Mercoledì 20 Giugno 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > inoltre

Grani Futuri 2018, in Puglia tutto il buono del pane in un movimento culturale, economico, sociale

Torna a San Marco in Lamis, dal 16 al 18 giugno, la manifestazione ideata da Antonio Cera; e così, fornai e chef da diverse regioni d’Italia sono intenti a celebrare il pane, simbolo da sempre di condivisione e comunità, con l'obiettivo di creare rete, sinergie, confronto e crescita. Best Practices sull'utilizzo del biogas nella coltivazione sostenibile per realizzare una vera economia circolare

OO M

Grani Futuri 2018, in Puglia tutto il buono del pane in un movimento culturale, economico, sociale

Nota stampa di Chiara Fossati. Grani Futuri, evento nazionale del pane, torna dopo il successo dello scorso anno a San Marco in Lamis, Foggia da sabato 16 a lunedì 18 giugno. Fornai e chef da diverse regioni d’Italia a raccolta per celebrare tradizioni e cultura legate al pane, alimento simbolo della nostra alimentazione e sinonimo da sempre di condivisione e comunità, con l'obiettivo di creare rete, sinergie, confronto e crescita. Tra i protagonisti chef stellati come Viviana Varese (Alice Ristorante, Eataly Milano) che dal primo momento ha creduto in questa idea del fornaio economista Antonio Cera ed ha contribuito alla lievitazione di questo progetto. Nel cuore del Parco Nazionale del Gargano, a San Marco in Lamis ci saranno Antonio Lebano (Terrazza Gallia Hotel Excelsior, Milano), Corrado Assenza (Caffè Sicilia, Noto), Luca Lacalamita (già Enoteca Pinchiorri, Firenze). Dall'estero la chef Zahie Tellez, ambasciatrice della nuova cucina messicana.

L’Italia è terra, è pane. È grano. La Puglia, principale produttore italiano di semola di grano duro, è da sempre considerata il granaio d’Italia. Paradossalmente, oggi il mondo del grano ci ha portato ad impoverirci: il pane si è visto sempre come un qualcosa del popolo, qualcosa che deve prima di tutto costare poco. La scomparsa dei forni comuni in cui ogni famiglia portava il proprio pane a cuocere e il progresso tecnologico e industriale hanno portato a un processo involutivo a catena in cui ogni attore della filiera, dal contadino al produttore, ha dovuto abbassare il proprio prezzo per poter rimanere in un mercato che inevitabilmente cambiava giorno dopo giorno. 

Ciò ha portato a una diminuzione del valore che ha avuto come conseguenza un crescente allontanamento del produttore di grano, del mugnaio, del fornaio dal concetto stesso di qualità. 

GRANI FUTURI sogna un contadino che produce qualità e la vende al giusto prezzo, un mugnaio disposto a pagare la farina per il suo valore, un fornaio talmente bravo da farne un pane buono e sano. Un pane che costerà di più, ma che saremo disposti a pagare. Questo processo valoriale genererà ricchezza e crescita per tutti. In questo senso GRANI FUTURI è, ad oggi, un movimento culturale, economico, sociale.

Cuore pulsante della manifestazione sono il pane buono, che fa bene, che non è fatto in fretta ed il Manifesto Futurista del Pane. Perché un pane senza miglioratori (chimici) e senza altri artifizi è possibile, ed economicamente sostenibile!

GRANI FUTURI: una esperienza immersiva 

Il pane al centro della tavola con chef e fornai a interpretarlo e a trasformare il paese di San Marco in Lamis in una esperienza immersiva con le "postazioni" di dimostrazione, racconto e assaggio affiancate da massaie nelle case del centro storico del paese che faranno dimostrazioni e racconteranno il loro pane.

Venti postazioni in cui in coppia, uno chef ed un fornaio, interpretano il Pane attraverso il loro linguaggio stilistico, portando la propria cultura, la propria terra, i propri dialetti in piatti esclusivamente a base di pane che saranno, così come lo è il pane, esempio e segnale di condivisione e di comunità.

Un'esperienza totalizzante con appassionati, turisti e tutto l'abitato di San Marco in Lamis coinvolti in questa grande festa.

GRANI FUTURI: la valorizzazione del territorio e dello stare insieme

"Il pane protagonista di GRANI FUTURI - afferma l'ideatore Antonio Cera, il fornaio economista - è il pane buono e sano della produzione artigianale italiana e che fa bene alla cultura, all'ambiente e al territorio".

GRANI FUTURI è anche l'occasione per valorizzare il contesto territoriale in chiave turistica e culturale attraverso opere di recupero urbano, attività culturali legate alla tradizione e lo svolgimento di attività sportive - trekking, mountain bike e passeggiate - nel Gargano. 

Durante GRANI FUTURI 2018, lunedì 18 giugno alle 9.30 in Contrada Le Matine a San Giovanni Rotondo, sarà possibile assistere alla mietitura del grano, come si faceva una volta e come si fa oggi. Una vera e propria arte, fatta di gesti sapienti e tradizioni. 

Grani futuri é anche altra e alta cultura e coltura. Nel corso della tre giorni dedicata al grano e al pane spazio a dibattiti e talk nel SALOTTO LETTERARIO condotto da Pino Aprile per valorizzare l'identità culturale e colturale del Sud e porre il focus sull'arte dell'impasto con ospiti. 

E poi camminate per scoprire il territorio imparando a riconoscere le erbe spontanee e l’incanto delle orchidee selvatiche nel bosco e attività sportive in nordic walking e mountain bike. 

E ancora scuole e studenti coinvolti per vivere dal vivo la magia della nascita del grano e quali sono le tipologie di pane che disegnano l’identità della panificazione italiana, in un’Italia lunga e stretta, che racconta microcosmi unici e diversi in un impasto di acqua e farina.

