Sabato 21 Settembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > economia

Risorse dalla potatura

I residui agricoli? Non sono un problema da gestire ma beni preziosi per la bioeconomia dei territori. Un convegno che si è svolto presso la Fiera della agricoltura e della zootecnia di Foggia ha evidenziato le interessanti possibilità esistenti per la valorizzazione energetica dei residui di potatura delle colture arboree della Puglia

Marcello Ortenzi

Risorse dalla potatura

Un progetto che ha promosso la valorizzazione energetica dei residui di potatura delle colture arboree da frutto attraverso la nascita di nuove filiere produttive, è stato illustrato in un convegno alla Fiera di Foggia di fine aprile. Si tratta del progetto europeo “uP_running” che vede la partecipazione dell’Università di Foggia e del Distretto Agroalimentare Regionale della Puglia, che si è finito dopo tre anni di attività. 

Le potature costituiscono, in una regione come la Puglia particolarmente ricca in oliveti e vigneti, una risorsa di rilevanza strategica. Le procedure meccaniche di raccolta, trinciatura o imballatura dei residui, associate a un’efficiente logistica di mobilitazione, possono consentire un idoneo stoccaggio e un ottimale approvvigionamento agli impianti energetici, per generare calore o elettricità (e perfino frigorie). 

Questa strategia persegue l’obiettivo di una maggiore autonomia energetica a servizio delle aziende agricole e si manifesta particolarmente proficua per le cooperative e i consorzi, quando occorra alleggerire in modo rilevante il costo energetico connesso all’esercizio di un frantoio o di una cantina vinicola. 

Tra le esperienze fatte durante il progetto quello di Agritre, società attiva nella produzione di energia rinnovabile di Mezzano (RA). La società ha in esercizio un impianto di conversione elettrica di biomasse da 25 MW, oggi alimentato per un 20% con residui di potatura, oltre che paglie cerealicole. L’intento è di aumentare progressivamente il contributo di questa tipologia di residuo fino a un 35%. Inoltre è stata presentata l’esperienza di Tersan Puglia, società che produce compost ammendante per terreni agricoli, a partire dalla raccolta differenziata dell’umido. 

L’impiego delle potature può, in questo caso, assumere una triplice valenza: materiale strutturante nella produzione del compost, biocombustibile destinato alla generazione di calore per l’essiccamento del compost prodotto, realizzazione dei biofiltri utili per abbattere il carico odorigeno dei flussi d’aria forzata generati all’interno dell’impianto.

Nell’occasione particolare rilevanza è stata assegnata al tema della valorizzazione dei sottoprodotti del settore agro-alimentare riportando una serie di casi reali ed esperienze concrete in merito a filiere produttive di assoluta innovazione a partire da prodotti e sottoprodotti agrari. Per esempio la produzione d’inulina che è estratta dai residui della coltivazione di carciofo, una delle più tradizionali orticole della Capitanata, ed è un prezioso integratore alimentare, utilizzato in ambito nutrizionale come prebiotico (Cooperativa San Chirico). 

L’evento ha evidenziato le numerose possibilità in grado di attivare un nuovo settore produttivo, quello dell’agro-industria in Capitanata, che lungi dal confliggere nei riguardi del già largamente affermato settore agro-alimentare, ne rappresenterebbe una virtuosa articolazione, nell’ambito della simbiosi industriale e sotto l’insegna della sostenibilità ambientale ed economica, per conseguire una maggiore efficienza produttiva, capace di traguardare il compimento di un’economia “zero waste”.

 

 

Marcello Ortenzi - 14-05-2019 - Tutti i diritti riservati

Marcello Ortenzi

Nato a Roma, dove risiede, si è laureato in Economia e Commercio nell’Università "la Sapienza", con una tesi in Politica agraria sugli interventi per le aree interne e montane risiede nella capitale. Si è occupato di progettazione industriale e di comunità montane, partecipando a un gruppo di lavoro dell’Uncem Lazio per la preparazione di una legge regionale sugli enti montani. Ha collaborato inoltre con l’Istituto di studi sulle Regioni del CNR, elaborando alcune annate di analisi dei bilanci regionali. E’ stato funzionario della Regione Toscana nell’ufficio di Presidenza a Roma, e ora si occupa dell’utilizzazione delle biomasse nei settori energia ed industria con l’Italian Biomass Association (Itabia), associazione scientifica con sede in Roma, curando specialmente gli aspetti normativi e la divulgazione dei risultati delle attività. Collabora dal 1989 con alcune riviste agricole, occupandosi specialmente di castanicoltura e fibre vegetali, e redige inoltre un bollettino di lavori parlamentari on line sui temi agroforestali ed energetici.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

L'azienda, di Peschiera del Garda, nel Veneto veronese, opera sia nell'area gardesana, sia in Valpolicella. Nei suoi 75 ettari produce vini di qualità nel rispetto del territorio e valorizzando i vitigni autoctoni. Quello in degustazione,  da uve Corvina Veronese, Rondinella e Corvinone, è un rosso rubino, con note di frutta matura, molto balsamico, e che con l’ossigenazione evolve allo speziato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Novità di prodotto. Si amplia la gamma della Famiglia Mela di Imperia. Si tratta di un monocultivar Taggiasca che arricchisce l’ampia offerta di produzioni della nota azienda ligure. Si presenta con un abbigliaggio in chiave moderna, in linea con le esigenze di bellezza e bontà proprie del pubblico dei millenials

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Aurevo. L’olio al centro delle attenzioni

È una delle tre proposte ristorative presenti all’interno del Palazzo di Varignana. Per chi ha piacere di andarci, è possibile degustare tutti gli oli prodotti nelle tenute di Agrivar a Castel San Pietro Terme, sui colli bolognesi. Il contesto è unico e ha due anime: è un resort e insieme una azienda agricola con oltre 200 ettari. L’intervista a Eleonora Berardi, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione. Tre i punti di forza: legame con il territorio, storia e tradizione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo