Giovedì 28 Maggio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > formazione

Diventare capi panel

Ecco un corso, accreditato dal Mipaaf, per quanti aspirano a un ruolo molto ambìto. Si svolge dal 19 al 23 giugno, nella sede di Albenga in Regione Rollo 98, il corso di formazione per “capo panel per l’olio” organizzato da Labcam, Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria

OO M

Diventare capi panel

Stabilire le caratteristiche organolettiche di un olio e darne una valutazione su basi tecnico- scientifiche precise. Sono i compiti del capo-panel, una figura professionale definita, accreditata dal Ministero delle Politiche agricole.

«L'esame organolettico di un alimento in generale e in particolare di un olio – spiega Luca Medini, direttore di Labcam srl, Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria - è svolto da un ‘panel’, composto da 8 assaggiatori, che stabiliscono le caratteristiche organolettiche dell'olio, esprimendo un voto. Il capo panel coordina e allena gli assaggiatori».

Per formare nuovi capo panel per l’olio, Labcam srl organizza un corso di formazione dal 18 al 23 giugno, dalle 9 alle 18 nella propria sede di Albenga, in Regione Rollo 98. Il corso è rivolto a tutti coloro sono interessati alle analisi sensoriali e agli operatori del settore oleico, iscritti nell’elenco nazionale degli assaggiatori professionali, con attività di assaggio riconosciuto dal Mipaaf da almeno tre anni.

«L’assaggiatore – sostiene Medini – è un esperto, formato professionalmente in base alla classificazione merceologica dell’olio secondo una rigida metodologia sensoriale stabilita dal Consiglio Oleicolo Internazionale (Coi), la normativa italiana, comunitaria e in attuazione dei regolamenti CEE in materia». Dunque un esperto a 360 gradi, che integra l’analisi sensoriale con una profonda conoscenza di tutta la filiera produttiva e commerciale per un acquisto consapevole dalla terra alla tavola.

«Nel nostro laboratorio di Albenga – commenta Medini - abbiamo consolidato una lunga tradizione nell’analisi sensoriale dei prodotti, in particolare dell’olio extra vergine di oliva, produzione tipica del Ponente ligure e siamo un punto di riferimento non solo per il territorio regionale, ma anche nazionale».

Il Laboratorio chimico merceologico ha due le sale attrezzate per effettuare analisi sensoriali, realizzate secondo i criteri fissati dal Reg. CEE 2568/91. Una sala ospita dieci cabine singole per l’effettuazione di panel di assaggio, l’altra è dotata di un grande tavolo con dieci posti attrezzati per l’effettuazione di panel di assaggio aperti.

«L’analisi sensoriale – sostiene inoltre Medini – è un metodo di misura oggettivo per la valutazione merceologica degli alimenti caratterizzati attraverso la vista, l’udito, il tatto, il gusto e l’olfatto. L’industria alimentare utilizza ormai l’analisi sensoriale sia come verifica del rispetto dei disciplinari imposti per legge ad esempio nell’attribuzione delle denominazioni di origine o volontari che come vero e proprio strumento di marketing».

Per maggiori informazioni e per iscriversi, scrivere a info@labcam.it

 

IL PROGRAMMA DEL CORSO

 

Lunedi 19 giugno 2017

Ore 09.00/9.30 - Accoglienza dei partecipanti

Ore 09.30/10.00 - Saluto da parte degli enti organizzatori
( Luca Medini – Direttore LABCAM)

Ore 10.00/10.30 - Obiettivi del corso e ruolo dei Comitati di Assaggio per il controllo della qualità degli oli vergini di oliva: prospettive future (Video conferenza da Madrid Catarina/Mercedes)

Ore 10.30/12.00 Principi di psicofisiologia dei sensi
(Andrea GIOMO)

12.00/13.30 – Il ruolo del Panel leader nell’organizzazione di un laboratorio sensoriale: allestimento di una sala di assaggio, condizioni della prova e conservazione dei campioni. (Andrea GIOMO)

Ore 13,30/14.30 - Pausa pranzo

Ore 14.30/16.00 - COI/T20/Doc. n.15 Rev. 08, Reg.to 2568/91 (consolidato) All. XII
(Andrea GIOMO)

Ore 16.00/18.00 – COI/T20/Doc. n.14 Rev. 06
(Andrea GIOMO)

 

Martedì 20 giugno 2017

Ore 9.00/13.00 - Principi di analisi sensoriale dell’olio di oliva e implicazioni nell’efficacia ed efficienza del metodo. Analisi dei punti critici della procedura di valutazione sensoriale degli oli vergini di oliva e gestione dei giudici.
(Andrea GIOMO - Roberto DE ANDREIS )

Ore 13.00/14.00 - Pausa pranzo

Ore 14.00/15.00 - COI/T20/Doc.n.14 selezione degli assaggiatori col metodo della “Determinazione della soglia media di rilevazione del gruppo per attributi caratteristici”. Addestramento degli assaggiatori e controllo degli assaggiatori mediante un campione di riferimento. Prove pratiche
(Roberto De ANDREIS -. Isabella VACCA - Sonda LAORUSSI MEZGANI)

