Mercoledì 22 Maggio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > economia

Olio Igp Puglia, tutto da da rifare

Solenne bocciatura per il disciplinare di produzione presentato dal presidente di Coldiretti Lecce Pantaleo Piccinno e dal suo staff. La mancanza di dialogo tra chi all’olio Igp Puglia vi ha sempre creduto, fornendo le giuste osservazioni tecniche, e chi invece ha preferito improvvisare, dimostrando scarsa professionalità e mancanza di dialogo, ora si pagano con le osservazioni della Commissione Ue che di fatto boccia il documento segnalando punto per punto gli errori

OO M

Olio Igp Puglia, tutto da da rifare

Solo la scorsa settimana abbiamo pubblicato la notizia - con un articolo dal titolo Olio di Puglia Igp, si parte? – dove abbiamo espressamente posto l’interrogativo, perché lo sapeva mezzo mondo, ormai, che il disciplinare di produzione era stato mal elaborato, senza solide basi scientifiche. Le osservazioni che erano state poste all’epoca non sono state ascoltate, e infatti ora si pagano a caro prezzo gli errori, che punto per punto, la Commissione Ue ha evidenziato in una articolata nota che vi riportiamo integralmente.

 

In attesa che abbia un seguito l'istanza presentata alla Commissione europea per la registrazione dell'Indicazione geografica protetta – avevamo scritto -  il Ministero delle Politiche agricole ha emanato il Decreto 29 maggio 2018, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 161 del 20 giugno 2018 che sancisce il regime di "protezione provvisoria". Ora, la speranza è che la proposta che fu a suo tempo avanzata dall'esperto di marketing Massimo Occhinegro, non sia gestita da coloro che nel frattempo hanno lasciato sprofondare nel nulla le grandi potenzialità (sulla carta) delle Dop degli oli pugliesi.

Parole inascoltate, perché quando agisce con arroganza la voce del potere e questa voce si lega a una mancanza di professionalità le conseguenze sono del tutto prevedibili.

Infatti, nell’articolo OLIO IGP PUGLIA, COSA CAMBIARE  si evidenziano tutte le osservazioni che la parte contrapposta al Comitato che si è imposto con la forza della politica, contro il comitato spontaneo. 

Qui non si tratta di essere polemici e di contrastare il Comitato che si è imposto per via politica, cui alcune associazioni hanno per viltà e mancanza di autonomia ceduto il passo a Coldiretti e ai suoi errori, ma è in gioco il futuro della Puglia olearia, non si può scherzare sull’economia di una regione che già sta vivendo il dramma della xylella, se poi si aggiunge anche quello della inesperienza e mancanza di professionalità, non vi è più scampo.

Va detto, a onor del vero che il Comitato sostenuto dalla politica, e da quelle organizzazioni deboli, succubi del potere esercitato da Coldiretti, non ha preso nemmeno lontanamente in considerazione le osservazioni poste dal Comitato spontaneo, quello che aveva molti anni prima sostenuto la causa dell’Igp Puglia. Anzi, a dire il vero, non soltanto le osservazioni a suo tempo avanzate non sono state prese in considerazione, ma addirittura quelli che oggi con la coda tra le gambe non escono per strada per la vergogna avevano deriso chi invece aveva visto giusto. Sono i soliti arroganti che non comprendono che il bene di un settore lo si costruisce dialogando, non imponendosi con la forza. L’aspetto più triste, in questa vicenda, è che anche gli uomini di scienza presenti nei momenti in cui si doveva definire il disciplinare di produzione, non hanno prestato ascolto alle osservazioni critiche poste a un documento debole, come si è poi rivelato con le osservazioni mosse dalla Commissione Ue.

Gli errori si pagano, e a caro prezzo.

Ecco, pertanto, il documento della Commissione Ue con le osservazioni articolate punto per punto.

 

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE OLIO IGP PUGLIA  |   OSSERVAZIONI COMMISSIONE UE

È indicato che l'olio può avere un colore dal verde al giallo paglierino e presentare le seguenti caratteristiche: fruttato di oliva 2 — 8 / amaro 2 — 7 / piccante 2 — 7. Gli intervalli sono piuttosto ampi e non sembrano indicare un prodotto molto specifico. Si prega di comunicare per lettera quale sarebbe la quota della produzione totale di olio di oliva della zona interessata dalla denominazione.

La comanda di registrazione in oggetto sembra presentare un'incompatibilità con la normativa applicabile di oliva nell'ambito dell'organizzazione comune dei mercati dei prodotti agricoli, in particolare con le caratteristiche applicabili all'olio di oliva (regolamento (CEE) n. 2568/91 della Commissione). Al punto 3.2 del documento unico si afferma infatti che "per i valori della acidità e numero di perossidi sono consentite tolleranze del 20%." Poiché i valori limite indicati nell'allegato I tengono già conto dei margini di tolleranza, si prega di fornire precisazioni al riguardo.

Poiché l'olio oggetto della domanda di registrazione presenta valori mediani elevati per gli attributi amaro e piccante, si ricorda che, conformemente all'allegato XII, punto 9.4, nota 1, del regolamento (CEE) n. 2568/91, quando la mediana dell'attributo amaro e/o piccante è superiore a 5.0, ciò deve essere indicato dal capo panel nel certificato di analisi.

Una delle caratteristiche dell'olio oggetto della domanda di registrazione è il suo elevato tenore di polifenoli. Si ricorda che occorre rispettare le disposizioni previste dal regolamento (UE) n. 432/2012 al fine di poter apporre sul prodotto un'indicazione sulla salute.

