e le competenze, le energie rinnovabili e la chimica, attraverso un portafoglio di marchi forti leader nei loro mercati: Lesieur, Puget, Matines, Bunica, Taous, Sanders, Diester®, ecc.

In trentacinque anni il Gruppo ha cambiato le sue dimensioni, ma il suo scopo è rimasto lo stesso: creare valore sostenibile nel settore degli oli e delle proteine ​​vegetali, contribuendo al contempo a cibi migliori per l'uomo e alla conservazione del pianeta.

Per realizzare la sua missione, Avril trae forza dalle sue attività industriali organizzate attorno a cinque linee di business: impianti, oli e condimenti, specialità Avril (prodotti oleaginosi, specialità animali), nutrizione e lavorazione degli animali e sviluppo dell'Avril - e il suo lavoro come investitore, gestito tramite Sofiprotéol, la sua società di finanza e sviluppo.

Nel 2016, il Gruppo Avril ha realizzato un fatturato di 5,9 miliardi di euro e conta 7.200 dipendenti che lavorano in 21 Paesi.

Costa d'Oro è un leader italiano nella produzione e distribuzione di olio d'oliva di alta qualità in Italia e nel mondo. Si tratta di un'azienda a conduzione familiare fondata nel 1968 a Spoleto, in Umbria, dalle famiglie Sabatini e Santirosi, che hanno voluto unire la loro esperienza e produrre olio d'oliva di alta qualità. Mentre il mercato dell'olio d'oliva si è evoluto e cresciuto, Costa d'Oro si è dotata di impianti industriali all'avanguardia in grado di soddisfare le esigenze e le aspettative dei propri clienti e consumatori in Italia e in oltre 100 paesi. Nel 2017, Costa d'Oro ha realizzato un fatturato di 143,5 milioni di euro.

 

OO M - 15-05-2018 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
È Claudio Sadler il Premio Laudemio 2019

È Claudio Sadler il Premio Laudemio 2019

Lo chef patron del Ristorante Sadler di Milano è stato il vincitore della seconda edizione con la vincente proposta del Pancotto al Laudemio e rosmarino, tuorlo d’uovo cotto nel ghiaccio, croccante di cereali e tartufo nero

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti