Sabato 16 Novembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > economia

Oli da olive e rischio dazi

La commissaria al commercio dell'Ue, Cecilia Malmström, in una lettera promette a Fedolive, la federazione europea delle imprese del comparto, il massimo impegno per evitare l’imposizione delle dure misure commerciali preannunciate dall’amministrazione statunitense

OO M

Oli da olive e rischio dazi

Ha dichiarato il massimo impegno per sostenere l’industria dell’olio da olive nella questione dei dazi americani. È quanto ha sostenuto Cecilia Malmström, commissaria Ue al commercio, in una lettera ufficiale inviata lo scorso 6 agosto a Fedolive, la federazione europea di settore. A rilanciare la notizia è stata per l'Italia Assitol.

Secondo quanto riporta una nota di Assitol, Fedolive, alcune settimane fa, aveva infatti scritto alle istituzioni di Bruxelles, evidenziando il contributo economico del settore all’economia Ue con i gravi contraccolpi che il comparto subirebbe se i dazi, preannunciati dall’amministrazione statunitense in risposta ai presunti sussidi europei all’aeronautica, diventassero realtà.

“La Commissione è consapevole – secondo quanto ha affermato la commissaria Malmström nella lettera - dell’impatto sul settore delle misure progettate dagli Usa. Abbiamo sostenuto con vigore che il dialogo deve prevalere tra partner come l’Unione Europea e gli Stati Uniti e siamo impegnati nell’individuare una soluzione negoziata per chiudere la disputa”.

L’obiettivo - si legge sempre nella nota Assitol - è giungere a un accordo nel quadro del Wto, l’organizzazione mondiale per il commercio, direttamente coinvolta nello scontro. Tuttavia, nella lettera Malmström assicura che la Commissione Ue, pur cercando il negoziato, sarà “molto attenta alla necessità di garantire la tutela degli interessi del settore dell'olio da olive dell'Ue se la situazione lo richiedesse”. 

Per le imprese, l’impegno della Commissione Ue rappresenta un passo molto importante, che fa intravvedere finalmente la possibilità di evitare una decisione drammatica per l’intero comparto olivicolo-oleario, europeo e italiano. Gli Stati Uniti sono il primo importatore di olio da olive a livello internazionale e questo spiega le preoccupazioni di Fedolive circa le restrizioni commerciali ventilate dall’Ustr, l’Ufficio per il commercio estero di Washington.

Secondo Andrea Carrassi, direttore generale di Fedolive e di Assitol, l’Associazione Italiana dell’Industria olearia, gli effetti dei dazi imposti dagli States potrebbero essere drammatici. “L’industria europea – ricorda - produce 2,2 milioni di tonnellate di olio da olive ma, nel caso gli Stati Uniti imponessero i dazi, un comparto come il nostro subirebbe un calo delle esportazioni pari ad almeno il 50%”.

Inoltre, sulla base delle prime stime orientative sui contraccolpi delle misure americane, la quota di mercato Usa detenuta dall’industria italiana diminuirebbe del 25% circa, riportando indietro il settore al 2014, ovvero l’annus horribilis dell’olio da olive. “Gli effetti pronosticati per l’Europa valgono anche per l’industria italiana – afferma Carrassi – che rischia di vedere dimezzato il fatturato delle imprese”. Non vanno poi sottovalutate le conseguenze sulla nostra bilancia commerciale. Soltanto lo scorso anno, le vendite dell’extra vergine negli Stati Uniti hanno fruttato all’Italia quasi 400 milioni di dollari. 

 

Si ringrazia per la notizia Silvia Cerioli. La foto di apertura è di Olio Officina

OO M - 12-08-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Nel nome dell’amore

Nel nome dell’amore

A Taranto, presso la Libreria Mondadori, la prima presentazione in anteprima del volume Tu sei per me come questa luna piena, edito da Olio Officina. Il libro segna l’esordio da poeta di Bernardo Campagna. Gli elementi della natura - mare, onda, spiaggia, sabbia, vento, cielo, sole, luna - sono il teatro fisico delle emozioni

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora