Giovedì 18 Luglio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > focus

Atélier d’industria agricola

Lo sviluppo agricolo – secondo il compianto sociologo Achille Ardigò – non è un aspetto residuale del mero espandersi della città e della fabbrica. Se avessimo accolto il suo pensiero in passato, il boom economico e la modernizzazione dell’Italia sarebbero potuti avvenire in modo più equilibrato, senza i danni sociali e ambientali che si sono invece verificati

Alfonso Pascale

Atélier d’industria agricola

In questi giorni ho riletto alcuni scritti di Achille Ardigò, scomparso nel 2008. Egli è stato uno dei pochi sociologi che hanno studiato a fondo le trasformazioni della società italiana avvenute tra gli anni Cinquanta e Sessanta del secolo scorso. Particolare attenzione egli ha posto nei suoi studi alla difficile e sofferta transizione della cultura rurale nella modernità, largamente egemonizzata sia dalla cultura urbana che industriale.

Era nato in Friuli nel 1921 ma si era trasferito giovanissimo a Bologna dove aveva militato nel movimento dei cattolici democratici, partecipando attivamente alla Resistenza e collaborando a Cronache sociali, la rivista fondata da Giuseppe Dossetti.
Nei primi anni Sessanta venne attratto dallo spirito innovatore del Concilio Vaticano II che seguì da vicino assistendo, con Dossetti e Alberigo, il cardinal Lercaro nei lavori conciliari.
Alla metà degli anni Sessanta, fu tra i fondatori della Facoltà di scienze politiche dell’Università di Bologna (con Alberigo, Andreatta, Freddi e Matteucci), della quale fu preside tra il 1970 e il 1972. Presso la stessa Facoltà fu professore ordinario di sociologia. Tra il 1983 e il 1985 è stato presidente dell’Associazione italiana di sociologia.

Lo studioso scrisse alcuni saggi importanti come Intellettuali e contadini del Sud (1954), Meridione e Ricerca Sociale (1961), Fattori culturali e mobilità sociale nella formazione spontanea della proprietà contadina (1961), Innovazione e Comunità (1964), Emancipazione femminile e urbanesimo (1964).

Nel 1965 Ardigò contribuì con il saggio Gli aspetti sociali e culturali del mondo contadino al volume La trasformazione del mondo contadino a cura di Daniele Prinzi e Francesco Schino. Un’iniziativa editoriale della Collana del Veltro, promossa dalla Società Dante Alighieri, a cui parteciparono Bandini, Leone, Galizzi, Dell’Angelo, Ferro, Panattoni e Ciarrocca.
Ho trovato questa pubblicazione fuori catalogo in una libreria di Torpignattara, il quartiere di Roma dove abito. Un testo eccezionale, a carattere interdisciplinare, in cui si affronta il tema dal punto di vista economico, sociologico, agronomico e delle politiche pubbliche, non solo agricole, ma anche educative, sociali e culturali, in una dimensione nazionale, europea e mondiale.

Il saggio di Ardigò coglie l’essenza dell’atteggiamento prevalente della cultura italiana nei confronti del mondo contadino, la cui scomparsa, come forza sociale portatrice di una cultura non riducibile alla cultura urbana e industriale, viene percepita come un processo necessario e ineludibile della modernizzazione, senza alcuna possibilità di mediazione e adattamento. La stessa modernizzazione dell’agricoltura, laddove viene colta e considerata come elemento capace di contribuire allo sviluppo del Paese, deve necessariamente abbandonare – secondo l’opinione dominante – ogni rapporto con la tradizione e, soprattutto, con il bagaglio di valori comunitari e relazionali di cui la cultura contadina è portatrice.

In questo scritto, il sociologo afferma con coraggio e determinazione: “Noi non ci sentiamo di condividere tale prevalente ideologia”.
E continua: “Anche se in certe aree più economicamente avanzate si interromperà in sostanza la continuità degli insediamenti e delle tradizioni contadine, una ripresa agricola anche modernissima non potrà non comportare il confronto e il condizionamento di operatori agricoli con la natura vivente, entro ambienti non mai pienamente riducibili a condizionamenti artificiali”.
Anzi, per Ardigò, l’incontro fecondo tra la cultura urbana e industriale con quella rurale e, soprattutto, l’integrazione tra la conoscenza scientifica e tecnologica coi saperi esperienziali dovrebbero avvenire in forme innovative da progettare e realizzare collegandosi idealmente ad analoghe transizioni già avvenute nella storia. “Potranno essere – egli scrive - nuovi gruppi intellettuali a riaprire il rapporto tra la cultura e la natura vivente e nutrice, a ripetere – in ben mutati contesti storici e tecnologici – le imprese dei bonificatori benedettini e dei fondatori di Kibbutz”.
E precisa: “Sia attraverso la continuità delle moderne aziende familiari, sia attraverso atélier d’industria agricola, la peculiarità del rapporto dell’uomo con la natura feconda di messi e di armenti non potrà in agricoltura essere annullata”.

