Mercoledì 26 Settembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > inoltre

I vini sociali premiati alla quarta edizione di Sorsi Solidali

Sono state presentate presso Cia-Agricoltori Italiani le ventuno bottiglie selezionate per il premio “4° Tassello D’Oro”. A Gorizia, il 25 settembre la proclamazione

OO M

I vini sociali premiati alla quarta edizione di Sorsi Solidali

Nota stampa Cia.  È giunto alla quarta edizione il “Wine Tasting - Sorsi Solidali”, il concorso enologico internazionale per i vini sociali prodotti da imprese, cooperative e associazioni che coinvolgono, nel ciclo produttivo, persone in condizione di marginalità sociale contribuendo a ridare loro autonomia e dignitàObiettivo quello di presentare al pubblico i migliori vini prodotti da aziende italiane e comunitarie con finalità sociale e solidaristica, valorizzando la loro capacità di coniugare tematiche e scopi sociali con l’eccellenza del prodotto.

L’iniziativa è realizzata dal Consorzio di Cooperative Sociali “Il Mosaico” che da anni sperimenta la produzione di vino sociale con la sua associata la cooperativa “CONTEA” , produttrice del Morus Morâr, frutto del lavoro di persone che vivono diverse forme di disagio psichico e sociale.

La nuova edizione è stata presentata a Roma, nella sede nazionale di Cia-Agricoltori Italiani che insieme con la sua Ong ASeS (Agricoltori, Solidarietà e Sviluppo) e il Forum Nazionale dell’Agricoltura Sociale, sono partner del progetto e vetrine autorevoli per questa tipologia di produzione enologica.

Il “Wine Tasting - Sorsi Solidali”, nato nel 2015, cresce ogni anno di qualità, trovando spazio anche all'interno delle ultime edizioni del “Vinitaly”. Per l’edizione 2018, una commissione di 12 esperti, divisi tra valutatori di Assoenologi FVG, Associazione Italiana SommelierONAV e firme qualificate del mondo del giornalismo specializzato, ha degustato e valutato 21 vini di produzione sociale, provenienti da tutta Italia e alcuni anche dalla Catalogna. Fuori dal giudizio della Commissione tecnica, il valore sociale di tutti i progetti alla base delle produzioni vitivinicole, come il caso dei vini prodotti su terreni confiscati alla mafia.

L’iniziativa è stata possibile grazie, anche, alla collaborazione del Comune di Moraro e alla squisita ospitalità dell’Azienda agricola “Vie di Romans” nella fase di valutazione dei vini. L’appuntamento finale sarà a Gorizia, il 25 settembre prossimo, quando saranno premiati i vincitori della kermesse con la consegna del “4° Tassello D’Oro” e saranno resi noti i nomi di tutti i vini ammessi alla degustazione in occasione di “Gusti di Frontiera”.

“L’evoluzione, anche normativa, ma soprattutto di esperienze positive nell'ambito dell’agricoltura ci conferma nell'intuizione, di 4 anni fa, di dare vita e continuità ad una rassegna che pone le finalità sociali del concorrente, quale elemento di ammissione e la qualità del prodotto come unico elemento della valutazione tecnica, proprio per dare visibilità e riconoscimento alle imprese sociali che sanno coniugare solidarietà e qualità produttiva -dichiara Mauro Perissini, presidente Consorzio Il Mosaico-. Da sempre, questo aspetto, spesso apparso come un ossimoro, risulta invece centrale nelle esperienze della cooperazione di inserimento lavorativo e con Sorsi Solidali ci piace poter dimostrare che, quando si ingaggiano soggetti diversi e qualificati in un unico obiettivo, gli esiti sanno essere davvero sorprendenti e ottimi”.

“Il territorio italiano -ha commentato Giuliano Ciano, portavoce Forum Nazionale Agricoltura Sociale- è ricco di vini di agricoltura sociale che, oltre ad essere eccellenti, hanno un forte impatto sociale e sanno stare sul mercato. Sorsi Solidali è una importante vetrina internazionale per le imprese virtuose che producono vino secondo i principi dell'agricoltura sociale e siamo lieti di poter accompagnare il consorzio Il Mosaico in questo percorso. Rappresenta la dimostrazione di come spesso le buone pratiche siano avanti rispetto all'azione politico-amministrativa. Ci auguriamo, pertanto, che possa riprendere presto l'iter per l'approvazione dei decreti attuativi della legge nazionale sull'agricoltura sociale, affinché si possa valorizzare appieno un settore, quello dell'agricoltura sociale, che produce lavoro, diritti e benessere per la collettività”. 

“I vini solidali sono una realtà in costante crescita capace di coniugare la distintività territoriale con un forte contenuto sociale -ha aggiunto Cinzia Pagni della Giunta nazionale Cia-Agricoltori Italiani e presidente dell’Ong di riferimento ASeS-. Sempre più presenti e diffuse, le aziende agricole sociali che affiancano alla coltivazione della vite e alla produzione del vino i valori della solidarietà, il rispetto dell’ambiente e del paesaggio, rappresentano ormai un’asse strategico e portante del Made in Italy. I vini solidali, e le iniziative collegate come questa, sono da diffondere e valorizzare. Una scelta che ci carica di responsabilità, ma che rappresenta la strada obbligata quanto più saremo capaci di coniugare gli elementi produttivi con quelli della sfera sociale e di promuoverne la diffusione, tanto più il sistema vitivinicolo italiano e, con esso, l’agroalimentare, saranno più forti e competitivi sui mercati”.

 

 

La foto di apertura è di Olio Officina

OO M - 13-09-2018 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
La Sardegna è anche olivicoltura, non solo mare e vacanza

La Sardegna è anche olivicoltura, non solo mare e vacanza

Vi è una tradizione olivicolamillenaria che sa guardare avanti e innovare. Negli ultimi anni si stanno piantando nuovi oliveti, quasi tutti a coltivazione irrigua, con utilizzo di varietà a duplice attitudine, finalizzati a produzioni di alta qualità. In tutto ciò, c’è anche un importante concorso, che presto accoglierà le nuove produzioni d’eccellenza > Daniela Capogna

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La Dieta Mediterranea e l’olio da olive

Intervista a Evelina Flachi, specialista in Scienza dell’alimentazione e nutrizionista. Per una vita sana è necessario scegliere i giusti alimenti. Un buon condimento è fondamentale. L’olio extra vergine di oliva è un buon punto di partenza. In dosi moderate fa la differenza

BIBLIOTECA OLEARIA
Evooleum 2019, la miglior guida del mondo

Evooleum 2019, la miglior guida del mondo

Anche se vi sono in commercio altre pubblicazioni analoghe in cui si segnalano i migliori extra vergini, nessuna finora ha raggiunto i medesimi livelli di qualità e stile. Primo valore con cui si contraddistingue: la trasparenza. Non meno importante è anche la grafica con cui è stata confezionata. Non poteva essere diversamente, con una guida che propone non una quantità smodata di oli, ma solo i migliori cento > Luigi Caricato