Mercoledì 12 Dicembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > economia

Marocco oleario in gran forma

Nonostante vi sia un calo nelle produzioni, in questa nuova olivagione, il Paese ha compiuto un considerevole salto in avanti, meritando una grande considerazione a livello internazionale per le qualità degli oli extra vergini di oliva prodotti. I i prezzi ottenuti dagli oli marocchini sono d’altra parte la diretta testimonianza di una evoluzione positiva

Noureddine Ouazzani

Marocco oleario in gran forma

Il settore dell'olio d'oliva marocchino quest’anno risente delle conseguenze della siccità e dell'assenza di pioggia, soprattutto da settembre. Quindi, le nostre stime sono riviste al ribasso. Si prevedono invece 80 mila tonnellate di olio da olive, al posto della stima di settembre che si attestava su 120 mila tonnellate.

È un settore in crescita, dal 2004, il Marocco ha compiuto un notevole salto qualitativo, sempre impegnato a migliorare la qualità degli oli prodotti. Ciò è stato possibile grazie a processo di modernizzazione dei frantoi e, in particolare, a seguito dello sviluppo dei progetti integrati di produzione di oli da olive (da 200 ettari a progetti di 1000 ettari) e alla creazione di 40 cooperative olearie provviste di unità di produzione con una capacità di molitura di 100 tonnellate al giorno.

Inoltre, c’è da osservare che il Marocco ha aggiornato i suoi standard di qualità degli oli da olive, secondo gli standard del Consiglio oleicolo internazionale, a partire da gennaio 2015.

Mentre, a partire dal 2007, gli operatori professionali marocchini hanno dato maggiore importanza al miglioramento del profilo sensoriale dei loro oli. Un impegno, questo, che è stato riconosciuto a livello internazionale, ed è sufficiente vedere i prezzi ottenuti dagli oli marocchini a livello internazionale, per rendersi conto di questa evoluzione positiva.

Attualmente, ci sono in Marocco quattro gruppi di panel a livello nazionale, riconosciuti dal Consiglio oleicolo internazionale; e inoltre, l'Agro-Pole Olivier, si avvale a sua volta di una giuria internazionale di assaggiatori professionisti presieduta dall'italiana Franca Camurati.

Noureddine Ouazzani - 19-02-2018 - Tutti i diritti riservati

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA

"Pane e olio" sbarca nella Food Valley

La merenda della tradizione al centro di uno “street event” a Collecchio, luogo simbolo del distretto agroalimentare di Parma. A organizzarlo il Gruppo Panificatori Artigiani di Parma con Assitol e Aibi, l’Associazione italiana Bakery Ingredients. Erano presenti Paolo Bianchi, sindaco di Collecchio, ed Elena Levati, assessore alle Attività produttive

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti