Lunedì 10 Dicembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > economia

Sottoprodotti o risorsa?

Quelli della filiera olearia: un problema per l’impatto ambientale e quindi per tutto quello che è correlato allo smaltimento. Allo stesso tempo, però, essi rappresentano una fonte importante di molecole potenzialmente bioattive che possono essere recuperate ed utilizzate in vari settori, da quello bio-medico a quello alimentare

OO M

Sottoprodotti o risorsa?

A Bari la Società italiana per lo studio delle sostanze grasse ha creato le condizioni per diffondere tutte le novità in materia di oli e grassi. Ai lettori di Olio Officina Magazine presentiamo gli abstract, in modo da poter acquisire ogni utile informazione e magari richiedere direttamente al Sissg quanto necessario per approfondire di volta in volta i vari temi trattati.

È tuttavia importante evidenziare come la ricerca abbia bisogno di essere sostenuta concretamente, per questo consigliamo alle aziende di trovare il modo per finanziare le attività del Sissg, perché tutti si è parti in causa e soggetti attivi. Non possiamo aspettarci sempre che sia lo Stato a finanziare, anche noi dobbiamo fare la nostra parte, anche con una semplice quota, scrivendo a sissg@sissg.it

 

VALORIZZAZIONE DEI SOTTO-PRODOTTI DELLA FILIERA OLEARIA: DA SCARTO A RISORSA

Francesco Caponio 

Università degli Studi di Bari Aldo Moro, Dipartimento di Scienze del Suolo, della Pianta e degli Alimenti

 

Nel mondo sono coltivati più di 8 milioni di ettari di olivi e circa il 98% di questi nel bacino del Mediterraneo. La produzione dell’olio di oliva è inevitabilmente fonte di sottoprodotti e scarti, rappresentati prevalentemente da acqua di vegetazione, sansa di olive e foglie e rametti. Le quantità dei suddetti sotto-prodotti sono particolarmente elevate, basti pensare che per le acque di vegetazione il volume è compreso tra 0,5 e 2 m3per tonnellata di olive. La quantità di foglie che arriva in frantoio, invece, è aumentata drasticamente in seguito all’utilizzo della raccolta meccanizzata. 

Scarti e sottoprodotti, dunque, costituiscono un problema per l’impatto ambientale e quindi per tutto quello che è correlato allo smaltimento. Allo stesso tempo, però, essi rappresentano una fonte importante di molecole potenzialmente bioattive che possono essere recuperate ed utilizzate in vari settori, da quello bio-medico a quello alimentare. 

Diversi autori hanno indagato sulle tecniche di estrazione più appropriate per recuperare svariate molecole, quali polifenoli, tocoferoli, steroli, ecc. Ampio spazio viene dato alle tecniche di estrazione cosiddette “green”, di cui alcune prevedono l’impiego di ultrasuoni, microonde, fluidi supercritici, pressurizzazione. Svariati sono, inoltre, i loro impieghi tra i quali, in primo luogo, quello in ambito farmaceutico (integratori e altri fitorimedi), per l’alimentazione animale, come ammendanti per l’agricoltura e in ultimo anche l’impiego negli alimenti al fine di ottenere prodotti nutraceutici o di incrementare la shelf-life sfruttando la loro azione come antiossidanti e/o antimicrobici. 

L’interesse nel recuperare le suddette molecole da sottoprodotti e scarti dell’industria olivicolo-olearia per formulare alimenti funzionali e fitorimedi nasce dalla lunga serie di evidenze scientifiche inerenti gli studi in ambito biologico. Test in vitroedin vivo, infatti,hanno evidenziato le numerose potenzialità dei composti bioattivi estratti da foglie di olivo, sansa e acqua di vegetazione, tra cui proprietà antiossidanti e anti-fungine, così come la capacità di contrastare la proliferazione cellulare in alcune cellule tumorali, la nefrotossicità e la genotossicità.

Sulla base di queste evidenze, appare chiaro che scarti e sottoprodotti dell’industria olearia mostrano realmente le potenzialità per lenire un problema grave legato al loro smaltimento, nonché creare nuove opportunità di utilizzo per essere considerate realmente una risorsa.

 

 

La foto di apertura è di Olio Officina

OO M - 04-12-2018 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA

"Pane e olio" sbarca nella Food Valley

La merenda della tradizione al centro di uno “street event” a Collecchio, luogo simbolo del distretto agroalimentare di Parma. A organizzarlo il Gruppo Panificatori Artigiani di Parma con Assitol e Aibi, l’Associazione italiana Bakery Ingredients. Erano presenti Paolo Bianchi, sindaco di Collecchio, ed Elena Levati, assessore alle Attività produttive

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti