31 Luglio 2016 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > inoltre

Assitol, falso olio italiano: necessario rafforzare controlli in entrata e uscita dai frantoi

OO M

Nota stampa di Silvia Cerioli. L'associazione degli industriali rilancia le sue proposte sul contrasto alla contraffazione, coinvolgendo tutta la filiera in un tavolo operativo con l'Icqrf. "Apprezziamo l'inchiesta di Trani, che conferma la necessità di stringere i controlli anche sui frantoi, come l'industria olearia richiede da tempo". Questo il commento di Angelo Cremonini, presidente del Gruppo Olio d'oliva di ASSITOL, l'Associazione italiana dell'industria olearia, sul sequestro di falso olio italiano ordinato dal pubblico ministero Antonio Savasta, che ha portato a scoprire un giro di false fatture tra Puglia e Calabria.

"L'inchiesta 'Mamma mia' - afferma il presidente Cremonini - colpisce, come già nel caso di 'Aliud pro olio' un fenomeno che si origina nell'intesa fra frantoi e piccoli commercianti, e talvolta imprese agricole, che operano nell'illegalità, danneggiando però i loro colleghi onesti e quindi l'intero settore".

La vicenda pugliese ribadisce le tesi di ASSITOL sulla lotta alla contraffazione. "I controlli preventivi in uscita dai frantoi permetterebbero una vigilanza adeguata della produzione, nonché una commercializzazione trasparente - ha spiegato Cremonini - mentre quelli in uscita dagli stabilimenti industriali consentirebbero di capire quanta responsabilità sul peggioramento della qualità, di prodotto sia da attribuire ad una cattiva conservazione da parte della distribuzione e quanto, invece in origine alle imprese"

Insomma, sì alle verifiche su tutti i livelli della filiera olearia. A queste misure, è poi necessario aggiungere l'ampliamento del Sian, il sistema telematico al quale si trasmettono i dati di produzione dell'olio d'oliva. "Vorremmo vederlo esteso anche agli altri paesi europei - è l'ipotesi di ASSITOL- come contropartita di garanzia, visto che, pare, ci toccherà subire l'aumento del quantitativo tunisino”.

Nell'ottica del rafforzamento dei controlli, l'associazione degli industriali oleari rilancia l'idea di un tavolo operativo tra Icqrf e tutte le componenti della filiera. "L'esempio da seguire, a nostro avviso, è quello del settore delle carni - osserva Cremonini - dove le verifiche di filiera sono state pianificate di comune accordo. Il tavolo dovrebbe essere permanente allo scopo di programmare i controlli di concerto con i diversi attori della filiera, che conoscono le rispettive criticità".

 

OO M - 03-02-2016 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alberto Guidorzi
L'INCURSIONE

ALBERTO GUIDORZI

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Si chiama Zetay, ed è un extra vergine made in Turchia

Si chiama Zetay, ed è un extra vergine made in Turchia

Prodotto nella regione dell’Egeo, su terreni posti in collina. E’ un monovarietale Memecik, ricavato dalla molitura di un’oliva di forma ellittica a duplice attitudine, apprezzata anche come oliva da mensa, e conosciuta con i sinonimi di Asiyeli, Gulumbe, Sehir, Tas arasi, Tekir, Yaghk. Spiccano i sentori di mela verde e mandorla fresca > Daniele Tirelli

RICETTE OLIOCENTRICHE
Girello di pesce sciabola

Girello di pesce sciabola

Poche ed essenziali indicazioni, nella ricetta di Antonio Vitale, chef all'Atletico Farina, di  Marina di Ragusa. L'olio extra vergine di oliva da utilizzare? Ovviamente siciliano, possibilmente ragusano: per esempio un monovarietale Tonda Iblea: e magari anche un Dop Monti Iblei. Perché no?

EXTRA MOENIA
Atletico Farina

Atletico Farina

A Marina di Ragusa vi è qualcosa di inedito e insolito: un concept originale che introduce una nuova idea di locale. Quando infatti il caffè incontrò un tempo il calcio, divenne per tutti "bar sport”; ma ora, quando il bar sport si è da poco trasformato in ristorante (ma anche pizzeria, american bar e piscina) non si può più chiamare "ristorante sport”. Vi pare? > Nicola Dal Falco

GIRO WEB
La voce di chi crede nell’olivicoltura

La voce di chi crede nell’olivicoltura

“Benvenuti su InfoXylella”, è in questo modo che alcuni imprenditori e studiosi si aprono al mondo dei social per ritagliarsi un proprio spazio, difendendosi da chi ne ha usurpato per mesi ruolo e centralità, fingendosi amanti dell’olivo ma senza minimamente preoccuparsi delle sorti dell’olivicoltura. Per ora è una pagina facebook, a breve anche un sito internet di pura e corretta informazione

OO VIDEO
loading...

L'olfatto secondo il filosofo Sossio Giametta

Luigi Caricato incontra l'autore di volumi come Il bue squartato e altri macelli, L'oro prezioso dell'essere e Cortocircuiti e discorre intorno ai temi dei piaceri del buon cibo e dell'arte culinaria

BIBLIOTECA OLEARIA
Racconti a macchia d’olio

Racconti a macchia d’olio

E’ stata pubblicata fresca di stampa un’antologia di piccole storie quotidiane di cui sono autori gli stessi protagonisti della filiera. Le micro narrazioni fanno parte di un contest letterario organizzato dall’Università di Bari "Aldo Moro" e si sono concretizzate in un volume a cura di Maria Lisa Clodoveo e Maria Antonietta Colonna