Ore 15,00/18,00 - COI/T20/Doc.n.14: Esercitazione sulla determinazione della soglia media del panel. Prove pratiche
(Roberto De ANDREIS - Isabella VACCA - Sonda LAORUSSI MEZGANI )

programma_corso_capo_panel.pdf

Mercoledì 21 giugno 2017

Ore 9.00/10,30 – La valutazione statistica dei dati: il sistema COI per l’elaborazione dei dati delle valutazioni sensoriali
(Andrea GIOMO)

Ore 10,00/12,00 – Accreditamento ISO 17025:2005. COI/T28 Rev.02. Gestione controllata delle prove sensoriali, registrazioni e gestione delle NC e delle AC. (Andrea GIOMO)

Ore 12.00/13.00- La valutazione degli oli vergini di oliva nel Controllo Qualità (CQ) delle produzioni olearie (COI/T.20/Doc. 22, ISO 13299:10)
(Andrea GIOMO)

Ore 13.00;14.00 - Pausa pranzo

Ore 14,00/18,00 – Valutazione e classificazione degli oli vergini di oliva. Prove pratiche
(Roberto De ANDREIS - Isabella VACCA - Sonda LAORUSSI MEZGANI)

 

Giovedi 22 giugno 2017

Ore 9.00/10,30- Composizione e controllo analitico degli oli vergini di oliva. Relazioni tra il profilo sensoriale, il profilo chimico chimico-fisico e la componente volatile (HS-SPME-GC-MS). (Lanfranco CONTE)

Ore 10,30/11,30 - COI/T.20/Doc. 22: Metodo per la valutazione organolettica dell'olio di oliva extra vergine a denominazione di origine. (Roberto De ANDREIS - Isabella VACCA - Sonda LAORUSSI MEZGANI)

Ore 11.30/13.00 - COI/T.20/Doc. 22 Determinazione Profilo Sensoriale olio a Denominazione di Origine Prove pratiche
(Roberto De ANDREIS - Isabella VACCA - Sonda LAORUSSI MEZGANI)

Ore 13.00/14.30 - Pausa pranzo

Ore 14.30/18.00 Prove pratiche di valutazione e classificazione degli oli vergini di oliva. Valutazione di oli vergini di oliva borderline (vergine/extra vergine)
Valutazione di oli di differente origine geografica
(Roberto De ANDREIS - Isabella VACCA - Sonda LAORUSSI MEZGANI)

 

Venerdì 23 giugno 2017

Ore 9,00/12,30 - Il riconoscimento MiPAAF dei panel di assaggiatori ed il riconoscimento del COI. (Luciana DI GIACINTO -CREA – IT Sede di Pescara)

Ore 12.30/14.00 – Prova di Valutazione Apprendimento Finale e consegna Attestati di Diploma.

 

 

L'immagine di apertura è una illustrazione di Valerio Marini

OO M - 28-05-2017 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il Casa Coricelli 100% italiano

Il Casa Coricelli 100% italiano

Il punto di forza e di novità è nella tracciabilità certificata, ben evidenziata in etichetta. Il numero di lotto rimanda a una materia prima pugliese, e in particolare proveniente dalle province di Taranto e Brindisi. Sapidità, armonia, morbidezza, una nota dolce persistente al primo impatto, il gusto che ricorda il carciofo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Marisa Iocco, chef e patron di Spiga Ristorante a Boston, ci propone un dolce tipicamente americano, molto popolare e ormai ritenuto così familiare da non poterlo togliere dal menu, per quanto è richiesto. Lo stesso dolce è stato proposto in occasione del progetto di comunicazione e formazione che si è tenuto a fine 2019 a Boston, Providence e New York, organizzato dai consorzi di qualità degli oli extra vergini di oliva Ceq Italia e, per la Spagna, da QvExtra! con il supporto dell’Unione europea

EXTRA MOENIA
Tre generazioni della famiglia Manca manifestano l'orgoglio di essere produttori d'olio d'alta qualità

Tre generazioni della famiglia Manca manifestano l'orgoglio di essere produttori d'olio d'alta qualità

L’olio San Giuliano, il noto marchio sardo di Alghero, si aggiudica quattro ori all’International Olive Oil Competition di New York. Nel corso di quest'anno ha inoltre ricevuto molti altri prestigiosi riconoscimenti, a Los Angeles e a Zurigo, come pure in Italia. Il tutto a partire dai 167.495 ulivi di proprietà

GIRO WEB
Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Si chiama “Lavora con agricoltori italiani” ed è una iniziativa di Cia-Agricoltori Italiani. Si tratta, per l'esattezza, di un portale di intermediazione per mettere in contatto lavoratori e aziende agricole. Ora però si attendono misure concrete da parte delle Istituzioni, la mancanza di manodopera desta non poche preoccupazioni

OO VIDEO

L’olio musicale

È un olio che racconta la passione della famiglia Mela per la musica ed è dedicato ai 70 anni del Festival di Sanremo. A raccontarlo, a Olio Officina festival 2020, Serena Mela, dell’azienda imperiese Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Non tutti gli italiani conoscono l'olio extra vergine di oliva. Lo consumano, certo, ma ne ignorano la natura e il valore. Lo si vede da come acquistano l’olio al supermercato, scegliendo sempre quello in offerta al prezzo più stracciato. Ecco allora un utile strumento per acquisire le giuste conoscenze e imparare a impiegare al meglio tutti gli extra vergini > Silvia Ruggieri