Al punto 3.4 si legge: "Tutte le fasi del processo di produzione: coltivazione, raccolta, oleificazione stoccaggio devono avvenire nella zona geografica delimitata." Lo stoccaggio non è una fase della produzione e non deve essere quindi menzionato in tale punto.

Punto 3.5: La specifica riferita alla distanza massima di 125 km o al tempo di percorrenza massimo di 120 minuti rispetto al luogo di molitura per l'imbottigliamento e il confezionamento non sembra essere un argomento rilevante, dato che i rischi di deterioramento delle caratteristiche chimiche e organolettiche di un olio sfuso non sono maggiori di quelli di un olio confezionato e possono essere evitati con idonee condizioni di conservazione e di trasporto (temperatura, esposizione alla luce, uso di gas inerti). Di conseguenza, questa specifica potrebbe comportare una restrizione ingiustificata alle norme sulla concorrenza rispetto ad altri operatori situati al di là di tali limiti di distanza o di tempo. Si prega pertanto di sopprimerla o di indicare che l'olio sarà imbottigliato nel luogo di produzione o di giustificare nel prosieguo tale restrizione.

Si precisa che "L'uso dì nomi d'aziende, tenute,fattoriee loro localizzazione territoriale, nonché il riferimento al confezionamento nell'azienda olivicola o nell'associazione d'aziende olivicole situate nell'area di produzione è consentito solo se il prodotto è stato ottenuto in prevalenza con olive raccolte negli oliveti facenti parte dell'azienda medesima." Il termine "essenzialmente" è vago. L'indicazione di una percentuale minima sembra necessaria per permettere il controllo delrispettodi questa disposizione.

Il documento unico fa riferimento all'indicazione obbligatoria dell’ anno di raccolta. Si ricorda che è attualmente sottoposto alla procedura di adozione un atto delegato che fornirà un chiarimento circa il modo d'indicare l'anno di raccolta per l'olio d'oliva. In particolare, tale indicazione dovrà essere espressa sia sotto forma dell'anno di commercializzazione (definito all'articolo 6, lettera c), punto iii), del regolamento (UE) n. 1308/2013) in cui ha avuto luogo la raccolta, sia sotto forma del mese e dell'anno di raccolta, in tale ordine (il mese corrisponde al mese in cui l'olio è estratto dalle olive).

D'altro lato, numerose disposizioni giuridiche contenute nel suddetto punto sono superflue. Si invita quindi a lasciare esclusivamente le disposizioni specifiche della denominazione.

Punto 5: 

(a) Occorre indicare all'inizio di questo punto se la domanda si basa su una qualità o su caratteristiche specifiche (precisare quali) o sulla reputazione. 

(b) É indicato che "I polifenoli conferiscono l'amaro ed il piccante e determinano quel valore salutistico che rappresenta una caratteristica qualitativa tipizzante e distintiva dell'IGP "Olio di Puglia" rispetto allo standard qualitativo di prodotti della stessa tipologia ottenuti fuori dalla zona di produzione." Sarebbe utile includere un confronto con i tenori polifenolici "normali". Le indicazioni sulla salute devono essere fornite con prudenza e in linea con le disposizioni di legge (cfr. osservazione 1, lettera d)). 

(c) Si fa menzione di "tecniche di coltivazione [che] contribuiscono a fissare ed esaltare tali tipicità". Sarebbe utile illustrare più in dettaglio le suddette tecniche per giustificare il legame. 

(d) Se la domanda è basata sulla reputazione, si prega di notare che le prove della reputazione fornite sono insufficienti e, se del caso, si chiede di integrarle. 

(e) Sarebbe necessario rivedere il punto per concentrare la dimostrazione sulla qualità o sulle caratteristiche prescelte e per evitare ripetizioni e ridondanze.

 

LEGGI ANCHE

 

Olio di Puglia Igp, si parte?

 

Igp Puglia, vietato sbagliare 

 

Olio Igp Puglia, cosa cambiare 

 

Un olio Igp Puglia fuori dal mercato

 

 

La foto di apertura è di Luigi Caricato

OO M - 17-07-2018 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Raboso del Piave 2015, di Giorgio Cecchetto

Il vino della settimana: Raboso del Piave 2015, di Giorgio Cecchetto

Prodotto nella pianura trevigiana attraversata dal fiume Piave, è ottenuto dall’unico vitigno a bacca rossa autoctono della provincia di Treviso. Al naso viene inizialmente risaltata la frutta rossa che successivamente si evolve nello speziato e confettura > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

EXTRA MOENIA
Un nuovo Emporio Fratelli Carli. A Pavia

Un nuovo Emporio Fratelli Carli. A Pavia

L'inaugurazione venerdì 24 maggio. La prestigiosa azienda olearia ligure sta puntando sempre più sul canale retail monomarca e con il nuovo il punto vendita giunge a quota dodici. Si tratta, in particolare, del sesto negozio presente in Lombardia. Con i suoi 115 metri quadri, si tratta del più grande centro della catena

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olio spiegato alle mie figlie

L’olio spiegato alle mie figlie

Un libro dell'oleologo Lorenzo Cerretani per le edizioni Olio Officina, da avere assolutamente con sé. Pensato per i giovanissimi, è adatto anche agli adulti. Un linguaggio semplice, proprio per questo utilissimo per apprendere tutto, ma proprio tutto, sull'olio da olive, il pregiato succo