Mercoledì 16 Ottobre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > economia

L'olio ligure punta sul futuro

Grandi novità per l’olio Dop Riviera Ligure e una conferma. Si mettono le basi per avvicinare la campagna record del 2015/2016 e si aprono nel contempo nuovi mercati per i soci del consorzio di tutela. È stato tra l'altro avviato l’iter per vendere il prodotto anche in lattine e recipienti in ceramica. E è stato confermato Carlo Siffredi alla presidenza

OO M

L'olio ligure punta sul futuro

L’Assemblea del Consorzio di Tutela dell’Olio Dop Riviera Ligure – che ha confermato Carlo Siffredi alla presidenza – ha approvato il bilancio con un utile di poco superiore ai due mila euro e analizzato i dati operativi oltre metà marzo.

Numeri convincenti

I numeri al 19 marzo confermano che le olive immesse nel sistema di controllo sono state 36.000 quintali e l’olio DOP potrebbe arrivare a sfiorare i 6.900 quintali ad un soffio dal livello della campagna 2015/2016 quando si superarono i 7.100 quintali. 

“ Puntiamo a migliorare il risultato della campagna olivicola 2017/2018 che si è chiusa con un prodotto certificato pari a 4.590 quintali – commenta il presidente Carlo Siffredi -. Un campagna dove sono stati depositati 533 contratti del Patto di Filiera e durante la quale abbiamo garantito prezzi sostenibili per gli olivicoltori per competere con successo sul mercato”.

Vi è un mercato che potrebbe ampliarsi, con nuove modalità di confezionamento

“L’opportunità di consentire agli operatori di confezionare l’olio extra vergine di oliva DOP Riviera Ligure non solamente in recipienti di vetro ma anche in recipienti di metallo e ceramica – sottolinea Carlo Siffredi – permette di venire incontro alla richiesta di tanti turisti che, ad esempio, hanno difficoltà a imbarcarlo in aereo. Eravamo probabilmente gli ultimi ad avere questo vincolo: quando l’iter sarà approvato dal Ministero, le nostre aziende potranno differenziare l’offerta in modo concreto”. 

Programmare il futuro, migliorando continuamente la reputazione

Non solo numeri approvati all’assemblea del Consorzio. C’era da analizzare tutto quanto fatto fino ad oggi e pianificare il futuro. 
“Con la creazione di eventi, la partecipazione a fiere, la realizzazione di laboratori nelle scuole, lo sviluppo di incontri con i ristoratori – continua il presidente del Consorzio di Tutela – il nostro obiettivo continuo è migliorare la reputazione di questo territorio, delle sue aziende, del prodotto che realizzano. In assemblea ci è stato chiesto di comunicare meglio e di più la fatica che c’è dietro questo prodotto, l’orgoglio degli imprenditori: lo faremo nei prossimi mesi con un grande evento su tutto il territorio ligure”. 

La promozione, sempre

Un anno di promozione realizzato a tutti i livelli: dal Campionato Mondiale del Pesto alla partecipazione a RISTOREXPO, dai show cooking alle trasmissione televisive anche a livello nazionale. Una promozione fatta in rete anche con il Consorzio di Tutela del Basilico Genovese DOP e l’Enoteca Regionale della Liguria. 

Il nuovo CdA si è insediato con altri quattro obiettivi ben precisi

“ Nella progettazione dei prossimi Patti di Filiera dovrà essere inserita la soglia minima di prezzo di acquisto delle olive al di sotto della quale, anche in presenza di rese basse in olio, non si possa scendere – conclude il presidente del Consorzio di Tutela dell’Olio Dop Riviera Ligure Carlo Siffredi. Con il nuovo soggetto che presenterà il nuovo Piano di Controllo vogliamo puntare sulla digitalizzazione delle informazioni e la semplificazione delle procedure, con tariffe che non penalizzino le imprese. Proseguiremo l’impegno per ottenere la Dop per l’oliva Taggiasca. Svilupperemo ulteriormente le attività di promozione per avvicinare nuovi mercati e consumatori”.

 

Si ringrazia, per la notizia e per le foto, Ottavio Traverso

 



OO M - 26-03-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
È Roberto Sassoni il nuovo general manager di Carapelli Firenze

È Roberto Sassoni il nuovo general manager di Carapelli Firenze

Forte dei suoi ventisette anni di esperienza nel settore F&B e conserviero, si prepara a entrare nel mondo dell’olio con l’obiettivo di presidiare la qualità dei brand storici italiani del gruppo, tra cui Carapelli, Bertolli, Sasso e Friol, e di proseguire con lo sviluppo di prodotti premium e il percorso di valorizzazione della categoria

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Raccontare e sperimentare l’olio

Andare oltre le consuetudini. È molto importante mettersi in relazione con gli chef, perché possono ogni volta nascere idee nuove e preziose. La cucina va raccontata sempre, con tutte le sue emozioni; e anche l’olio extra vergine di oliva è uno di quei alimenti che va a sua volta raccontato, mettendolo in relazione con gli altri cibi. Da qui la creazione di nuovi prodotti, nati dalla collaborazione con gli chef. Intervista a Serena Mela, del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo