Lunedì 16 Dicembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > formazione

Cos’è davvero il blending

Lo abbiamo chiesto a un altro tra i protagonisti della scena, Zefferino Monini. Il blending - secondo il presidente della Monini Spa - è una opportunità per il produttore di offrire al consumatore un olio il cui profilo sensoriale sia simile per ogni bottiglia acquistata nel corso dell’anno. Nel numero monografico di OOF International Magazine dedicato interamente all'arte e alla scienza del blend, abbiamo riservato un ampio spazio al tema, per cercare di capire cosa significhi realizzare un blend (2. continua)

OO M

Cos’è davvero il blending

In queste  settimane che hanno preceduto la pubblicazione del quinto numero di OOF International Magazine, abbiamo contattato coloro che vivono l'esperienza del blending in prima persona.

A ciascuno di loro abbiamo chiesto delle domande specifiche, cucite su misura, ad altri due domande uguali per tutti, per capire cosa rispondono gli addetti ai lavori sul tema. 

Le due domande che abbiamo rivolto in questo caso a Zefferino Monini, hanno avuto le seguenti risposte.

DOVENDO SPIEGARE AI NON ADDETTI AI LAVORI COS’E’ IL BLENDING, COME LO DEFINIREBBE?

Visti gli innumerevoli fattori varietali, ambientali e tecnologici che influiscono sulle caratteristiche organolettiche di un olio extra vergine di oliva, possiamo senz’altro affermare che attraverso il blending si può ottenere un prodotto il cui profilo sensoriale incontri al meglio le aspettative del consumatore, in ogni occasione di utilizzo e per tutto il corso dell’anno.

UNA DOMANDA SECCA: PERCHE’ IL BLENDING E’ NECESSARIO? LO E’ PER DAVVERO? 

Anche nel caso più semplice di oli di un unico produttore, ottenuti da olive della medesima varietà e molite nello stesso frantoio, otteniamo oli il cui profilo sensoriale può essere alquanto diverso. Dire che il blending sia una necessità potrebbe trasmettere un significato negativo, quasi che si voglia a tutti i costi uniformare, appiattire, standardizzare il profilo sensoriale degli oli extravergini. Il blending è una opportunità per il produttore di offrire al consumatore un olio il cui profilo sensoriale sia simile per ogni bottiglia acquistata nel corso dell’anno. Tutti gli oli, nel corso dell’anno tendono a modificarsi, ed alcuni sono più deboli e meno resistenti all’invecchiamento di altri; incontrare le aspettative del consumatore significa anche rimodulare nel corso dell’anno l’utilizzo dei diversi componenti, facendo prevalere ad inizio campagna gli oli più equilibrati e aumentando la percentuale di quelli più vivaci a fine campagna. Proprio rifacendosi al punto precedente, è necessario fare Blending per poter immaginare che, in un percorso complesso come la fase distributiva del prodotto confezionato, lo stesso prodotto riesca ad arrivare, dopo un lungo percorso e dopo un lungo periodo di stazionamento sullo scaffale, al consumatore finale con la miglior omogeneità di gusto inteso come fragranza, amarezza e leggera pungenza dal primo giorno all’ultimo giorno della campagna olearia.

  

CHI È ZEFFERINO MONINI

Nato a Spoleto l’1 febbraio 1962, è sposato con Sara e ha tre figli: Giuseppe, Maria Sole e Maria Eugenia. Ancora bambino, fa le prime esperienze “di lavoro” andando in visita ai frantoi, la domenica, in compagnia del padre. Più grande lavora in azienda durante le vacanze scolastiche, svolgendo le mansioni più diverse dal centralinista, all’operaio addetto all’imbottigliamento, dall’impiegato negli uffici carichi a quello nell’area commerciale. Il suo ingresso ufficiale nell’Azienda avviene nel 1980, immediatamente dopo la maturità. Dal nonno prima, e dal padre poi, Zefferino Monini apprende esperienze, valori e modelli di comportamento che, nel tempo, non ha mai abbandonato: primi fra tutti, l’amore e il rispetto per il prodotto, la ricerca costante della qualità, lo studio e l’analisi dei più severi criteri di scelta degli oli extravergine. Così si spiega il grande impegno profuso nello sviluppo del Laboratorio di Analisi e di Controllo di Qualità e l’estrema attenzione nella scelta di collaboratori che condividano i suoi stessi valori in termini di marketing e di sviluppo commerciale di un prodotto del tutto particolare come l’olio extra vergine, vero patrimonio di famiglia. Alla passione e alla vocazione per questo antico prodotto della terra, ereditate dal ceppo familiare, Zefferino Monini unisce il proprio dinamismo imprenditoriale e manageriale con cui ha impresso all’azienda da lui diretta un forte impulso in termini di sviluppo sul mercato nazionale e su quelli  esteri.

 

 

 

 

OO M - 31-07-2018 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Enrico Bucci
L'INCURSIONE

ENRICO BUCCI

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
Le Dop e le Igp sono marcatori culturali

Le Dop e le Igp sono marcatori culturali

La Treccani apre ai prodotti con attestazione di origine. Pubblicata dall’Istituto della Enciclopedia Italiana l’edizione 2020 dell’Atlante Qualivita

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora