Venerdì 20 Luglio 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > inoltre

Assitol: il piano proteico dell'Unione europea è una opportunità di sviluppo per l'Italia

OO M

Nota stampa Silvia Cerioli. L’associazione dell’industria olearia plaude al progetto europeo per favorire la coltivazione delle leguminose, tra cui la soia, in modo da ridurre l’import e contare su una produzione comunitaria certificata e ogm-free.

Sì ad un piano proteico europeo, che può aprire grandi opportunità di sviluppo per l’Italia. Assitol apprezza la proposta, firmata congiuntamente da 14 Paesi della UE, che ha come obiettivo prioritario l’aumento della coltivazione di piante proteiche, come la soia ed altre leguminose, la cui produzione è del tutto insufficiente rispetto al fabbisogno europeo ed italiano.

“E’ quello che proponiamo da tempo, per contrastare l’annoso problema del deficit proteico e limitare il ricorso all’import – afferma Enrico Zavaglia, presidente del Gruppo Oli da Semi dell’associazione –. Circa il 50% della soia prodotta in Europa è coltivata in Italia: l’attuazione del piano proteico aprirebbe importanti opportunità per l’intero settore agroindustriale. Ecco perché intendiamo far sentire la nostra voce nella definizione del progetto, potendo anche portare l’esperienza di diversi anni di iniziative a marchio privato, tese alla valorizzazione della soia europea non-OGM”.

I Paesi firmatari della dichiarazione “European Soy”, quasi tutti del Centro ed Est Europa, ma con l’importante presenza di Italia e Francia, puntano alla creazione di un bacino produttivo europeo, in grado di dare vita ad una “partenership proteica” tra Est e Ovest, con un’offerta di produzione locale, certificata e ogm-free. In pratica, per la soia e le leguminose prodotte nell’Unione Europea sarebbe previsto un sistema di etichettatura specifico, in modo da valorizzarne l’origine europea ed i connotati di sostenibilità, incluso l’OGM-free. Il tutto in un’ottica di filiera integrata, rilanciando la logistica, la trasformazione e la commercializzazione dei semi oleosi e delle leguminose “Made in Europe”.

Nel 2016 in Italia sono stati destinati alla soia 350mila ettari, per una produzione di 1,1 milioni di tonnellate. Per il 2017, le previsioni di semina sono tutte al positivo, con un margine di crescita di almeno il 5%. In particolare, le proteoleaginose e le oleaginose con alto livello di proteina, come la soia, sono essenziali per la produzione di mangimi (farine proteiche), per l’alimentazione umana e per tutta una serie di impieghi non-food come quello bioenergetico e biochimico.

“Dal punto di vista della sostenibilità – sottolinea il presidente Zavaglia – non va poi dimenticato che la soia e tutte le leguminose hanno un ruolo fondamentale nella rotazione colturale, riducendo l’uso di fertilizzanti e, di conseguenza, le emissioni nell’atmosfera e l’impatto ambientale. Auspichiamo che l’intera filiera collabori e si impegni nella costruzione del progetto, che avrà ricadute positive su tutto il comparto”.

OO M - 08-08-2017 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Tre Chef in corsa per il Premio Laudemio

Tre Chef in corsa per il Premio Laudemio

Sono Matteo Grandi, chef e patron del ristorante De Gusto Cuisine (San Bonifacio, in provincia di Verona), Claudio Sadler, chef e patron del Ristorante Sadler (Milano) e Antonello Sardi, chef del ristorante La Bottega del Buon Caffè (Firenze) i tre finalisti della seconda edizione del Premio Laudemio, rispettivamente nelle categorie “secondo piatto”, “primo piatto” e “antipasto”

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

L’olio è elemento cardine

In cucina non si può prescindere dalla scelta di un ottimo olio extra vergine di oliva. Il principio ispiratore deve essere riconducibile al territorio: gli oli del territorio con gli alimenti del territorio. Nostra intervista allo chef Vincenzo Butticè, del Ristorante “Il Moro” di Monza, nell’ambito della prima edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
OOF International Magazine numero 4

OOF International Magazine numero 4

Una monografia interamente dedicata agli abbinamenti olio/cibo. Ogni numero un tema specifico. È la rivista trimestrale cartacea di Olio Officina, in edizione bilingue italiano/inglese