Venerdì 22 Settembre 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > inoltre

A Monaco di Baviera l’edizione numero 27 del Simei, la fiera leader mondiale delle tecnologie per enologia e imbottigliamento

Una sinergia vincente tra il Simei e Drinktec, per la tecnologia made in Italy nella città tedesca. Secondo il presidente dell’Unione italiana vini Abbona sono state “aperte le porte dell’internazionalizzazione alle imprese nostrane”

OO M

A Monaco di Baviera l’edizione numero 27 del Simei, la fiera leader mondiale delle tecnologie per enologia e imbottigliamento

“Siamo molto orgogliosi che SIMEI abbia varcato per la prima volta i confini nazionali per approdare qui a Monaco e aprire, insieme a drinktec le porte dell’internazionalizzazione alle nostre imprese. Siamo qui per celebrare con il SIMEI@drinktec 2017 una partnership tra Unione Italiana Vini e Messe München, alla quale crediamo molto e che, siamo certi, avrà un grande futuro. Stiamo lavorando insieme a Fiera Monaco e al suo vice amministratore delegato, Mr. Pfeiffer, per rafforzare un’intesa nata nel 2015 che, a breve, conoscerà un nuovo decisivo sviluppo”. Con queste parole Ernesto Abbona, presidente di Unione Italiana Vini, è intervenuto alla cerimonia inaugurale della 27esima edizione di SIMEI, la più importante fiera internazionale delle tecnologie per enologia e imbottigliamento, che si è aperta ieri, 11 settembre 2017, a Monaco di Baviera, in concomitanza con drinktec, fiera leader mondiale del liquid food e beverage. SIMEI, sviluppata su 2 padiglioni per un’esposizione complessiva di 20mila metri quadrati, ospita oltre 200 tra i più importanti espositori di tecnologie per il comparto enologico a livello mondiale, di cui 157 italiani.

“Oggi condividiamo con convinzione, un percorso inedito - continua Abbona - riunendo due storie diverse, importanti per i nostri rispettivi comparti e i nostri rispettivi Paesi. Esperienze diverse e organizzazioni che hanno deciso di confluire in un progetto comune che ha tutte le carte in regola per porsi come leader indiscusso a livello mondiale nel settore del liquid food”.
“Ringrazio Unione Italiana Vini per aver creduto, come noi, in questo progetto - aggiunge il Vice AD di Fiera Monaco Reinhard Pfeiffer. Si tratta di una sinergia importante che vogliamo sviluppare e consolidare. In tal senso, in questi giorni, sono previsti importanti momenti di confronto”.

A dare un caloroso benvenuto agli espositori di SIMEI anche il Sottosegretario del Ministero dell'Economia tedesco Franz Josef Pschierer che ha ribadito come la collaborazione porti valore aggiunto a entrambe le Fiere. “Questo ponte tra la Baviera e l’Italia è fondamentale. Grazie a SIMEI, drinktec sarà impreziosita da un polo tecnologico fondamentale, dedicato al vino, mercato che nella nostra Franconia sta assumendo sempre più rilevanza. SIMEI potrà invece beneficiare di un pubblico ancora più ampio e trasversale”.
E la grande aspettativa da parte degli espositori per questa nuova edizione che, già nella prima giornata hanno potuto incontrare diverse delegazioni straniere – numerosissime quelle di Brasile e Cina – è proprio riposta nel nuovo pubblico che SIMEI@drinktec porterà.

“Parlando con gli espositori è chiaro che c’è grandissimo interesse per questi nuovi mercati, in parte inesplorati o ancora vergini e le numerose delegazioni presenti, oltre al pubblico trasversale che la Fiera attrae, sono l’obiettivo a cui le nostre imprese tendono, perché l’internazionalizzazione è la vera sfida - sottolinea il presidente Abbona che, durante la prima giornata, ha incontrato diverse aziende presenti, tra cui Gai e Bertolaso, vincitori dell’Innovation Challenge Lucio Mastroberardino 2017 le cui premiazioni si terranno nella giornata di oggi, 12 settembre.
“La tecnologia, la ricerca e l’innovazione che noi rappresentiamo – conclude Abbona - sono stati determinanti nel costruire un mercato globale del vino di qualità, in un grande sforzo culturale e produttivo che ha davanti ancora nuove sfide. Ed è all’insegna della sfida culturale dell’innovazione che si apre questo 27° SIMEI”.

OO M - 12-09-2017 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alberto Guidorzi
L'INCURSIONE

ALBERTO GUIDORZI

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Think green

Think green

Un mix di olive di diverse cultivar rendono l'olio dell'Oleificio Angelo Coppini di Terni, un cento per cento italiano, un extra vergine versatile e armonico, dal gusto rotondo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Panissa, cipolla egiziana ligure e la crema di melanzane

Panissa, cipolla egiziana ligure e la crema di melanzane

È il frutto della tradizione gastronomica ligure che nulla ha a che vedere con  la altrettanto celebre farinata, pur essendo una preparazione a base di farina di ceci. Per chi ama il fritto, è una gran delizia > Marco Damele

EXTRA MOENIA
La festa dell'olio nuovo al Frantoio Turri

La festa dell'olio nuovo al Frantoio Turri

Torna l'atteso appuntamento per celebrare l'avvio dell'olivagione 2017 e gustare l'olio nuovo. Una giornata evento con visite guidate, piatti tipici del Garda e musica dal vivo. Porte aperte al pubblico, domenica 12 novembre, a Cavaion Veronese

GIRO WEB
Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Abbiamo collocato on line il sito della nostra casa editrice. Uno strumento utile per saperne di più sulle nostre pubblicazioni, sia cartacee, sia telematiche. Il nuovo sito è sul dominio olioofficina.eu, e affianca quelli di Olio Officina Magazine (olioofficina.it), Olio Officina Globe (olioofficina.net) e Olio Officina Festival (olioofficina.com). Buona navigazione > Luigi Caricato

OO VIDEO

L’olio d’alta quota

In giugno, sabato 10, la presenza del movimento culturale Tree Dream da Peck, nel tempio della gastronomia. Il dialogo tra Luigi Caricato e Flavio Lenardon

BIBLIOTECA OLEARIA
La dinastia olearia dei Guarini

La dinastia olearia dei Guarini

In Puglia sono stati un solido punto di riferimento, e tutt’oggi sono operativi su più fronti. In un libro di Achille Colucci, e a cura di Rosa del Vecchio, viene ripercorsa la goriosa storia della Oleifici Fasanesi > Maria Carla Squeo