Sabato 20 Luglio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > inoltre

Accordo di libero scambio tra Unione europea e Giappone: nuove possibilità di crescita per export Made in Italy

Secondo l'ufficio studi della Cia, si tratta di un mercato strategico per l’agroalimentare, con un valore di 1,4 miliardi di euro. In testa alla classifica vi è il vino, con 163 milioni di euro di valore, e l'ortofrutta trasformata, con circa 120 milioni. L'olio da olive è al quarto posto dopo la carne, con oltre 106 milioni di euro, con un valore all’export averso il Giappone umentato del 46%

OO M

Accordo di libero scambio tra Unione europea e Giappone: nuove possibilità di crescita per export Made in Italy

L’intesa di libero scambio con il Giappone apre nuove opportunità di crescita per l’export, con l’eliminazione dei dazi sull’85% dei prodotti destinati al mercato nipponico, ampliando le possibilità di creare ricchezza attraverso il cibo Made in Italy. Così il presidente nazionale Cia, Dino Scanavino, sull’accordo di partenariato economico tra Unione europea e Giappone (JEFTA), che entra in vigore oggi primo febbraio.

Il Giappone rappresenta il sesto partner commerciale per l’Italia fuori dai confini Ue. Già dal 2017 le esportazioni agroalimentari italiane verso il Paese del Sol Levante hanno raggiunto un valore di 1,4 miliardi di euro, con una crescita del 42% in un anno -ricorda l’Ufficio Studi Cia-. Subito dopo il tabacco, che per via di importanti accordi di manifattura è la prima voce del nostro export di settore in Giappone (546 milioni), gli altri prodotti più apprezzati sono proprio i cibi e le bevande simbolo del Made in Italy. Al secondo posto, infatti, figura il vino (con 163 milioni di euro di valore), poi l’ortofrutta trasformata (circa 120 milioni), i prodotti a base di carne (quasi 109 milioni), l’olio d’oliva (oltre 106 milioni), i prodotti da forno (87 milioni), il comparto lattiero-caseario (circa 70 milioni).        

“Siamo da sempre favorevoli alla progressiva riduzione delle barriere doganali e tariffarie tramite accordi internazionali -sottolinea Scanavino. Accordi che possano trasformare il valore riconosciuto dal consumatore finale in valore economico per le imprese agroalimentari e che includano, sempre e in modo inequivocabile, il rispetto del principio di reciprocità delle regole commerciali. Col JETFA, per fare due esempi, vengono cancellati i dazi sul vino e sono riconosciute 45 denominazioni italiane, che rappresentano la quasi totalità del nostro export agroalimentare sul mercato nipponico.

A conferma della strategicità del Giappone come sbocco per le esportazioni nazionali, nell'ambito del Piano 2019 per l'internazionalizzazione delle imprese associate, Cia-Agricoltori Italiani organizzerà, in collaborazione con la Japan Italy Economic Federation, un Roadshow in tre tappe con le nostre aziende agricole, oltre ad attività di formazione e di assistenza per cogliere le opportunità offerte dall'accordo JEFTA.

 

Nota stampa Cia

OO M - 05-02-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
L'olio dei monaci camaldolesi ha per nome Eremo

L'olio dei monaci camaldolesi ha per nome Eremo

Un impegno secolare, quello dei Benedettini Camaldolesi. Quelli di cui scriviamo hanno sede a Bardolino, in Veneto. Noi dobbiamo moltissimo all'operato dei religiosi, i quali hanno effettivamente salvato l'olivo in epoche in cui si registrò un radicale allontamento dalla coltivazione > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

EXTRA MOENIA
Una cena a 4 mani per un sorriso. L’iniziativa benefica del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Una cena a 4 mani per un sorriso. L’iniziativa benefica del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

L’olio diventa solidale lunedì 22 luglio, a Imperia. La famiglia Mela, patron della prestigiosa azienda olearia ligure, ha ideato e organizzato una cena il cui intero ricavato andrà a favore della Onlus L’Abbraccio. Ai fornelli, nella suggestiva terrazza che dall'alto domina la storica capitale dell’olio italiana Imperia, gli chef Alberto Basso del Ristorante Trequarti di Val Liona e Emanuele Donalisio de Il Giardino del Gusto di Ventimiglia

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olio spiegato alle mie figlie

L’olio spiegato alle mie figlie

Un libro dell'oleologo Lorenzo Cerretani per le edizioni Olio Officina, da avere assolutamente con sé. Pensato per i giovanissimi, è adatto anche agli adulti. Un linguaggio semplice, proprio per questo utilissimo per apprendere tutto, ma proprio tutto, sull'olio da olive, il pregiato succo