Nell’analisi dello studioso, non c’è la benché minima traccia di un qualche atteggiamento nostalgico o desiderio di tornare al passato, ma la consapevolezza che ogni progresso, ogni scossone in avanti debba accompagnarsi con un riassestamento, un riequilibrio da gestire con responsabilità e giudizio. Una consapevolezza che si esprime senza mezzi termini con queste parole: “Dalla stessa crescente e senza apparente rimedio, congestione dei centri urbani; dalla crescente disfunzionalità delle megalopoli, dal senso di oppressione e dal disagio delle famiglie urbane, emerge il bisogno dei cittadini di un migliore rapporto con la campagna, con ambienti e valori che sono ad un tempo vilipesi ed esaltati. In sintesi, lo stesso sviluppo urbano-industriale è, in ogni direzione, squilibrato ed equivoco se non si accompagna ad uno sviluppo rurale e agricolo che ha aspetti ed esigenze peculiari e che non si svolge come categoria residuale del mero espandersi della città e della fabbrica”.

A leggere queste pagine si resta sconvolti e amareggiati perchè, in modo inequivocabile, esse provano che il boom economico e la modernizzazione del nostro paese sarebbero potuti avvenire in modo più equilibrato, senza i danni sociali e ambientali che invece si sono verificati.
Sociologi come Ardigò, Ferrarotti, Barberis, Ceriani Sebregondi, Marselli; educatori come don Milani, Dolci, Angela Zucconi; economisti come Rossi-Doria, Medici, Orlando, Barbero avevano intuito per tempo che il cambiamento andava accompagnato con un’opera coraggiosa e di lunga lena volta a curare il capitale sociale, a creare individui e varietà, a ravvisare problemi e a trovare a ciascuno la sua diversa soluzione, a unire le persone ma lasciandole anche vivere ciascuna a suo modo. Essi erano convinti che solo l’intelligenza, la cultura, la libertà, la critica, oltre alla fraternità e al rispetto del legame civile, avrebbero potuto garantire uno sviluppo davvero umano.
Ma questi grandi animatori sociali e culturali vennero tacciati come reazionari, derisi e privati di ogni sostegno e prevalse l’idea di uno sviluppo economico inteso come distruzione cieca, quasi euforica, di tutti i valori del passato.

 

 

La foto di apertura è tratta dall'archivio storico del quotidiano L'Unità

Alfonso Pascale - 08-07-2014 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
L'olio dei monaci camaldolesi ha per nome Eremo

L'olio dei monaci camaldolesi ha per nome Eremo

Un impegno secolare, quello dei Benedettini Camaldolesi. Quelli di cui scriviamo hanno sede a Bardolino, in Veneto. Noi dobbiamo moltissimo all'operato dei religiosi, i quali hanno effettivamente salvato l'olivo in epoche in cui si registrò un radicale allontamento dalla coltivazione > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

EXTRA MOENIA
I Fratelli Carli puntano sulla varietà simbolo della Liguria

I Fratelli Carli puntano sulla varietà simbolo della Liguria

Novità di prodotto. La storica azienda olearia di Imperia, che dal 1911 produce e distribuisce per corrispondenza i propri prodotti in Italia e in diversi Paesi nel mondo, presenta un nuovo olio: il Monocultivar Taggiasca. Si amplia così l’offerta, introducendo il sesto extra vergine della gamma.

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olio spiegato alle mie figlie

L’olio spiegato alle mie figlie

Un libro dell'oleologo Lorenzo Cerretani per le edizioni Olio Officina, da avere assolutamente con sé. Pensato per i giovanissimi, è adatto anche agli adulti. Un linguaggio semplice, proprio per questo utilissimo per apprendere tutto, ma proprio tutto, sull'olio da olive, il pregiato succo