Martedì 30 Agosto 2016 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > inoltre

Assitol, falso olio italiano: necessario rafforzare controlli in entrata e uscita dai frantoi

OO M

Nota stampa di Silvia Cerioli. L'associazione degli industriali rilancia le sue proposte sul contrasto alla contraffazione, coinvolgendo tutta la filiera in un tavolo operativo con l'Icqrf. "Apprezziamo l'inchiesta di Trani, che conferma la necessità di stringere i controlli anche sui frantoi, come l'industria olearia richiede da tempo". Questo il commento di Angelo Cremonini, presidente del Gruppo Olio d'oliva di ASSITOL, l'Associazione italiana dell'industria olearia, sul sequestro di falso olio italiano ordinato dal pubblico ministero Antonio Savasta, che ha portato a scoprire un giro di false fatture tra Puglia e Calabria.

"L'inchiesta 'Mamma mia' - afferma il presidente Cremonini - colpisce, come già nel caso di 'Aliud pro olio' un fenomeno che si origina nell'intesa fra frantoi e piccoli commercianti, e talvolta imprese agricole, che operano nell'illegalità, danneggiando però i loro colleghi onesti e quindi l'intero settore".

La vicenda pugliese ribadisce le tesi di ASSITOL sulla lotta alla contraffazione. "I controlli preventivi in uscita dai frantoi permetterebbero una vigilanza adeguata della produzione, nonché una commercializzazione trasparente - ha spiegato Cremonini - mentre quelli in uscita dagli stabilimenti industriali consentirebbero di capire quanta responsabilità sul peggioramento della qualità, di prodotto sia da attribuire ad una cattiva conservazione da parte della distribuzione e quanto, invece in origine alle imprese"

Insomma, sì alle verifiche su tutti i livelli della filiera olearia. A queste misure, è poi necessario aggiungere l'ampliamento del Sian, il sistema telematico al quale si trasmettono i dati di produzione dell'olio d'oliva. "Vorremmo vederlo esteso anche agli altri paesi europei - è l'ipotesi di ASSITOL- come contropartita di garanzia, visto che, pare, ci toccherà subire l'aumento del quantitativo tunisino”.

Nell'ottica del rafforzamento dei controlli, l'associazione degli industriali oleari rilancia l'idea di un tavolo operativo tra Icqrf e tutte le componenti della filiera. "L'esempio da seguire, a nostro avviso, è quello del settore delle carni - osserva Cremonini - dove le verifiche di filiera sono state pianificate di comune accordo. Il tavolo dovrebbe essere permanente allo scopo di programmare i controlli di concerto con i diversi attori della filiera, che conoscono le rispettive criticità".

 

OO M - 03-02-2016 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Si chiama Padrongianus e ha l’impronta sarda delle olive Bosana e Semidana

Si chiama Padrongianus e ha l’impronta sarda delle olive Bosana e Semidana

Alle porte della città di Olbia, dagli olivi della Costa Smeralda, c’è un extravergine dai tratti peculiari: un fruttato medio-intenso dai netti sentori di carciofo, cardo e pomodoro verde. C’è voluta dedizione e caparbietà da parte di Emanuela Cafulli, quando ha deciso di riprendere la gestione dell’azienda di famiglia tagliando con il passato e adottando una conduzione manageriale > Giandomenico Scanu

RICETTE OLIOCENTRICHE
La fogassa de Cavaion

La fogassa de Cavaion

È un punto di forza nelle varie presentazioni dell’olio Dop Garda, e, proprio il Consorzio di tutela del tanto celebrato extra vergine gardesano, ne traccia la ricetta, molto semplice, ma con l’invito a usare la graticola

EXTRA MOENIA
Le Ferre, comunicare l'olio per immagini

Le Ferre, comunicare l'olio per immagini

L'azienda olearia pugliese, con sede a Castellaneta, in provincia di Taranto, nella città che ha dato i natali al celebre Rodolfo Valentino, porta avanti da tempo e con successo una attività di comunicazione molto originale e sempre innovativa, attraverso un utilizzo molto saggio e costruttivo dei social > Luigi Caricato

GIRO WEB
I racconti di Chiara Coricelli rendono più moderna la comunicazione sull’olio

I racconti di Chiara Coricelli rendono più moderna la comunicazione sull’olio

Ha riscontrato un grande successo la webserie di cui è testimonial, in veste di mamma, moglie e imprenditrice, la stessa titolare della nota azienda olearia umbra. Se vogliamo collocarla sulla quantità di visualizzazioni, ne ha ottenute oltre 100 mila, ma anche sul fronte dell’efficacia qualitativa spicca per originalità e inventiva > Maria Carla Squeo

OO VIDEO

Heina e il Ghul

Nell'ambito della prima edizione di Olio Officina Festival - che si svolse a Milano il 27, 28 e 29 gennaio, 2012 - ci fu in programmazione un curioso e interessante spettacolo con l'attore Abderrahim El Hadiri, la regia di Marco Gumina, per una produzione dalla Cooperativa Teatro Laboratorio di Brescia

BIBLIOTECA OLEARIA
Racconti a macchia d’olio

Racconti a macchia d’olio

E’ stata pubblicata fresca di stampa un’antologia di piccole storie quotidiane di cui sono autori gli stessi protagonisti della filiera. Le micro narrazioni fanno parte di un contest letterario organizzato dall’Università di Bari "Aldo Moro" e si sono concretizzate in un volume a cura di Maria Lisa Clodoveo e Maria Antonietta Colonna