Martedì 18 Febbraio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > economia

Il Vinitaly al tempo del Coronavirus

Anche per quest’anno quasi ci siamo. Dal 19 al 22 aprile Verona tornerà ad essere la capitale del vino, ospitando la cinquantaquattresima edizione di Vinitaly, il salone del vino che, lo scorso anno, fece registrare la presenza di 4.692 espositori in oltre 100 mila mq netti e 33 mila buyer esteri

Felice Modica

Il Vinitaly al tempo del Coronavirus

Le maggiori aspettative per le aziende, riguardo la fiera specializzata più importante del mondo, concernono proprio gli incontri con gli importatori, essendo sovente l’Estero, la più importante valvola di sfogo per l’asfittica economia agricola italiana. Ciò è valido specie per quella larga fascia costituita da piccoli produttori, che non possono permettersi l’organizzazione di una capillare distribuzione nazionale e per cui il problema della riscossione dei crediti, nel nostro meraviglioso Paese, assume connotazioni drammatiche.

Vinitaly, oggi come ieri, è l’occasione per conoscere l’Europa e il mondo, nonché le usanze, assai più commendevoli di quelle di casa nostra, in voga a tutte le latitudini.

Ti piacciono i miei vini? Li ha degustati, ne hai valutato il rapporto qualità/prezzo, ritieni di poterli commercializzare nel tuo Paese? Sia esso Svizzera, Germania, Stati Uniti, Giappone o Australia? Mi fai l’ordine, paghi in anticipo il prodotto e il trasporto, e siamo tutti felici. Sembra un sogno, per chi quotidianamente ha da fare con la ristorazione nazionale e i suoi tempi biblici di pagamento. Anche per questo, l’internazionalizzazione serve a crescere, a uscire, letteralmente, da una dimensione provinciale e mortifera.

Ovviamente, una grande fiera come Vinitaly, un vero evento che coinvolge non solo la città di Verona, ma l’intero mondo del vino, risente delle congiunture internazionali, di ciò che avviene sulla scena globale.

 Se, negli anni precedenti, la massima attenzione è stata centrata sulla sicurezza (con controlli e servizio d’ordine particolarmente accurati), oggi, senza trascurare questo aspetto (purtroppo una preoccupazione costante dei tempi moderni), tutti ci aspettiamo di vedere quali effetti sortirà sui mercati asiatici l’attuale pandemia di coronavirus.

Tutto il mondo, infatti – e certo anche il mondo del vino – vede nella Cina un mercato straordinario e, più in generale e in prospettiva, anche il nuovo impero che ha vinto.

Un Vinitaly senza buyer cinesi sarebbe monco, deprivato di una componente di primissimo piano. Come un’Olimpiade senza la Cina, o gli Stati Uniti, o la Russia. Certo, si può fare (la si è fatta e, forse, la si farà ancora), ma è sempre qualcosa di riuscito a metà.

Per fortuna, da qui ad aprile, i dati epidemiologici avranno il tempo di stabilizzarsi e la razionalità potrà auspicabilmente prevalere sull’emotività.

Con intelligenza strategica, la fiera conferma il suo calendario di eventi post-veronesi, dando appuntamento a tutti a novembre a Shenzen, con Wine to Asia, piattaforma Veronafiere-Vinitaly per promuovere il nostro vino in Cina.

L’esperienza ci insegna che, cessato l’allarme di una pandemia, la ripresa dei mercati – specie di mercati formidabili come quelli cinesi – è addirittura impetuosa. Speriamo di essere lì al momento giusto e di trasformare l’odierna contingenza in una “provvida sventura”.

 

 

La foto di apertura è una foto di Vinitaly

Felice Modica - 04-02-2020 - Tutti i diritti riservati

Felice Modica

Agricoltore e giornalista. Produce olio, vino e birra nell'azienda di famiglia. Si occupa di libri. Adora i cani e i gatti. Passato ormai il mezzo secolo, è rimasto coi piedi saldamente sulle nuvole.

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
Ultimi giorni per partecipare a Evooleum Awards

Ultimi giorni per partecipare a Evooleum Awards

Sono arrivati finora centinaia di campioni da numerosi Paesi produttori. Il contest e la guida promuovono il consumo dei migliori extra vergini prodotti nei cinque continenti. La scadenza per registrarsi è il 27 febbraio 2020

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Giusto un filo

In anteprima per i nostri lettori,  uno dei lavori in collaborazione con lo IED, il videoclip a firma di Chiara Loiacono per Olio Officina Festival 2020

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull'olio

Tutto sull'olio

Il titolo è alquanto eloquente, nondimeno il sottotitolo: "Guida essenziale alla conoscenza
e all’utilizzo degli extra vergini a tavola e in cucina". Ne è autore l'oleologo Francesco Caricato, direttore del centro culturale Casa dell'Olivo