Giovedì 21 Febbraio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > economia

L’approccio multidisciplinare

Intorno al grande maestro Manlio Rossi-Doria vi erano tanti giovani che si sono spesi per l’agricoltura, come nel caso dell’economista Giuseppe Orlando, il quale era solito girare continuamente nelle campagne e interagire con i contadini. Sono in pochi ad aver avuto una spiccata sensibilità nel guardare ai temi reali dell'agricoltura. Oggi chi propone, decide e gestisce le politiche agricole non gira quasi mai per i campi

Alfonso Pascale

L’approccio multidisciplinare

Giuseppe Orlando è stato docente di Economia agraria presso l'Università di Ancona e tra i principali esperti e teorici della programmazione agricola nel secondo Dopoguerra. Laureato in Giurisprudenza, aveva militato nel Partito d'Azione e, giovanissimo, era stato chiamato a collaborare ai lavori della Costituente da Manlio Rossi-Doria, che presiedeva la sottocommissione agricoltura. Nel 1976 venne eletto deputato per una legislatura in qualità di indipendente nelle liste del Pci.

Quando insegnava nelle Marche, era solito girare continuamente nelle campagne per analizzare il territorio agricolo e si trovava spesso di fronte a dei contadini. Nella maggior parte dei casi erano mezzadri che, come è noto, erano persone molto acute. Con essi Orlando riusciva rapidamente ad entrare in comunicazione.

Alessandro Bartola, che era un suo allievo e lo accompagnava nelle campagne, raccontava un episodio che vale la pena riprendere. Una volta Orlando tentò di convincere un mezzadro dell'idea che l'età migliore di macellazione dei capi di razza marchigiana doveva essere compresa fra i 16 e i 18 mesi. Con un'argomentazione "terra-terra", come lui era capace di fare, cercava di persuaderlo che non conveniva continuare ad allevare il capo di bestiame per altri tre o quattro mesi. Gli diceva che in effetti, come dimostravano i suoi studi nella Facoltà di Economia e Commercio, dopo i 18 mesi la quantità di foraggio che serviva per l’alimentazione non era compensata dall'aumento di ricavi che da questo foraggio si otteneva.

In realtà, quelle analisi il mezzadro se le aveva già fatte per conto suo. Non conosceva le derivate, ma certamente i calcoli li sapeva fare. E così gli rispose tra lo stupore di tutti: “Professore, va bene, però io ho l'impressione che chi è che non capisce l'economia qui non sono io, ma è il macellaio! Al macellaio bisogna andare a dire queste cose, lui fino a che il toro non pesa 6 quintali - 6 quintali e mezzo, cioè non arriva a 22 o 24 mesi, non me lo prende. Quindi bisognerebbe che questo discorso fosse fatto a lui, perché io l'ho capito già da tanto tempo e non c'è più bisogno che qualcuno me lo venga ancora a chiarire”.

Un episodio significativo che dimostra l'importanza di affrontare i problemi dell'agricoltura sempre con un approccio intersettoriale e multidisciplinare. Così si comprendono bene gli interessi in gioco, i modi di pensare dei diversi attori e si possono trovare meglio le soluzioni. Orlando, Rossi-Doria, Marselli, Barbero, Medici, Marcora e pochi altri hanno avuto questa sensibilità nel guardare ai temi dell'agricoltura. Oggi chi propone, decide e gestisce le politiche agricole non gira quasi mai per le campagne.

 

LEGGI ANCHE

Il sacrificio dei contadini

 

Il dipinto in apertura è di Achille Vianelli (1803 - 1894), "Campagna del Sannio", Musée des Arts, Anger

 

Alfonso Pascale - 29-09-2015 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Lorenzo Melozzi

08:21 | 01 ottobre 2015

quanta verità.....

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Sharis 2017, di Livio Felluga

Il vino della settimana: Sharis 2017, di Livio Felluga

Un vino dagli aromi floreali, di agrumi, sambuco, e molto minerale, che merita i soldi spesi. Acquistato al supermercato, è il frutto di uve Chardonnay e Ribolla. Adatto, peraltro, con pesce e carni bianche alla griglia > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Antipasti caldi e freddi. A scuola di cucina dai Salvagno

Antipasti caldi e freddi. A scuola di cucina dai Salvagno

Protagonista lo chef Eugenio Ghiraldi con un nuovo appuntamento de "I corsi pratici di cucina in Frantoio... per stupire con gusto". Conoscere, capire ed applicare i segreti della buona cucina imparando a scoprire i prodotti del territorio, tra stagionalità, semplicità e gusto.

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il prezzo delle bottiglie d'olio in commercio

L'analisi dei costi di produzione secondo l'esperto di marketing Massimo Occhinegro mette in luce, a partire da uno studio del Consiglio oleicolo internazionale, i reali costi che una azienda deve sostenere per produrre il prezioso olio extra vergine di oliva. Da qui diventa chiaro a quale prezzo può essere immessa in commercio una bottiglia d'olio. Una intervista di Cinzia Boschiero

BIBLIOTECA OLEARIA
Dop Garda. L'olio e il suo lago

Dop Garda. L'olio e il suo lago

Il numero 7 dell’annuario Olio Officina Almanacco quest'anno si presenta con una veste completamente rinnovata. Stesso formato, stesso numero di pagine, 96, ma con un taglio monografico, interamente dedicato all'olio gardesano e al suo territorio. Inizia così la nuova serie della rivista, dando spazio e rilievo ogni anno a un territorio altamente vocato all'olivicoltura di qualità