Giovedì 25 Aprile 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > economia

Quale futuro per la Taggiasca

Realizzare una Dop oggi è già di per sé più difficile, ma sembra che le maggiori difficoltà siano quelle interne, quelle di chi si oppone con ostinazione senza nemmeno rendersi conto del disastro cui si va incontro. La decisione di ricorrere al Tar è una sconfitta per tutti, non quella di una parte sola. Ci si illude se si pensa che sia la sconfitta di un Comitato nei confronti dell’altro. Resta sconfitta la Liguria

Roberto De Andreis

Quale futuro per la Taggiasca

Il Tar Lazio ha rigettato il ricorso del Comitato Taggiasca Dop, a seguito di molte controversie locali, cui è seguito a suo tempo il diniego, da parte del Ministero delle Politiche agricole, di poter disporre di una Dop che tuteli l'oliva Taggiasca. Si tratta di una questione molto delicata, perché senza una tutela è a rischio la stessa olivicoltura ligure il cui progressivo abbandono degli oliveti sta diventando ormai un grande e irrisolto problema. Ospitiamo al riguardo l'opinione del presidente del Comitato promotore per la Taggiasca Dop Roberto De Andreis.

Trovo inutile e improduttivo tutto il gran vociare intorno alla decisione del Tar Lazio in merito alla cosiddetta bocciatura della proposta di una Dop per l’oliva Taggiasca. Non è per il fatto che tale decisione rappresenti soltanto una fase del giudizio, e non quella definitiva, ma è che tutto questo gran can lo trovo alquanto discutibile, anche perché al centro di una simile decisione vi è tutto il territorio con il suo futuro. 

Non ci sono interessi di parte, ma vi è l’interesse di tutta la comunità dei liguri affinché l’oliva Taggiasca, il simbolo per eccellenza della regione, non venga depredato da imprenditori che vogliano trarne un vantaggio al di fuori del territorio. 

In quest’ottica, non tutelare la Taggiasca attraverso il riconoscimento di una Dop è un errore gravissimo. 

Non si può pensare ogni volta di contrastare e muovere continue contrapposizioni. L’Italia è ferma al palo proprio per questi atteggiamenti di continuo contrasto, quando invece si tratta di giungere all’interesse comune e piuttosto in fretta.

In una regione che deve tutto il suo successo a un elemento altamente simbolico qual è la cultivar Taggiasca, perdere tale riferimento significa farsi pesantemente del male.

Questo continuo battagliare e dividersi porta solo a bloccare o rallentare il processo di acquisizione di una Dop e non giova certo alla difesa e alla tutela della Taggiasca.

Ogni perdita di tempo equivale a fare il gioco di chi preferisce immettere sul mercato una presunta Taggiasca non riconducibile in senso stretto al territorio Liguria. 

Chiunque può già piantare olivi Taggiasca in ogni luogo, in piena libertà. Così, senza una tutela, perdendo questa connotazione territoriale cosi strettamente connessa alla Liguria, ci metterà presto fuori dai giochi, tutti, piccoli e grandi, perché una regione come la Liguria, con una orografia poco favorevole, non potrà mai essere competitiva. Sta proprio qui la ragione di una Dop che avrebbe difeso l’economia e la storia di un territorio impervio e poco agevole. 

Realizzare una Dop oggi è già di per sé più difficile, ma sembra che le maggiori difficoltà siano quelle interne, quelle di chi si oppone con ostinazione senza nemmeno rendersi conto del disastro cui si va incontro. 

L’entusiasmo di chi esulta per la decisione del Tar Lazio è invece una amara sconfitta per la Liguria, per tutta l’olivicoltura ligure e la sua storia, per la sua gente che con grandi sacrifici ha messo in piedi una storia olivicola eroica e senza precedenti. Se vogliamo perdere tutto questo, possiamo ammettere che ci si sta impegnando, ma non è questo il futuro che vogliamo.

Il giudizio espresso dal tribunale amministrativo, per quanto abbia un innegabile peso, non è paragonabile al giudizio del Consiglio di Stato, che ha invece il valore di un organo costituzionale.

Occorre riflettere su ciò cui si vuole andare incontro. Se si intende insistere nel creare azioni di contrasto, si è liberi di farlo, per carità, ma poi ci si deve assumere anche le proprie responsabilità. Certo, il futuro oggi ci appare lontano, ma intanto la certezza dell’abbandono progressivo degli oliveti è sotto gli occhi di tutti. È un abbandono che ci mette a disagio perché si sta estendendo sempre più in tutta la Liguria. Così, o si decide di tutelare le proprie risorse, o ci si ferma del tutto pur di essere divisi su questioni tanto delicate quanto determinanti per l’economia. 

La decisione di ricorrere al Tar è una sconfitta per tutti, non quella di una parte sola. Ci si illude se si pensa che sia la sconfitta di un Comitato nei confronti dell’altro. Resta sconfitta la Liguria. 

I danni li paga il territorio, ma questo forse interessa poco oggi. Io sono però convinto che gli errori quando sono così gravi diventano anche irreparabili. E quando si discende la china è difficile risalire. Quindi, riflettiamo, finché si è ancora in tempo. Se abbiamo veramente a cuore la Liguria e la sua olivicoltura, non possiamo tradire le generazioni passate per ciò che ci hanno lasciato e quelle future per ciò che non troveranno.

 

Roberto De Andreis - 05-04-2019 - Tutti i diritti riservati

Roberto De Andreis

Membro del Gruppo olive da tavola presso il Consiglio oleicolo internazionale, è presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Schiava 2017, di Tiefenbruner

Il vino della settimana: Schiava 2017, di Tiefenbruner

Un vino alto atesino di una storica azienda attiva sin dal 1675, ottenuto da un vitigno autoctono di grande qualità che andrebbe rivalutato. Le prime sensazioni sono di frutta rossa matura, leggermente speziato, pepe bianco, lampone, fragoline di bosco, prugna con note balsamiche > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Costolette d'agnello irlandese con salsa di prezzemolo e timo

Costolette d'agnello irlandese con salsa di prezzemolo e timo

La Pasqua si avvicina e non ci si può sottrarre alle consuetudini. Questa volta l'Irlanda, attraverso Bord Bia, viene da noi, con una ricetta in cui tra l'altro anche l'olio extra vergine di oliva è presente. Tanti gli ingredienti, ma la carne, quella proposta in questa preparazione, è rigorosamente Irish, da animali allevati secondo la più autentica tradizione irlandese e che pascolano in piena libertà, alimentandosi per oltre l’80 per cento di erba fresca

EXTRA MOENIA
Unire le varietà per dare vita al nuovo. Torna il concorso Carapelli For Art

Unire le varietà per dare vita al nuovo. Torna il concorso Carapelli For Art

È stato presentato in occasione del World Art Day, lo scorso 15 aprile, la seconda edizione del premio internazionale per le arti visive. Al centro, il legame perfetto tra la maestria del brand nell’esaltare le diverse varietà di olivi che danno luogo ai diversi oli da olive e la capacità dell’arte di armonizzare le diversità di pensiero, forma e materia

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria

VISIONI

Il mondo è un bellissimo posto / per nascere

Lawrence Ferlinghetti