Giovedì 28 Maggio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > focus

Un corretto studio di shelf life

Le problematiche inerenti la valutazione della shelf life primaria e secondaria di alimenti lipidici nello studio presentato a Bari in occasione del Congresso Sissg.  Nello specifico sono state analizzate le principali cause di incertezza ed errore che possono derivare dall’adozione delle convenzionali metodologie di stima e previsione della shelf life

OO M

Un corretto studio di shelf life

A Bari la Società italiana per lo studio delle sostanze grasse ha creato le condizioni per diffondere tutte le novità in materia di oli e grassi. Ai lettori di Olio Officina Magazine presentiamo gli abstract, in modo da poter acquisire ogni utile informazione e magari richiedere direttamente al Sissg quanto necessario per approfondire di volta in volta i vari temi trattati.

È tuttavia importante evidenziare come la ricerca abbia bisogno di essere sostenuta concretamente, per questo consigliamo alle aziende di trovare il modo per finanziare le attività del Sissg, perché tutti si è parti in causa e soggetti attivi. Non possiamo aspettarci sempre che sia lo Stato a finanziare, anche noi dobbiamo fare la nostra parte, anche con una semplice quota, scrivendo a sissg@sissg.it

INCERTEZZE ED INSIDIE E FUTURE PROSPETTIVE NELLA PIANFICAZIONE DEGLI STUDI DI SHELF LIFE DI ALIMENTI SOGGETTI AD OSSIDAZIONE 

Maria Cristina Nicoli  e Lanfranco Conte

Università degli Studi di di Udine

Dipartimento di Scienze Agroalimentari, Ambientali e Animali, Università di Udine

Parole Chiave: shelf life primaria e secondaria, ossidazione, limiti di accettabilità, modelli cinetici, test accelerati

La shelf life primaria è definita come quell’intervallo di tempo dopo la produzione durante il quale l’alimento confezionato mantiene un livello di qualità accettabile in specificate condizioni di conservazione. E’ tuttavia esperienza comune constatare che molti alimenti possono avere anche una seconda vita da scaffale, più o meno lunga, dopo l’apertura della confezione. L’intervallo di tempo in cui l’alimento, dopo l’apertura della confezione, mantiene i necessari requisiti di sicurezza ed un livello accettabile di qualità è definita shelf life secondaria. Se la valutazione del shelf life primaria è obbligo di legge, traducendosi nell’ indicazione della data di preferibile consumo, la stima della shelf life secondaria è facoltativa. Tale stima, tuttavia, può risultare di estrema importanza se riferita ad ingredienti e semilavorati il cui livello qualitativo al momento dell’utilizzo condiziona la qualità, l’accettabilità e, conseguentemente, la shelf life primaria del prodotto finito.  

La complessità della problematica giustifica le oggettive difficoltà nel pianificare un corretto studio di shelf life; questo è particolarmente vero nel caso di alimenti soggetti a reazioni di ossidazione. Sono pertanto ancora oggi frequenti i casi di sovrastime o sottostime della shelf life con inevitabili conseguenze di immagine e legali per le aziende e oltre che di inutili ed evitabili sprechi alimentari. 

L’intervento ha lo scopo di discutere criticamente le problematiche inerenti la valutazione della shelf life primaria e secondaria di alimenti lipidici.  Nello specifico verranno analizzate le principali cause di incertezza ed errore che possono derivare dall’adozione delle convenzionali metodologie di stima e previsione della shelf life. 

 

 

La foto di apertura è di Lorenzo Cerretani

OO M - 20-11-2018 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il Casa Coricelli 100% italiano

Il Casa Coricelli 100% italiano

Il punto di forza e di novità è nella tracciabilità certificata, ben evidenziata in etichetta. Il numero di lotto rimanda a una materia prima pugliese, e in particolare proveniente dalle province di Taranto e Brindisi. Sapidità, armonia, morbidezza, una nota dolce persistente al primo impatto, il gusto che ricorda il carciofo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Marisa Iocco, chef e patron di Spiga Ristorante a Boston, ci propone un dolce tipicamente americano, molto popolare e ormai ritenuto così familiare da non poterlo togliere dal menu, per quanto è richiesto. Lo stesso dolce è stato proposto in occasione del progetto di comunicazione e formazione che si è tenuto a fine 2019 a Boston, Providence e New York, organizzato dai consorzi di qualità degli oli extra vergini di oliva Ceq Italia e, per la Spagna, da QvExtra! con il supporto dell’Unione europea

EXTRA MOENIA
Tre generazioni della famiglia Manca manifestano l'orgoglio di essere produttori d'olio d'alta qualità

Tre generazioni della famiglia Manca manifestano l'orgoglio di essere produttori d'olio d'alta qualità

L’olio San Giuliano, il noto marchio sardo di Alghero, si aggiudica quattro ori all’International Olive Oil Competition di New York. Nel corso di quest'anno ha inoltre ricevuto molti altri prestigiosi riconoscimenti, a Los Angeles e a Zurigo, come pure in Italia. Il tutto a partire dai 167.495 ulivi di proprietà

GIRO WEB
Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Si chiama “Lavora con agricoltori italiani” ed è una iniziativa di Cia-Agricoltori Italiani. Si tratta, per l'esattezza, di un portale di intermediazione per mettere in contatto lavoratori e aziende agricole. Ora però si attendono misure concrete da parte delle Istituzioni, la mancanza di manodopera desta non poche preoccupazioni

OO VIDEO

L’olio musicale

È un olio che racconta la passione della famiglia Mela per la musica ed è dedicato ai 70 anni del Festival di Sanremo. A raccontarlo, a Olio Officina festival 2020, Serena Mela, dell’azienda imperiese Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Non tutti gli italiani conoscono l'olio extra vergine di oliva. Lo consumano, certo, ma ne ignorano la natura e il valore. Lo si vede da come acquistano l’olio al supermercato, scegliendo sempre quello in offerta al prezzo più stracciato. Ecco allora un utile strumento per acquisire le giuste conoscenze e imparare a impiegare al meglio tutti gli extra vergini > Silvia Ruggieri