Lunedì 24 Settembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > economia

Marocco oleario in gran forma

Nonostante vi sia un calo nelle produzioni, in questa nuova olivagione, il Paese ha compiuto un considerevole salto in avanti, meritando una grande considerazione a livello internazionale per le qualità degli oli extra vergini di oliva prodotti. I i prezzi ottenuti dagli oli marocchini sono d’altra parte la diretta testimonianza di una evoluzione positiva

Noureddine Ouazzani

Marocco oleario in gran forma

Il settore dell'olio d'oliva marocchino quest’anno risente delle conseguenze della siccità e dell'assenza di pioggia, soprattutto da settembre. Quindi, le nostre stime sono riviste al ribasso. Si prevedono invece 80 mila tonnellate di olio da olive, al posto della stima di settembre che si attestava su 120 mila tonnellate.

È un settore in crescita, dal 2004, il Marocco ha compiuto un notevole salto qualitativo, sempre impegnato a migliorare la qualità degli oli prodotti. Ciò è stato possibile grazie a processo di modernizzazione dei frantoi e, in particolare, a seguito dello sviluppo dei progetti integrati di produzione di oli da olive (da 200 ettari a progetti di 1000 ettari) e alla creazione di 40 cooperative olearie provviste di unità di produzione con una capacità di molitura di 100 tonnellate al giorno.

Inoltre, c’è da osservare che il Marocco ha aggiornato i suoi standard di qualità degli oli da olive, secondo gli standard del Consiglio oleicolo internazionale, a partire da gennaio 2015.

Mentre, a partire dal 2007, gli operatori professionali marocchini hanno dato maggiore importanza al miglioramento del profilo sensoriale dei loro oli. Un impegno, questo, che è stato riconosciuto a livello internazionale, ed è sufficiente vedere i prezzi ottenuti dagli oli marocchini a livello internazionale, per rendersi conto di questa evoluzione positiva.

Attualmente, ci sono in Marocco quattro gruppi di panel a livello nazionale, riconosciuti dal Consiglio oleicolo internazionale; e inoltre, l'Agro-Pole Olivier, si avvale a sua volta di una giuria internazionale di assaggiatori professionisti presieduta dall'italiana Franca Camurati.

Noureddine Ouazzani - 19-02-2018 - Tutti i diritti riservati

Noureddine Ouazzani

Ingegnere Agronomo, vive a Meknes, nella capitale della storia olivicola e olearia del Marocco. Direttore dell'Agro-pôle Olivier, ha dato il via a un processo di innovazione, sviluppo e promozione dell'industria olearia marocchina.

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
I pizzaioli di Apes protagonisti al Padova Pizza Festival

I pizzaioli di Apes protagonisti al Padova Pizza Festival

Nell’ambito della sedicesima edizione di Tecnobar&Food si svolge anche il congresso nazionale e si assegna il Premio Pizzastar, Pizzaiolo dell’anno 2018. Un ricco programma, dal 6 al 9 ottobre, con spazio anche all’olio, con "Oro Verde: il valore aggiunto. Sodalizio tra olio da olive e glutenfree", "L’olio da olive nei bar, ristoranti, pizzerie" e "OMS: bollino nero sull’oro verde. Il punto della situazione", in collaborazione con Olio Officina

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La Dieta Mediterranea e l’olio da olive

Intervista a Evelina Flachi, specialista in Scienza dell’alimentazione e nutrizionista. Per una vita sana è necessario scegliere i giusti alimenti. Un buon condimento è fondamentale. L’olio extra vergine di oliva è un buon punto di partenza. In dosi moderate fa la differenza

BIBLIOTECA OLEARIA
Evooleum 2019, la miglior guida del mondo

Evooleum 2019, la miglior guida del mondo

Anche se vi sono in commercio altre pubblicazioni analoghe in cui si segnalano i migliori extra vergini, nessuna finora ha raggiunto i medesimi livelli di qualità e stile. Primo valore con cui si contraddistingue: la trasparenza. Non meno importante è anche la grafica con cui è stata confezionata. Non poteva essere diversamente, con una guida che propone non una quantità smodata di oli, ma solo i migliori cento > Luigi Caricato