Grani Futuri sarà una ECOFESTA, con utilizzo per lo street food solo di piatti, posate, bicchieri e tovaglioli compostabili e con l'iniziativa "non gettare i mozziconi di sigaretta per terra", che richiama tutti a un maggiore senso civico e di rispetto. Inoltre, artisti di strada che si esibiscono nei vicoli o sotto un ulivo e la possibilità, ormai quasi sparita, di ascoltare i proverbi, le storie e le leggende dagli anziani del paese sull’uscio di un portone. 

 

Sapori antichi. GRANI FUTURI

Durante la tre giorni di Grani Futuri , domenica 17 giugno alle ore 12 al Mercato coperto "La Chiazzetta" in San Marco in Lamis, si svolgerà  l'attesa "Gara del Pancotto". Una golosa disfida tra le ricette del territorio che rappresenta un ritorno alle origini e conferma la forte identità del Sud legata alla cultura contadina, all’abitudine del recupero in antitesi a quella dello spreco e al coinvolgimento dei primi veri attori di quella che è l’economia pugliese: il contadino, il mugnaio, il fornaio. Le ricette del sapere antico rivisitate nell'ottica di una ristorazione e un gusto contemporanei.

 

GRANI FUTURI: la Cena di Pane

Quasi mai considerato come ingrediente primario, il pane solitamente viene cotto, ma mai cucinato! La sfida di Grani Futuri è stata invece chiedere a importanti Chef stellati di confrontarsi nella prima cena di gala di pane, realizzata nella scorsa edizione. Ed è stato un successo senza precedenti, da qui la seconda attesa edizione. Momento culminante della seconda edizione della manifestazione sarà la Cena del Pane, con la partecipazione di chef stellati (italiani e stranieri) e fornai.

Ogni piatto, dall’aperitivo al dolce, è una interpretazione del pane come ingrediente protagonista, esattamente come si farebbe per un piatto di pesce o di carne. Pane quindi immaginato, raccontato e reinventato, in inedite ricette, da Chef stellati che hanno l’onore di confrontarsi con una materia prima così semplice e complessa come è il pane. 

La Cena del Pane si svolgerà lunedì 18 giugno in una delle masserie dell’Opera di Padre Pio, a San Giovanni Rotondo, con raccolta fondi a favore dei bambini dell’Oncologico di Casa Sollievo.

 

GRANI FUTURI e la catena virtuosa del buono

La seconda edizione di Grani Futuri raccoglie i primi frutti dei semi piantati lo scorso anno e accoglie esempi di Buone Pratiche per la salvaguardia, la conservazione e la coltura  sostenibile della terra, dalla quale nasce il grano per il nostro pane. 

Massimo Borrelli, giovane imprenditore agricolo che si è convertito all'agricoltura con l’obiettivo di valorizzare i prodotti del territorio con strumenti e processi innovativi in grado di conciliare produzioni di altissima qualità, rispetto dell’ambiente e tutela e innovazione della tradizione, racconta la propria storia ed esperienza nell'utilizzo di impianti a biogas.

 

Antonio Cera, il fornaio economista

Grani Futuri nasce da un'idea di Antonio Cera, il fornaio economista, che è un esempio di immigrazione interna di ritorno: laureatosi alla Bocconi, è tornato nel suo paese per produrre un pane buono e che fa bene, per farlo insieme ai maggiori chef e fornai d'Italia e non solo,  attraverso un manifesto programmatico ed un disciplinare in corso di elaborazione.

GRANI FUTURI si svolge in Puglia, nel Gargano che è il granaio d'Italia, e in giugno, il mese della mietitura e coinvolge tutto l'indotto per rendere possibile, finalmente, tornare a consumare un buon pane.

Grani Futuri vuole essere un momento di confronto vivo intorno al pane, un evento "in lievitazione" chiosa l'ideatore Antonio Cera, il fornaio economista che dopo una laurea in Bocconi ha deciso di tornare nella sua terra, San Marco in Lamis, per occuparsi di pane e del Forno Sammarco insieme alla sua famiglia - in particolare insieme al suo "tridente" (mamma e zie, che quest’anno compiranno  250 anni in tre) - da un secolo impegnata nella panificazione.

 

 

OO M - 08-06-2018 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Diventare dei bravi e competenti assaggiatori di olive? Si può

Diventare dei bravi e competenti assaggiatori di olive? Si può

Dal dal 27 al 29 giugno, un corso realizzato secondo i criteri e le modalità stabiliti dalle linee guida per la formazione dei panel leader e dei giudici di analisi sensoriale delle olive da tavola del Consiglio Oleicolo Internazionale a Bologna, a cura dell'Università di Bologna e Serinar, con la regia del panel leader Coi Roberto De Andreis

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La cultura dell’olio attraverso gli chef

Il mondo della ristorazione oggi è molto vivace, dinamico e attento. A sostenerlo, in una intervista rilasciata nell’ambito della prima edizione del Forum Olio & Ristorazione (a Milano, il 28 maggio 2018), è stata Maria Francesca Di Martino. Preziose le sue considerazioni, molto utili al fine di capire come procedere con un corretto impiego degli oli extra vergini di oliva in cucina. Ed ecco allora, dalla Puglia, gli oli a marchio “Schinosa”: gli extra vergini da olive Coratina, più complessi e non adatti a tutti gli utilizzi, e quelli ottenuti invece dalla cultivar Peranzana, molto più morbidi e facili da abbinare

BIBLIOTECA OLEARIA
OOF International Magazine numero 4

OOF International Magazine numero 4

Una monografia interamente dedicata agli abbinamenti olio/cibo. Ogni numero un tema specifico. È la rivista trimestrale cartacea di Olio Officina, in edizione bilingue italiano/inglese