24 Maggio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > economia

Olio e olive da tavola in Canada

Un paese molto importante per consumo di olio e olive da tavola. Le importazioni sono connotate da una tendenza positiva con un volume di olio importato aumentato del +132% nel corso di poco più di un decennio. L’Italia è prima ma la Spagna corre in maniera esponenziale

Consiglio Oleicolo Internazionale

Olio e olive da tavola in Canada

 

Olio di oliva e olio di sansa di oliva. Il Canada rappresenta circa il 5% delle importazioni mondiali di olio di oliva e olio di sansa di oliva. Le importazioni in questo paese sono aumentate del 17,8% durante l'ultima campagna 2017/18 raggiungendo  47.967 t. Questo aumento è stato del 25,7% se invece di confrontarlo con la campagna precedente lo si confronta con la campagna 2012/13 dove si raggiunsero 38.169 t. La tabella I mostra l'evoluzione delle importazioni durante le ultime 6 campagne, osserviamo come l'Italia, con poco più della metà delle importazioni totali, la Spagna e la Tunisia siano i tre principali fornitori del Canada. Raggiungono l'82,0% del totale delle importazioni. Dopo questi: la Grecia si distingue con il 7,7% e gli Stati Uniti con il 4,2%. I maggiori aumenti di importazioni della campagna 2017/18 si sono verificati da Spagna, Libano, Tunisia e Italia (59,8%, 44,6%, 23,6% e 14,6%, rispettivamente), rispetto alla campagna precedente. Nella sezione I.1 di questa pubblicazione è possibile seguire mensilmente l'evoluzione di questo mercato.

 

 

 Tabella I-Importazioni di olio di oliva e olio di sansa di oliva per paese di origine (2012/13 - 2017/18)(t)

 

 

 

 Grafico II – evoluzione delle importazioni 2005/06 – 2017/18 (×1000 t)

 

Per origine delle importazioni, circa il 77,3% del totale proviene dall'Unione europea. Il restante 22,7% proviene principalmente dalla Tunisia 13,4%, dagli Stati Uniti 4,2%, Turchia 1,1% e Libano 1,0%. Per quanto riguarda i volumi per categorie di prodotti, il 79,6% delle importazioni totali è stato registrato con il codice 15.09.10 (oli di oliva vergini), seguito dalle importazioni corrispondenti al codice 15.09.90 (oli di oliva) con il 18,3% e il restante 2,1% corrisponde alle importazioni del codice (15.10.00) (oli di sansa di oliva).

 

Tabella II - Distribuzione de le importazioni per tipologia di prodotto e paese (2017/2018) (t)

 

 

 

L'evoluzione delle importazioni di olio di oliva vergine presenta una tendenza positiva e il volume importato è aumentato del 132,1% se confrontiamo la campagna 2017/2018 con la campagna 2005/2006 in cui rappresentavano il 68,8% del totale importazioni

 

 

Grafico III – Evoluzione delle importazioni per tipologia di prodotto 2005/06 – 2017/18 (×1000 t)

 

 

Olive da tavola. Il mercato canadese delle olive da tavola presenta un'evoluzione positiva a lungo termine, raggiungendo 31.336,9 t nell'ultima campagna 2017/18 (settembre 2017 - agosto 2018), pari al 4,8% delle importazioni mondiali, e registra un aumento del 9,3% rispetto alla campagna precedente. La figura IV mostra l'andamento delle importazioni durante le ultime 13 campagne, da 20.007,9 t nel 2005/06 a 31.336,9 t nel 2017/18 con una percentuale di aumento del 56,6%.

La tabella III mostra le importazioni dell'ultima campagna per paese di origine e, tra questi, la Spagna si distingue come principale fornitore di questo mercato con il 49,1% del volume importato (15 400,4 t); segue la Grecia con il 25,1% (7 881,2 t); il Marocco con 7,1% (2 218,2 t) e l’Italia con 5,0% (1 560,8 t). Il resto dei paesi è inferiore al 5%. Nella sezione I.2 di questa pubblicazione è possibile seguire mensilmente l'evoluzione di questo mercato.

 

 Grafico IV – Importazioni di olive da mensa 2005/06 – 2017/18 (×1000 t)

 

Tabella III – importazioni di olive da mensa per paese di origine

 

Consiglio Oleicolo Internazionale - 22-10-2019 - Tutti i diritti riservati

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il Casa Coricelli 100% italiano

Il Casa Coricelli 100% italiano

Il punto di forza e di novità è nella tracciabilità certificata, ben evidenziata in etichetta. Il numero di lotto rimanda a una materia prima pugliese, e in particolare proveniente dalle province di Taranto e Brindisi. Sapidità, armonia, morbidezza, una nota dolce persistente al primo impatto, il gusto che ricorda il carciofo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Marisa Iocco, chef e patron di Spiga Ristorante a Boston, ci propone un dolce tipicamente americano, molto popolare e ormai ritenuto così familiare da non poterlo togliere dal menu, per quanto è richiesto. Lo stesso dolce è stato proposto in occasione del progetto di comunicazione e formazione che si è tenuto a fine 2019 a Boston, Providence e New York, organizzato dai consorzi di qualità degli oli extra vergini di oliva Ceq Italia e, per la Spagna, da QvExtra! con il supporto dell’Unione europea

EXTRA MOENIA
Ecco il miglior Aceto Balsamico di Modena Igp

Ecco il miglior Aceto Balsamico di Modena Igp

L’organizzazione tedesca Stiftung Warentest, nota per la propria indipendenza e imparzialità, ha reso noto, attraverso le pagine della sua rivista Test, i risultati di una serie di analisi effettuate su ben 19 aceti balsamici di Modena. A guadagnare il più alto gradino sul podio è stato l’Igp “5 Grappoli invecchiato” dell’Acetaia Giuseppe Cremonini di Spilamberto

GIRO WEB
Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Si chiama “Lavora con agricoltori italiani” ed è una iniziativa di Cia-Agricoltori Italiani. Si tratta, per l'esattezza, di un portale di intermediazione per mettere in contatto lavoratori e aziende agricole. Ora però si attendono misure concrete da parte delle Istituzioni, la mancanza di manodopera desta non poche preoccupazioni

OO VIDEO

Il sottocosto dell’olio extra vergine di oliva

È un approccio commerciale decisamente sbagliato, perché non attribuisce il reale valore a un olio che vanta invece grandi meriti nutrizionali, salutistici e perfino edonistici. Ne abbiamo parlato con Andrea Carrassi, direttore generale di Assitol, organizzazione da tempo impegnata a contrastare pratiche commerciali che sviliscono un prodotto di alto valore

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Non tutti gli italiani conoscono l'olio extra vergine di oliva. Lo consumano, certo, ma ne ignorano la natura e il valore. Lo si vede da come acquistano l’olio al supermercato, scegliendo sempre quello in offerta al prezzo più stracciato. Ecco allora un utile strumento per acquisire le giuste conoscenze e imparare a impiegare al meglio tutti gli extra vergini > Silvia Ruggieri