Venerdì 16 Novembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > economia

Olio di Puglia Igp, si parte?

In attesa che abbia un seguito l'istanza presentata alla Commissione europea per la registrazione dell'Indicazione geografica protetta, il Ministero delle Politiche agricole ha emanato il Decreto 29 maggio 2018, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 161 del 20 giugno 2018 che sancisce il regime di "protezione provvisoria". Ora, la speranza è che la proposta che fu a suo tempo  avanzata dall'esperto di marketing Massimo Occhinegro, non sia gestita da coloro che nel frattempo hanno lasciato sprofondare nel nulla le grandi potenzialità (sulla carta) delle Dop degli oli pugliesi

OO M

Olio di Puglia Igp, si parte?

L'Art. 1 del Decreto 29 maggio 2018 sancisce il tanto atteso via libera. "È accordata - si legge nel documento scaricabile QUI - la protezione a titolo transitorio a livello nazionale, ai sensi dell'art. 9, comma 1, del regolamento (UE) n. 1151/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio del 21 novembre 2012, alla denominazione Olio di Puglia.

È da tenr presente che secondo l'Art. 3, "La responsabilità, presente e futura, conseguente alla eventuale mancata registrazione comunitaria della denominazione Olio di Puglia, come indicazione geografica protetta ricade sui soggetti che si avvalgono della protezione a titolo transitorio di cui all'art. 1".

Per chi desidera leggere (e scaricare) il documento che riporta l'articolato del DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA INDICAZIONE GEOGRAFICA PROTETTA “OLIO DI PUGLIA” è sufficiente cliccare sul titolo in evidenza.

L'ottenimento della Igp è stato il frutto di lunghe attese. Dapprima, da una idea dell'esperto di marketing internazionale Massimo Occhinegro, il solo fatto che si potesse immaginare come possibile una attestazione di origine IGP per l'olio pugliese sembrava una ipotesi peregrina, molto avversata in realtà dal comparto agricolo, poco incline a considerare una Igp per la Puglia, troppo concentrati com'erano nel portare avanti i singoli campanili, dividendosi in funzione dei singoli territori, ma poi, dopo il declino e l'insuccesso delle singole Dop degli oli pugliesi, gli stessi che prima avversavano l'Igp l'hanno poi cavalcata fino ad avere, nel perfetto divisivo stile italiano, ben due Comitati promotori.

In tutta questa operazione, resta l'amarezza per aver perso anni e anni di occasioni, e ora i rischio è che assegnando a condizionamenti politici la guida dell'Olio di Puglia Igp a perdere l'ennesima occasione di successo può solo essere i trasferimento della mala gestione delle Dop anche alle Igp, come se ci fosse paradossalmente una vocazione a distruggere e penalizzare il comparto oleario pugliese, a danno di chi produce e commercializza, ma questa è solo una ipotesi che si spera non sia così rovinosa come apparirebbe a prima vista.

OO M - 07-07-2018 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Fare squadra. È l'ambizioso obiettivo che è stato sottoscritto dal presidente e ad Carapelli Firenze SpA Pierluigi Tosato, del gruppo Deoleo, e dal presidente di Cia-Agricoltori Italiani Dino Scanavino. L'accordo è stato siglato a Roma e punta su innovazione e sviluppo del mercato degli oli extra vergini  di oliva di qualità superiore. 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti