Mercoledì 20 Giugno 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > economia

Marocco oleario in gran forma

Nonostante vi sia un calo nelle produzioni, in questa nuova olivagione, il Paese ha compiuto un considerevole salto in avanti, meritando una grande considerazione a livello internazionale per le qualità degli oli extra vergini di oliva prodotti. I i prezzi ottenuti dagli oli marocchini sono d’altra parte la diretta testimonianza di una evoluzione positiva

Noureddine Ouazzani

Marocco oleario in gran forma

Il settore dell'olio d'oliva marocchino quest’anno risente delle conseguenze della siccità e dell'assenza di pioggia, soprattutto da settembre. Quindi, le nostre stime sono riviste al ribasso. Si prevedono invece 80 mila tonnellate di olio da olive, al posto della stima di settembre che si attestava su 120 mila tonnellate.

È un settore in crescita, dal 2004, il Marocco ha compiuto un notevole salto qualitativo, sempre impegnato a migliorare la qualità degli oli prodotti. Ciò è stato possibile grazie a processo di modernizzazione dei frantoi e, in particolare, a seguito dello sviluppo dei progetti integrati di produzione di oli da olive (da 200 ettari a progetti di 1000 ettari) e alla creazione di 40 cooperative olearie provviste di unità di produzione con una capacità di molitura di 100 tonnellate al giorno.

Inoltre, c’è da osservare che il Marocco ha aggiornato i suoi standard di qualità degli oli da olive, secondo gli standard del Consiglio oleicolo internazionale, a partire da gennaio 2015.

Mentre, a partire dal 2007, gli operatori professionali marocchini hanno dato maggiore importanza al miglioramento del profilo sensoriale dei loro oli. Un impegno, questo, che è stato riconosciuto a livello internazionale, ed è sufficiente vedere i prezzi ottenuti dagli oli marocchini a livello internazionale, per rendersi conto di questa evoluzione positiva.

Attualmente, ci sono in Marocco quattro gruppi di panel a livello nazionale, riconosciuti dal Consiglio oleicolo internazionale; e inoltre, l'Agro-Pole Olivier, si avvale a sua volta di una giuria internazionale di assaggiatori professionisti presieduta dall'italiana Franca Camurati.

Noureddine Ouazzani - 19-02-2018 - Tutti i diritti riservati

Noureddine Ouazzani

Ingegnere Agronomo, vive a Meknes, nella capitale della storia olivicola e olearia del Marocco. Direttore dell'Agro-pôle Olivier, ha dato il via a un processo di innovazione, sviluppo e promozione dell'industria olearia marocchina.

Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Diventare dei bravi e competenti assaggiatori di olive? Si può

Diventare dei bravi e competenti assaggiatori di olive? Si può

Dal 27 al 29 giugno, un corso realizzato secondo i criteri e le modalità stabiliti dalle linee guida per la formazione dei panel leader e dei giudici di analisi sensoriale delle olive da tavola del Consiglio Oleicolo Internazionale a Bologna, a cura dell'Università di Bologna e Serinar, con la regia del panel leader Coi Roberto De Andreis

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La cultura dell’olio attraverso gli chef

Il mondo della ristorazione oggi è molto vivace, dinamico e attento. A sostenerlo, in una intervista rilasciata nell’ambito della prima edizione del Forum Olio & Ristorazione (a Milano, il 28 maggio 2018), è stata Maria Francesca Di Martino. Preziose le sue considerazioni, molto utili al fine di capire come procedere con un corretto impiego degli oli extra vergini di oliva in cucina. Ed ecco allora, dalla Puglia, gli oli a marchio “Schinosa”: gli extra vergini da olive Coratina, più complessi e non adatti a tutti gli utilizzi, e quelli ottenuti invece dalla cultivar Peranzana, molto più morbidi e facili da abbinare

BIBLIOTECA OLEARIA
OOF International Magazine numero 4

OOF International Magazine numero 4

Una monografia interamente dedicata agli abbinamenti olio/cibo. Ogni numero un tema specifico. È la rivista trimestrale cartacea di Olio Officina, in edizione bilingue italiano/inglese