Mercoledì 26 Febbraio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > economia

Una strategia di mercato per l’olio Dop Riviera Ligure

Prosegue con successo l’aggiornamento del Patto di Filiera dell’olio ligure a marchio Dop. Con il nuovo accordo si aggiornano i prezzi per le olive e per l'olio sfuso. Il Consorzio di tutela riconferma in tal modo la strategia di valorizzazione e difesa dell'attività di produttori e frantoiani. L’accordo prevede l’innalzamento del prezzo per le olive provenienti da oliveti iscritti al sistema di controllo, ovvero 1,60 euro ogni kg di olive con resa del 20%

OO M

Una strategia di mercato per l’olio Dop Riviera Ligure

Per la prossima campagna olivicola l’accordo prevede l’innalzamento a € 20,00 alla quarta il prezzo per le olive provenienti da oliveti iscritti al sistema di controllo dell’olio Dop Riviera Ligure (ossia € 1.60 ogni kg di olive con resa del 20%). E il contestuale aumento del prezzo dell’olio sfuso a € 10,30 a litro per quello in attesa di certificazione e a € 10,50 a litro per l’olio certificato Dop Riviera Ligure.
 
" Sono prezzi che coprono a mala pena i costi di produzione sostenuti per coltivare le olive oggi in Liguria e i costi dei frantoiani - spiega Carlo Siffredi, presidente del Consorzio di tutela dell’olio extravergine di oliva Dop Riviera Ligure -. Il nostro Consiglio di Amministrazione ha recepito le analisi dei rappresentanti del mondo agricolo che hanno evidenziato il contenuto delle ricerche condotte sul campo sui costi di gestione di un oliveto e di produzione dell’olio ligure: il sostegno alla filiera olivicola ligure passa innanzitutto da una remunerazione equa del lavoro e degli investimenti delle aziende”.
 
Il patto di filiera da quest’annata si gioverà di una semplificazione delle procedure. Le aziende, infatti, non dovranno più presentare tutte le fatture di acquisto con i relativi pagamenti bancari. Unico obbligo in merito depositare quelle che non rientrano nel Patto di filiera. Sarà così compito del Consorzio verificare il rispetto del Patto chiedendo a campione i documenti riguardanti le partite di olive presenti nel registro di molitura.  
 
“Il patto di filiera è sempre di più un valore aggiunto non solo della denominazione di origine ma dell’intero comparto olivicolo – conclude Carlo Siffredi - È necessario essere sempre più chiari nel comunicare al consumatore non soltanto la qualità ed il legame con il territorio ligure del prodotto, ma pure la sostenibilità sociale ed economica dell’olio Dop Riviera Ligure. Si tratta di un percorso che si evolve ormai di tredici anni. In questo contesto risiede la differenza rispetto agli altri oli in commercio. L’olio extra vergine di oliva Dop Riviera Ligure, con le sue diverse varietà di olivo come ad esempio Taggiasca, Arnasca, Lavagnina, Pignola, Razzola, è infatti l’autentico ed importante presidio del nostro territorio. Ed è sempre riconoscibile in etichetta dal marchio comunitario giallorosso che accompagna il nome Riviera Ligure e dal collarino giallo di garanzia del Consorzio di Tutela sul collo di ogni bottiglia”.

 

 

Si ringrazia per la notizia Consorzio Tutela Olio Dop Riviera Ligure

La foto di apertura è di Olio Officina

OO M - 16-09-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
Il progetto Casa Coricelli

Il progetto Casa Coricelli

Novità di gamma. L'azienda spoletina punta su affidabilità, qualità certificata e trasparenza verso il consumatore. 100% italiano, biologico e fruttato, è stata presentata la nuova linea di prodotti certificati che racconta il viaggio dell’olio Coricelli dal campo in cui vengono raccolte le olive fino allo scaffale. È un progetto che  sintetizza l’esperienza, la capacità di selector, la passione per l’olio extra vergine di oliva che la famiglia di oleari si si tramanda da ottant'anni e da tre generazioni

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Giusto un filo

In anteprima per i nostri lettori,  uno dei lavori in collaborazione con lo IED, il videoclip a firma di Chiara Loiacono per Olio Officina Festival 2020

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull'olio

Tutto sull'olio

Il titolo è alquanto eloquente, nondimeno il sottotitolo: "Guida essenziale alla conoscenza
e all’utilizzo degli extra vergini a tavola e in cucina". Ne è autore l'oleologo Francesco Caricato, direttore del centro culturale Casa dell'Olivo