Lunedì 25 Giugno 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > inoltre

A Monaco di Baviera l’edizione numero 27 del Simei, la fiera leader mondiale delle tecnologie per enologia e imbottigliamento

Una sinergia vincente tra il Simei e Drinktec, per la tecnologia made in Italy nella città tedesca. Secondo il presidente dell’Unione italiana vini Abbona sono state “aperte le porte dell’internazionalizzazione alle imprese nostrane”

OO M

A Monaco di Baviera l’edizione numero 27 del Simei, la fiera leader mondiale delle tecnologie per enologia e imbottigliamento

“Siamo molto orgogliosi che SIMEI abbia varcato per la prima volta i confini nazionali per approdare qui a Monaco e aprire, insieme a drinktec le porte dell’internazionalizzazione alle nostre imprese. Siamo qui per celebrare con il SIMEI@drinktec 2017 una partnership tra Unione Italiana Vini e Messe München, alla quale crediamo molto e che, siamo certi, avrà un grande futuro. Stiamo lavorando insieme a Fiera Monaco e al suo vice amministratore delegato, Mr. Pfeiffer, per rafforzare un’intesa nata nel 2015 che, a breve, conoscerà un nuovo decisivo sviluppo”. Con queste parole Ernesto Abbona, presidente di Unione Italiana Vini, è intervenuto alla cerimonia inaugurale della 27esima edizione di SIMEI, la più importante fiera internazionale delle tecnologie per enologia e imbottigliamento, che si è aperta ieri, 11 settembre 2017, a Monaco di Baviera, in concomitanza con drinktec, fiera leader mondiale del liquid food e beverage. SIMEI, sviluppata su 2 padiglioni per un’esposizione complessiva di 20mila metri quadrati, ospita oltre 200 tra i più importanti espositori di tecnologie per il comparto enologico a livello mondiale, di cui 157 italiani.

“Oggi condividiamo con convinzione, un percorso inedito - continua Abbona - riunendo due storie diverse, importanti per i nostri rispettivi comparti e i nostri rispettivi Paesi. Esperienze diverse e organizzazioni che hanno deciso di confluire in un progetto comune che ha tutte le carte in regola per porsi come leader indiscusso a livello mondiale nel settore del liquid food”.
“Ringrazio Unione Italiana Vini per aver creduto, come noi, in questo progetto - aggiunge il Vice AD di Fiera Monaco Reinhard Pfeiffer. Si tratta di una sinergia importante che vogliamo sviluppare e consolidare. In tal senso, in questi giorni, sono previsti importanti momenti di confronto”.

A dare un caloroso benvenuto agli espositori di SIMEI anche il Sottosegretario del Ministero dell'Economia tedesco Franz Josef Pschierer che ha ribadito come la collaborazione porti valore aggiunto a entrambe le Fiere. “Questo ponte tra la Baviera e l’Italia è fondamentale. Grazie a SIMEI, drinktec sarà impreziosita da un polo tecnologico fondamentale, dedicato al vino, mercato che nella nostra Franconia sta assumendo sempre più rilevanza. SIMEI potrà invece beneficiare di un pubblico ancora più ampio e trasversale”.
E la grande aspettativa da parte degli espositori per questa nuova edizione che, già nella prima giornata hanno potuto incontrare diverse delegazioni straniere – numerosissime quelle di Brasile e Cina – è proprio riposta nel nuovo pubblico che SIMEI@drinktec porterà.

“Parlando con gli espositori è chiaro che c’è grandissimo interesse per questi nuovi mercati, in parte inesplorati o ancora vergini e le numerose delegazioni presenti, oltre al pubblico trasversale che la Fiera attrae, sono l’obiettivo a cui le nostre imprese tendono, perché l’internazionalizzazione è la vera sfida - sottolinea il presidente Abbona che, durante la prima giornata, ha incontrato diverse aziende presenti, tra cui Gai e Bertolaso, vincitori dell’Innovation Challenge Lucio Mastroberardino 2017 le cui premiazioni si terranno nella giornata di oggi, 12 settembre.
“La tecnologia, la ricerca e l’innovazione che noi rappresentiamo – conclude Abbona - sono stati determinanti nel costruire un mercato globale del vino di qualità, in un grande sforzo culturale e produttivo che ha davanti ancora nuove sfide. Ed è all’insegna della sfida culturale dell’innovazione che si apre questo 27° SIMEI”.

OO M - 12-09-2017 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Il settore del tabacco? All’avanguardia nei programmi di responsabilità sociale

Il settore del tabacco? All’avanguardia nei programmi di responsabilità sociale

Un incontro a Città di Castello tra gli operatori di filiera per discutere di qualità del prodotto e sicurezza dei lavoratori. Si è anche parlato di un compenso economico congruo per i produttori, non inferiore a 0,12-0,15 euro al chilogrammo, a fronte di un impegno sulla qualità > Marcello Ortenzi

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La cultura dell’olio attraverso gli chef

Il mondo della ristorazione oggi è molto vivace, dinamico e attento. A sostenerlo, in una intervista rilasciata nell’ambito della prima edizione del Forum Olio & Ristorazione (a Milano, il 28 maggio 2018), è stata Maria Francesca Di Martino. Preziose le sue considerazioni, molto utili al fine di capire come procedere con un corretto impiego degli oli extra vergini di oliva in cucina. Ed ecco allora, dalla Puglia, gli oli a marchio “Schinosa”: gli extra vergini da olive Coratina, più complessi e non adatti a tutti gli utilizzi, e quelli ottenuti invece dalla cultivar Peranzana, molto più morbidi e facili da abbinare

BIBLIOTECA OLEARIA
OOF International Magazine numero 4

OOF International Magazine numero 4

Una monografia interamente dedicata agli abbinamenti olio/cibo. Ogni numero un tema specifico. È la rivista trimestrale cartacea di Olio Officina, in edizione bilingue italiano/inglese