Venerdì 16 Novembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > economia

L'Italico divide e confonde

L’Associazione italiana dell’industria olearia, Assitol, guarda con stupore la proposta presentata nell’accordo Federolio-Coldiretti, che punta a premiare un blend con un 50% di 100% italiano.Cosa occorre? Unità e condivisione. Secondo la presidente del Gruppo olio d’oliva, Anna Cane, "serve una narrazione positiva sull’extra vergine, spesso vittima di un’informazione di sapore scandalistico"

OO M

L'Italico divide e confonde

C'è grande fermento intorno a quanto è stato presentato a Roma lo scorso 28 giugno, nel corso della convention Federolio, dove si è presentato lo storico accordo tra le organizzazioni Federolio, Coldiretti e Unaprol. Riportiamo, a beneficio di chi legge, la nota stampa diffusa da Assitol.

ASSITOL: L’ITALICO DIVIDE LA FILIERA E CONFONDE IL CONSUMATORE

Per Assitol si tratta di una  proposta che non aiuta il consumatore e che divide il settore oleario. L’Associazione italiana dell’industria olearia giudica così l’iniziativa del cosiddetto “olio Italico”, un blend con una percentuale di extravergine italiano, promossa dall’accordo Federolio-Coldiretti.

“Siamo sostenitori del blending, che è un asset importante dell’industria olearia - spiega Anna Cane, presidente del Gruppo olio d’oliva dell’Associazione –, ma la proposta dell’Italico, così com’è stata disegnata e proposta, suscita molte perplessità nella filiera e rischia di mandare ancora più in confusione il consumatore’”.

Per Assitol, la tutela del 100% italiano deve seguire altre strade. “La valorizzazione dell’extra vergine nostrano – osserva la presidente Anna Cane - si gioca secondo i principi della qualità, della genuinità, della tracciabilità e della sicurezza alimentare. Inoltre, in piena crisi di consumi, è indispensabile una narrazione positiva sull’extra vergine, spesso vittima di un’informazione di sapore scandalistico”.

Per queste ragioni, sottolinea la presidente degli imprenditori di settore, “non si sentiva davvero il bisogno di un nuovo motivo di frammentazione del mondo oleario, già fortemente diviso. Una frammentazione che avvantaggerà, ancora una volta, i Paesi nostri concorrenti, che al loro interno possono contare su un fronte olivicolo-oleario compatto e su una strategia comune”.

Assitol ribadisce al riguardo l’importanza di un percorso condiviso tra tutti i protagonisti del comparto. “Guardiamo con interesse a qualsiasi iniziativa di valorizzazione dell’extravergine – afferma la presidente del gruppo olio d’oliva di Assitol – a patto però che sia inclusiva e aperta. Per questa ragione, ribadiamo il ruolo della Fooi, la nuova Interprofessione, rifondata per unire, non per dividere, le diverse anime dell’olio d’oliva”.

 

LEGGI ANCHE

La diatriba sull'Italico

 

 

La foto di apertura è di Gianfranco Maggio per Olio Officina

OO M - 03-07-2018 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Fare squadra. È l'ambizioso obiettivo che è stato sottoscritto dal presidente e ad Carapelli Firenze SpA Pierluigi Tosato, del gruppo Deoleo, e dal presidente di Cia-Agricoltori Italiani Dino Scanavino. L'accordo è stato siglato a Roma e punta su innovazione e sviluppo del mercato degli oli extra vergini  di oliva di qualità superiore. 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti