17 Dicembre 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > inoltre

Assitol: il piano proteico dell'Unione europea è una opportunità di sviluppo per l'Italia

OO M

Nota stampa Silvia Cerioli. L’associazione dell’industria olearia plaude al progetto europeo per favorire la coltivazione delle leguminose, tra cui la soia, in modo da ridurre l’import e contare su una produzione comunitaria certificata e ogm-free.

Sì ad un piano proteico europeo, che può aprire grandi opportunità di sviluppo per l’Italia. Assitol apprezza la proposta, firmata congiuntamente da 14 Paesi della UE, che ha come obiettivo prioritario l’aumento della coltivazione di piante proteiche, come la soia ed altre leguminose, la cui produzione è del tutto insufficiente rispetto al fabbisogno europeo ed italiano.

“E’ quello che proponiamo da tempo, per contrastare l’annoso problema del deficit proteico e limitare il ricorso all’import – afferma Enrico Zavaglia, presidente del Gruppo Oli da Semi dell’associazione –. Circa il 50% della soia prodotta in Europa è coltivata in Italia: l’attuazione del piano proteico aprirebbe importanti opportunità per l’intero settore agroindustriale. Ecco perché intendiamo far sentire la nostra voce nella definizione del progetto, potendo anche portare l’esperienza di diversi anni di iniziative a marchio privato, tese alla valorizzazione della soia europea non-OGM”.

I Paesi firmatari della dichiarazione “European Soy”, quasi tutti del Centro ed Est Europa, ma con l’importante presenza di Italia e Francia, puntano alla creazione di un bacino produttivo europeo, in grado di dare vita ad una “partenership proteica” tra Est e Ovest, con un’offerta di produzione locale, certificata e ogm-free. In pratica, per la soia e le leguminose prodotte nell’Unione Europea sarebbe previsto un sistema di etichettatura specifico, in modo da valorizzarne l’origine europea ed i connotati di sostenibilità, incluso l’OGM-free. Il tutto in un’ottica di filiera integrata, rilanciando la logistica, la trasformazione e la commercializzazione dei semi oleosi e delle leguminose “Made in Europe”.

Nel 2016 in Italia sono stati destinati alla soia 350mila ettari, per una produzione di 1,1 milioni di tonnellate. Per il 2017, le previsioni di semina sono tutte al positivo, con un margine di crescita di almeno il 5%. In particolare, le proteoleaginose e le oleaginose con alto livello di proteina, come la soia, sono essenziali per la produzione di mangimi (farine proteiche), per l’alimentazione umana e per tutta una serie di impieghi non-food come quello bioenergetico e biochimico.

“Dal punto di vista della sostenibilità – sottolinea il presidente Zavaglia – non va poi dimenticato che la soia e tutte le leguminose hanno un ruolo fondamentale nella rotazione colturale, riducendo l’uso di fertilizzanti e, di conseguenza, le emissioni nell’atmosfera e l’impatto ambientale. Auspichiamo che l’intera filiera collabori e si impegni nella costruzione del progetto, che avrà ricadute positive su tutto il comparto”.

OO M - 08-08-2017 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Think green

Think green

Un mix di olive di diverse cultivar rendono l'olio dell'Oleificio Angelo Coppini di Terni, un cento per cento italiano, un extra vergine versatile e armonico, dal gusto rotondo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Un nuovo metodo estrattivo, che riprende l'antico metodo per pressione

Un nuovo metodo estrattivo, che riprende l'antico metodo per pressione

Estrarre un olio di altissima qualità con la sola pressione meccanica e senza utilizzo di acqua in fase estrattiva. Una piccola realtà siciliana, nata dal basso, si sta presentando come il futuro dell'estrazione olearia, nel pieno rispetto dell'ambiente. Al Maker Faire di Roma l'azienda proprietà della famiglia La Greca, ha presentato BioSpremi®, un progetto dell'estrazione ecosostenibile che resta in linea con gli attuali standard di produttività

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La genesi dell'oliva

In un video emozionale e insieme documentaristico l'azienda veneta Frantoio Fratelli Turri di Cavaion Veronese, fa comprendere a chi non ha confidenza con il frutto dell'oliva, come si forma e si struttura il frutto ne corso dei mesi e come alla fine nasca l'olio extra vergine, quello a marchio Garda Dop Turri di varietà Casaliva

BIBLIOTECA OLEARIA
Evooleum 2018, le migliori selezioni

Evooleum 2018, le migliori selezioni

Pur essendo alla sua seconda edizione, si è imposta all’attenzione come se si trattasse della guida di riferimento per tutti i buyer, chef ma anche per gli stessi estimatori del prezioso succo di olive. È non a caso la guida più importante e autorevole, tra quelle finora editate nel mondo. Si concentra solo sui 100 migliori extra vergini, vantando una giuria di esperti di altissimo livello > Luigi Caricato