Mercoledì 11 Dicembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - [email protected]

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > formazione

Il Dop Riviera Ligure a scuola

Cultura e approccio professionale nella didattica dei giovani studenti, una iniziativa lanciata e promossa dal Consorzio di tutela dell'olio a denominazione di origine omonimo. Si stanno rivelando un successo i laboratori organizzati nell'ambio degli istituti alberghieri

OO M

Il Dop Riviera Ligure a scuola

Quando ci si impegna con grande applicazione, i risultati arrivano. A dimostrarlo una nota stampa diffusa dal Consorzio di Tutela dell’olio extravergine Dop Riviera Ligure, che riportiamo di seguito. Non è una iniziativa tra le tante, ma è la iniziativa più riuscita che si possa immaginare tra le tante possibili e immaginabili. Anche perché - occorre riconoscerlo - la formazione è importante e fondamentale, soprattutto in certe scuole, quelle alberghiere, paradossalmente trascurate anche dalle stesse imprese, quando invece andrebbero sostenute e aiutate concretamente.

Entra nel vivo il progetto di tutela e valorizzazione dell’eccellenza olearia a Denominazione di origine protetta “Riviera Ligure” promosso dal Consorzio di Tutela dell’olio extra vergine Dop negli Istituti Alberghieri di Liguria e Piemonte. Ottanta laboratori formativi, per i giovani studenti, che introducono alla cultura, alla conoscenza e all'assaggio dell’olio extravergine di oliva Dop Riviera Ligure nelle sue tre declinazioni territoriali: Riviera dei Fiori, Riviera del Ponente Savonese e Riviera di Levante. Per trasmettere alle nuove generazioni l’eredità di conoscenze e di sapori simbolo di un’intera regione, le lezioni saranno condotte attraverso video e slideshow accompagnati da un insegnamento pratico sulla tecnica di assaggio, sull’avvicinamento al riconoscimento delle caratteristiche organolettiche di un olio di oliva, sull’individuazione di potenziali difetti. Un approccio pratico, efficace per gli studenti, e soprattutto in relazione alla missione del Consorzio di valorizzare un prodotto certificato e garantito.

"Una filiera, quella dell’olio certificato Dop Riviera Ligure, che intende rinnovare la consapevolezza tra chi un domani sarà protagonista del comparto della ristorazione o della futura preparazione alimentare on demand e di mille altre possibili applicazioni nel settore. E lo sarà sia nella regione di origine dell’olio Dop Riviera Ligure così come in Piemonte, regione da sempre vocata alla richiesta di olio extravergine d’oliva della Liguria. Il futuro dei giovani occupati nel comparto Ho.Re.Ca. potrebbe comprendere anche esperienze all’estero, a cui questi corsi di formazione potrebbero donare autentici nuovi ambasciatori dell’eccellenza ligure" afferma il Presidente Carlo Siffredi.

Ad oggi le attività hanno riguardati 20 laboratori che entro maggio diventeranno 80, in 18 istituti alberghieri delle due regioni. Ad aprire il programma in Liguria, l’Istituto Alberghiero Casini di La Spezia, il Ruffini-Aicardi di Arma di Taggia, mentre in Piemonte il Giolitti di Torino, il Prever di Pinerolo, il Beccari di Torino e il Maggia di Stresa. Entusiaste le prime reazioni tra cui quella del prof. Gagliardi di Torino: “un laboratorio davvero interessante: difficile vedere i ragazzi coinvolti ed entusiasti e relatori così professionali”.
Le lezioni sono tenute da esperti assaggiatori che sono anche produttori di olio extra vergine di oliva affinché sia la voce di chi vive realmente la filiera a comunicare l'importanza per il territorio di questa produzione e quindi il valore di una scelta consapevole che ha ricadute positive per tutta la regione sui tre grandi pilastri: sociale, ambientale ed economico. Molto gradita anche la consegna ad ogni allievo del “Kit didattico”, all’interno del quale spicca il “Manuale dell'olio Dop Riviera Ligure”, una guida scritta da Luigi Caricato con il coordinamento scientifico ed editoriale della Fondazione Qualivita, impegnata anche nella realizzazione stessa dei materiali didattici per la lezione.

Un’azione culturale e formativa per offrire alle nuove generazioni nuove opportunità di crescita anche professionale che è stata realizzata da Consorzio di tutela nel quadro e con il supporto finanziario del PSR Liguria 2014/2020 “L’Europa investe nelle zone rurali”.

 

Le foto e il testo della nota stampa sono del Consorzio di tutela dell'olio Dop Riviera Ligure

OO M - 22-02-2018 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Enrico Bucci
L'INCURSIONE

ENRICO BUCCI

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
Acque agitate intorno all’Igp aceto balsamico di Modena

Acque agitate intorno all’Igp aceto balsamico di Modena

Riceviamo e volentieri pubblichiamo una nota stampa del Consorzio d tutela dell’Aceto Balsamico di Modena, intorno alle dichiarazioni diffuse da Armando De Nigris, presidente dell’omonimo Gruppo, e pubblicate da Olio Officina Magazine. Scrive, in particolare, la presidente Mariangela Grosoli, che “il Consorzio continuerà in tutti i modi possibili a perseguire la difesa del prodotto, della denominazione, di un mercato trasparente ed etico, insieme alla tutela del consumatore e di una concorrenza leale”

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora