Mercoledì 11 Dicembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > inoltre

Anche a Matera l’iniziativa Aibi-Assitol: Pane & Olio è cultura

La merenda italiana tra memoria e scienza. Alla Fondazione Sassi, un incontro-dibattito, organizzato in occasione del Festival Terra del Pane, per riflettere sul significato, storico e sociale, di questa pietanza tradizionale

OO M

Un filo d’olio extra vergine d’oliva si unisce ad una fetta di pane fresco del fornaio, trasformandosi in un piacere semplice ed unico. Alla pietanza che mette d’accordo gli Italiani da Nord a Sud, è dedicato il convegno “Pane&Olio è cultura”, che si terrà martedì 15 ottobre a Matera, presso la Fondazione Sassi (V. San Giovanni Vecchio, 24), alle ore 11.30.

Ad ideare e organizzare l’incontro sono Aibi, l’Associazione Italiana Bakery Ingredients, e Assitol, l’Associazione Italiana dell’Industria Olearia, in collaborazione con la Fondazione Sassi, nell’ambito del “Festival Terra del Pane”, omaggio a tutto tondo all’arte bianca, tra i principali appuntamenti di Matera Capitale della Cultura Europea 2019.

Quello proposto con “Pane&olio è cultura” è un viaggio tra memoria e scienza, per riflettere sulla popolarità di questo modo tutto italiano di fare merenda, collegandolo all’evolversi della società italiana. L’idea è di dare vita ad una riflessione sul “perché” e sul “come”, nel corso dei secoli, questi due alimenti, singolarmente e in coppia, abbiano segnato la vita quotidiana degli Italiani, diventando col tempo l’emblema della Dieta Mediterranea.

“Abbiamo analizzato l’abbinamento tra pane e olio da tanti punti di vista: nutrizionale, economico, consumeristico – spiega Anna Cane, presidente del Gruppo olio d’oliva di Assitol -. Negli ultimi due anni abbiamo presentato degustazioni e convegni sul tema sia in piazza che in luoghi istituzionali, arrivando a proporre la merenda all’italiana in un aeroporto ad altissimo flusso turistico come quello di Napoli. Con questo incontro continuiamo il nostro percorso concentrandoci, invece, sul senso, storico e sociale, che pane e olio ha rivestito, in modo diverso, nel succedersi delle epoche, fino ad arrivare alle verità scientifiche odierne, che smentiscono le frequenti fake news dei social media”.

Il luogo in cui si svolgerà questa riflessione non è casuale. “Grazie al suo pane Igp, autentico monumento all’arte bianca, e alla sua tradizione contadina anche olearia, Matera è il luogo ideale per approfondire il significato di questo matrimonio di gusto, salute e tradizione – chiarisce Palmino Poli, presidente di Aibi -"Inoltre il Festival Terra del Pane, che mette insieme letteratura, pittura, scultura e teatro, ci regala la giusta atmosfera per raccontare il pane e olio di ieri, di oggi e di domani”. Per questa ragione, affermano gli organizzatori, “ringraziamo la Fondazione Sassi, in particolare il suo presidente Vincenzo Santochirico, che ha dato immediata disponibilità all’iniziativa”.


Così come pane e olio è composto da due alimenti diversi ma complementari, il convegno si snoda tra storia e scienza, tra manutenzione della memoria e corretta informazione sul cibo. Dopo i saluti del presidente della Fondazione Santochirico, a tracciare il percorso, complesso e a tratti inconsueto, di questo binomio sulla tavola degli Italiani, sarà Maria Giuseppina Muzzarelli, professore ordinario di Storia medievale e Storia delle città presso l'Università “Alma Mater” di Bologna, mentre Andrea Poli, ricercatore e presidente di Nfi- Nutrition Foundation of Italy, smonterà le tante false informazioni sull’abbinamento tra pane fresco artigianale ed olio extra vergine d’oliva, sottolineando come la ricerca scientifica ne confermi la salubrità.

Ad annodare i fili del dibattito, sarà Attilio Romita, noto giornalista Rai, coinvolgendo nella discussione anche il pubblico.

 

 

Si ringrazia per la notizia Silvia Cerioli

OO M - 08-10-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Enrico Bucci
L'INCURSIONE

ENRICO BUCCI

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
Buoni Dentro

Buoni Dentro

Ovvero, il laboratorio che produce valore. Un progetto che insegna un mestiere ai ragazzi dell’Ipm Beccaria e una buona idea per un regalo utile, solidale e gustoso da mettere sulle nostre tavole natalizie > Ilaria Santomanco

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora