Martedì 10 Dicembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > economia

L’olio al centro del mondo

Cosa emerge dalle rilevazioni IRI relative al mercato europeo degli oli da olive? Cresce l’interesse per tale grasso alimentare. A Yale, nel Connecticut, ci sarà intanto il primo simposio sull’olio di oliva e la salute. In Tunisia si evidenzia il ruolo centrale delle donne, ma solo perché la mano d’opera femminile è a basso costo. Questo e altro si legge nella rassegna stampa internazionale di questa settimana

Mariangela Molinari

L’olio al centro del mondo

Questa settimana iniziamo la lettura delle principali testate specializzate partendo da Oleo Revista, dove viene riportata la radiografia tracciata da IRI del mercato europeo dell’olio di oliva (QUI), che ha raggiunto un valore totale di 3 miliardi di euro. Secondo le ultime analisi di vendita a volume e a valore condotte dall’istituto di ricerca in Uk, Francia, Germania, Grecia, Italia, Spagna e Olanda, le cattive condizioni della raccolta delle olive continuano a influenzare negativamente lo scenario generale. Mentre sei dei sette Paesi analizzati hanno registrato una crescita delle vendite a valore vicino al 6% rispetto all’anno precedente, tutti i mercati hanno mostrato una diminuzione delle vendite a volume, con un calo particolarmente significativo in Spagna (-6,8%), Germania (-6,7%) e Grecia (-6%), mentre in Italia e in Olanda le riduzioni sono state più contenute e rispettivamente del -0,6% e del -0,4%. L’olio di oliva extra vergine, invece, aiutato da una minore inflazione rispetto alla categoria nel suo complesso, ha evitato diminuzioni, assestandosi su 1,2 miliardi di euro, contro i 750 milioni di euro dell’olio standard. Un discorso a sé va fatto per le vendite di olio di oliva biologico (comunque ancora una nicchia), che solo nel Regno Unito sono cresciute del 37,4% a valore e del 17,5% a volume. Sempre stando alle rilevazioni di IRI, il mercato delle olive mostra un andamento del tutto analogo. Nell’ultimo anno, infatti, sei dei sette Paesi considerati hanno registrato una crescita a valore vicina al 6%, mentre tutti hanno patito un decremento dei volumi.

 

Cambiamo argomento passando alle pagine di Mercacei, in cui leggiamo che la celebre Università americana di Yale, nel Connecticut, accoglierà i prossimi 3 e 4 ottobre il primo simposio sull’olio di oliva e la salute (QUI): un incontro il cui obiettivo è quello di pianificare all’interno dell’ateneo l’avvio di un centro specializzato, dedicato all’olio di oliva. In collaborazione con ricercatori, centri accademici e altre organizzazioni di Grecia, Italia. Spagna, Cipro e Usa, e con il titolo di “Nuove frontiere e associazioni per la ricerca e l’educazione”, l’incontro intende fornire agli interessati una visione completa sull’olio di oliva e il suo futuro, fino ad arrivare alle premesse per l’istituzione di un futuro centro, che si avvarrà della collaborazione di altre istituzioni accademiche oltre che di quella dell’industria e delle associazioni del settore. Sua missione sarà la promozione e il coordinamento di studi scientifici sull’olio di oliva, per contribuire alla ricerca e alla diffusione dei suoi benefici per la salute. Le aree di studio includeranno l’agronomia e le migliori pratiche in campo e le ultime innovazioni in fatto di olivicoltura, la composizione dell’olio di oliva e i suoi effetti salutari, fino all’ottimizzazione di prodotti nutraceutici. Il centro intende anche progredire nell’analisi chimica del prodotto e rappresentare un punto di riferimento affidabile in questo senso per il settore. 

 

 

Torniamo in Europa con Olive Oil Times, e in particolare in Grecia, un Paese che, proprio prima del raccolto sta affrontando un’ampia infezione di mosca dell’olivo, complice il tempo instabile della scorsa estate e la mancanza di risorse con cui contrastarne l’insorgenza e la diffusione. Se nel 2017, dunque, il raccolto aveva superato ogni attesa, con circa 350mila tonnellate di olio, quest’anno in diverse regioni, come la Lakonia, dove tradizionalmente l’olio è di altissima qualità, ci si attende di raggiungere solo il 40% della scorsa produzione. Anche a Creta, dove finora l’infezione è presente solo in alcuni focolai, la mosca minaccia una maggiore espansione, mentre l’isola di Lesbo è vicina a perdere gran parte della sua produzione. Anche in Etolia nel centro della Grecia, molti uliveti sono infetti, dove quasi l’intero raccolto potrebbe essere compromesso, i produttori accusano le autorità di non aver saputo intervenire adeguatamente e tempestivamente. 

 

Restiamo sulle pagine di Olive Oil Times per spostarci, però, in Tunisia, dove a farsi avanti e a dare un contributo decisivo in un settore oliandolo che sta conoscendo una crescita rapida e veloce sono soprattutto, e a sorpresa, le donne. Oggi il Paese è coperto per un terzo da uliveti e circa 300mila persone lavorano nella produzione di olio di oliva, un comparto che vale circa 723,7 milioni di dollari solo di export. Il maggiore contributo femminile è, purtroppo, il fatto di fornire mano d’opera a basso costo, se si pensa che il 90% dei raccoglitori è rappresentato da lavoratrici stagionali, pagate in genere con un compenso giornaliero molto più basso di quello accordato agli uomini. Ma se da una parte troviamo queste raccoglitrici manuali, dall’altra un numero crescente di donne è coinvolto nella gestione delle aziende produttrici, tanto che lo scorso aprile alla cerimonia di premiazione dedicata all’olio tunisino, organizzato dal Ministero dell’industria, diverse donne hanno calcato il podio. Le donne rappresentano tra il 30 e il 50%  dei produttori agricoli, ma solo poche, non più del 6%, possiedono la terra che lavorano: in genere affiancano i padri o i mariti. Il loro punto di vista, però, al di là delle capacità espresse, è molto importante: hanno infatti compreso che per essere notato l’olio tunisino ha ancora parecchia strada da percorrere e che sono da adottare appropriate strategie di marketing, come insegnare a cucinare con quest’olio, creare punti vendita specializzati e sviluppare progetti legati al turismo, facendo sistema tra le diverse realtà.

 

La foto di apertura è di Olio Officina

Mariangela Molinari - 25-09-2018 - Tutti i diritti riservati

Mariangela Molinari

Giornalista professionista, vive e lavora a Piacenza. Ha studiato lingua e letteratura tedesca presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore e verde ornamentale e tutela del paesaggio presso la Facoltà di Agraria dell'Università di Bologna. Si occupa da tempo di alimentazione, ospitalità, giardini e ambiente, collaborando con varie testate specializzate. Per Terre di mezzo Editore ha pubblicato I trucchi del birraio. Manuale pratico per fare la birra perfetta (2014) e Olio di palma. La verità sull'ingrediente che ha invaso le nostre tavole (2016).

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
Presentazione del libro “I Paradossi di Don Milani” alla Mondadori Bookstore di Busto Arsizio

Presentazione del libro “I Paradossi di Don Milani” alla Mondadori Bookstore di Busto Arsizio

L’appuntamento è per il 12 dicembre, alle ore 21. “La ricostruzione filologica del pensiero e delle azioni di don Milani - afferma Maurizio Maggioni - fa emergere il valore delle sue posizioni, anche meglio di quanto esse siano state considerate negli anni Sessanta e Settanta, all’epoca della loro massima condivisione"

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora