Martedì 19 Settembre 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > economia

Olivagione mondiale 2017

La prossima campagna olearia supererà la precedente quasi del 5 per cento. Il settore dovrà pertanto cominciare a prepararsi in modo strategico. Si prevede infatti un’evoluzione stabile e solida nella formazione dei prezzi all’origine. Tutto ciò secondo l’ultimo censimento internazionale coordinato da Juan Vilar, consulente strategico e professore dell’Università di Jaén, in Spagna, e Jorge Pereira, professore dell’Università della Repubblica dell’Uruguay. La prossima campagna prevederà una produzione internazionale di olio da olive pari a quasi 2,8 milioni di tonnellate

OO M

Olivagione mondiale 2017

Le stime per la campagna 2017/18, effettuate sulla base dei dati relativi a 57 Paesi produttori, con un livello di significatività del 95 per cento e del 93 per cento per superficie e produzione, rispettivamente, prevedono una produzione di 2.826.890 tonnellate di olio di oliva.

SCARICA QUI I DATI NEL DETTAGLIO

Fra i maggiori produttori contemplati nella suddetta stima, figurano la Spagna (1,20 milioni di tonnellate), la Tunisia (290 mila tonnellate), l’Italia (280 mila tonnellate), la Grecia (265 mila tonnellate) e la Turchia (200 mila tonnellate), che corrisponderebbero rispettivamente al 42,45; 10,08; 9,73; 9,21 e 6,95 percento della produzione totale, andando a costituire congiuntamente l’80% dell’offerta di olio di oliva prodotto a livello mondiale nella prossima campagna.
Tutti questi dati, sono naturalmente prudenziali, in quanto ci si aspetta un autunno precoce con abbondanti precipitazioni.

Per quanto riguarda le olive, la produzione attesa è di quasi 20 milioni di tonnellate, poco più del 12 per cento delle quali sarà destinato alla lavorazione dell’oliva da tavola e poco meno dell’88 per cento, la parte restante, alla lavorazione dell’olio.

La produzione media per ettaro, degli oltre 11,4 milioni di ettari destinati all’ulivo su scala mondiale, sarà di 1.700 kg di olive, da tavola e da frantoio, mentre la produzione di olio di oliva supererà i 250 kg, sempre in media e per ettaro.

Per quanto riguarda il tipo di coltivazione, il 56% delle olive proverrà da coltura tradizionale, il 36% da coltura intensiva e l’8% da coltura superintensiva.

Sempre secondo le stime effettuate, se si prende in considerazione la produttività media, guidano la classifica Australia e Cile, con quasi 600 kg di olio per ettaro, seguiti dalla Spagna, con 470 kg e da Israele, con quasi 460 kg.

I prezzi. Supponendo che l’offerta prevista soddisfi la domanda mondiale pronosticata per la suddetta campagna e che il collegamento fra domanda e offerta a livello mondiale alla fine di settembre sia emergente, si prevede un’evoluzione stabile e solida nella formazione dei prezzi all’origine, per lo meno fino alla prossima primavera.

Domanda. La domanda potrebbe subire lievi contrazioni sostenute e generalizzate soprattutto sui mercati maturi dei grandi produttori, in particolar modo Spagna, Italia, Grecia e Tunisia.

Tendenza prevedibile a lungo termine. Se il 2018 sarà un anno idrologicamente adeguato, la campagna 2018/19 degli oltre 11,4 milioni di ettari destinati alla produzione di ulivi su scala mondiale potrebbe avere una produttività compresa fra l’80 e l’85 per cento, equivalente a 3,6-3,7 milioni di tonnellate, il che, unito al suddetto calo della domanda sui mercati maturi precedentemente indicati, comporterà prezzi all’origine completamente diversi. Il settore dovrà pertanto cominciare a prepararsi in modo strategico.

Così come riporta Juan Vilar, "l’olivicoltura internazionale sta vivendo una congiuntura estremamente favorevole allo sviluppo di strategie competitive, soprattutto per le aziende meno redditizie", concetto condiviso da Jorge Pereira, il quale osserva che “l’enorme progresso competitivo compiuto da Paesi come Australia e Cile che, nonostante le condizioni difficili per la coltivazione e le superfici coltivate che non superano i 30 mila ettari, hanno produzioni simili, basate sull’innovazione come strategia competitiva".

 

 

La foto di apertura è dei Fratelli Turri

OO M - 14-07-2017 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alberto Guidorzi
L'INCURSIONE

ALBERTO GUIDORZI

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Think green

Think green

Un mix di olive di diverse cultivar rendono l'olio dell'Oleificio Angelo Coppini di Terni, un cento per cento italiano, un extra vergine versatile e armonico, dal gusto rotondo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Panissa, cipolla egiziana ligure e la crema di melanzane

Panissa, cipolla egiziana ligure e la crema di melanzane

È il frutto della tradizione gastronomica ligure che nulla ha a che vedere con  la altrettanto celebre farinata, pur essendo una preparazione a base di farina di ceci. Per chi ama il fritto, è una gran delizia > Marco Damele

EXTRA MOENIA
La festa dell'olio nuovo al Frantoio Turri

La festa dell'olio nuovo al Frantoio Turri

Torna l'atteso appuntamento per celebrare l'avvio dell'olivagione 2017 e gustare l'olio nuovo. Una giornata evento con visite guidate, piatti tipici del Garda e musica dal vivo. Porte aperte al pubblico, domenica 12 novembre, a Cavaion Veronese

GIRO WEB
Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Abbiamo collocato on line il sito della nostra casa editrice. Uno strumento utile per saperne di più sulle nostre pubblicazioni, sia cartacee, sia telematiche. Il nuovo sito è sul dominio olioofficina.eu, e affianca quelli di Olio Officina Magazine (olioofficina.it), Olio Officina Globe (olioofficina.net) e Olio Officina Festival (olioofficina.com). Buona navigazione > Luigi Caricato

OO VIDEO

L’olio d’alta quota

In giugno, sabato 10, la presenza del movimento culturale Tree Dream da Peck, nel tempio della gastronomia. Il dialogo tra Luigi Caricato e Flavio Lenardon

BIBLIOTECA OLEARIA
La dinastia olearia dei Guarini

La dinastia olearia dei Guarini

In Puglia sono stati un solido punto di riferimento, e tutt’oggi sono operativi su più fronti. In un libro di Achille Colucci, e a cura di Rosa del Vecchio, viene ripercorsa la goriosa storia della Oleifici Fasanesi > Maria Carla Squeo