Martedì 15 Ottobre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > inoltre

Effetti del sovranismo, la Cia del Veneto denuncia il rischio per l'export vini e spumanti per 441 mln

Secondo l’organizzazione agricola, i dazi che gli Stati Uniti potrebbero applicare ad alcuni prodotti del made in Italy avrebbero effetti deleteri per l’economia agricola

OO M

I dazi che gli Stati Uniti potrebbero applicare ad alcuni prodotti del made in Italy, come “ritorsione” tra i colossi dell’aviazione Airbus e Boing rischiano di mettere in ginocchio l’export alimentare Veneto. 

"L’export agroalimentare verso gli Usa è stato di 4,2 miliardi di euro nel 2018 -spiega il presidente Cia-Agricoltori Italiani Veneto, Gianmichele Passarini- ed anche il 2019 si è aperto con ottimi dati: tra gennaio e aprile abbiamo esportato per 1,46 miliardi di euro, con una crescita, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, dell’8,2% per i prodotti agricoli e del 12,1% per quelli alimentari. Dobbiamo però sottolineare che un terzo del valore è costituito da vini e spumanti: per la precisione il 35%, per un ammontare di 1,5 miliardi di euro nel 2018.

La nostra regione sarebbe la più penalizzata, visto che è capofila nel settore". I dati riferiti all’anno passato sono eloquenti. "Solo il Veneto -commenta Passarini- ha esportato verso gli Usa vini e spumanti per 441 milioni di euro. Segue a grande distanza Toscana (353 milioni) e Piemonte (215 milioni). Ed è soprattutto il trend di crescita a farci capire quanto i prodotti della nostra regione incontrino il favore del mercato statunitense: siamo passati da 268 milioni di euro del 2013 a 441 milioni nel 2018, quasi il doppio".

Il Veneto sarebbe comunque coinvolto anche con gli altri prodotti alimentari esportati: dall'olio di oliva ai prodotti da forno e farinacei, a quelli lattiero-caseari. "I dazi -aggiunge Passarini- sono i peggiori nemici dell’agricoltura italiana da una parte e della qualità dall'altra, perché i mercati di sbocco cercherebbero di ovviare comprando merce meno cara ma di un livello sicuramente più basso rispetto a quello italiano. Bisogna, invece, perseguire la strada degli accordi, anche se con attenzione, che non tutelano le nostre produzioni, che seguono standard e percorsi di qualità ben diversi da quelli di altri paesi extra-Ue”.

 

Si ringrazia per la notizia Cia –Agricoltori Italiani

OO M - 05-07-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
È Roberto Sassoni il nuovo general manager di Carapelli Firenze

È Roberto Sassoni il nuovo general manager di Carapelli Firenze

Forte dei suoi ventisette anni di esperienza nel settore F&B e conserviero, si prepara a entrare nel mondo dell’olio con l’obiettivo di presidiare la qualità dei brand storici italiani del gruppo, tra cui Carapelli, Bertolli, Sasso e Friol, e di proseguire con lo sviluppo di prodotti premium e il percorso di valorizzazione della categoria

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Raccontare e sperimentare l’olio

Andare oltre le consuetudini. È molto importante mettersi in relazione con gli chef, perché possono ogni volta nascere idee nuove e preziose. La cucina va raccontata sempre, con tutte le sue emozioni; e anche l’olio extra vergine di oliva è uno di quei alimenti che va a sua volta raccontato, mettendolo in relazione con gli altri cibi. Da qui la creazione di nuovi prodotti, nati dalla collaborazione con gli chef. Intervista a Serena Mela, del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo