Martedì 18 Febbraio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > inoltre

Il monitoraggio integrato e capillare di Xylella e Complesso del disseccamento rapido dell’olivo

Cosa ci dicono i risultati presentati al Ciheam di Bari secondo quanto lo stesso International Center for Advanced Mediterranean Agronomic Studies ha riferito in una nota stampa

OO M

Il monitoraggio integrato e capillare di Xylella e Complesso del disseccamento rapido dell’olivo

«Il Progetto MIX-CODIRO ha contribuito significativamente a migliorare l’attività di monitoraggio e sorveglianza della Xylella fastidiosa in Puglia»: sono le parole del direttore del CIHEAM Bari, Maurizio Raeli, a margine del workshop MIX-CODIRO: Monitoraggio integrato e capillare di Xylella e CoDiRO che si è svolto il 23 gennaio. 

Il seminario è stato organizzato a conclusione delle attività di ricerca realizzate dal CIHEAM Bari in attuazione delle azioni progettuali, promosse e finanziate dalla Regione Puglia, nell’ambito delle “Linee guida per il parco della ricerca e sperimentazione finalizzata alla prevenzione e al contenimento del Complesso del Disseccamento Rapido dell’Olivo (CoDiRO)”.

Nel corso dell’incontro, al quale hanno partecipato, tra gli altri, Gennaro Ranieri, Commissario dell’Agenzia regionale per le attività irrigue e forestali (ARIF) Puglia, Giacomo Carreras, Presidente dell’Ordine degli Agronomi della Puglia, Luigi Ricciardi, direttore del dipartimento di Scienze del suolo, della pianta e degli alimenti dell’Università di Bari, operatori del settore olivicolo-oleario, studenti, tecnici di campo e delle istituzioni regionali coinvolte nelle attività di monitoraggio e rappresentanti della comunità scientifica regionale, sono stati illustrati i risultati della ricerca conseguiti durante il triennio di attività (2017-2019) riguardanti, in particolare, lo sviluppo di modelli previsionali e sistemi di campionamento, sorveglianza e diagnosi utili a garantire, in modo più efficiente e razionale, la gestione e il controllo del patogeno sul territorio. 

Dopo aver messo a punto XylAPPPUGLIA, l’applicazione progenitrice di quella attualmente utilizzata dagli operatori regionali per il monitoraggio e la geolocalizzazione di Xylella fastidiosain Puglia, il CIHEAM Bari, attraverso MIX-CODIRO, ha realizzato XylAPPUTENTI, un’applicazione di più semplice concezione ed utilizzo, ideata allo scopo di poter ampliare il bacino di utenti nelle attività di sorveglianza (agricoltore, tecnico/ispettore, turista, ecc.). 

MIX-CODIRO ha anche sviluppato un modello di previsione spaziale, tenendo conto di diverse variabili che condizionano la diffusione del patogeno e dei suoi vettori in campo, in grado di stimare, con una certa accuratezza, la probabilità di presenza e diffusione della Xylella fastidiosanella nostra regione; modello che potrà contribuire a razionalizzare i piani di intervento programmati per la gestione del patogeno sul territorio.

Uno studio accurato, condotto su un numero significativo di piante infette, ha permesso di poter determinare non solo i siti preferenziali di localizzazione, ma anche l’evoluzione della distribuzione del patogeno in Olivo, fornendo indicazioni utili per l’attività di campionamento per il suo monitoraggio.

L’attività per la validazione di uno strumento adoperato per estrarre i batteri dai tessuti infetti, brevettato dal CIHEAM Bari, ha permesso di evidenziare l’efficacia e la capacità di migliorare l’isolamento del batterio su substrati artificiali di coltura, riducendo la quantità di contaminanti nell’estratto. 

Parallelamente alle specifiche azioni del progetto, i ricercatori del CIHEAM Bari hanno presentato anche i risultati conseguiti nel miglioramento della diagnosi di Xylella fastidiosa nei tessuti vegetali e negli insetti vettori,che potranno consentire di abbattere i costi delle analisi molecolari dei campioni. 

«Grazie alla rete del CIHEAM Bari i risultati del Progetto CoDiRO possono avere risonanza internazionale-ha concluso Raeli- e possono essere divulgati non solo attraverso la partecipazione dell’Istituto a progetti internazionali (CURE-XF, XF-ACTORS), ma anche attraverso l’attività di formazione, con i corsi di Master of Science, rivolta a studenti di numerosi Paesi mediterranei».

 

La foto è di Olio Officina

OO M - 28-01-2020 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
Ultimi giorni per partecipare a Evooleum Awards

Ultimi giorni per partecipare a Evooleum Awards

Sono arrivati finora centinaia di campioni da numerosi Paesi produttori. Il contest e la guida promuovono il consumo dei migliori extra vergini prodotti nei cinque continenti. La scadenza per registrarsi è il 27 febbraio 2020

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Giusto un filo

In anteprima per i nostri lettori,  uno dei lavori in collaborazione con lo IED, il videoclip a firma di Chiara Loiacono per Olio Officina Festival 2020

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull'olio

Tutto sull'olio

Il titolo è alquanto eloquente, nondimeno il sottotitolo: "Guida essenziale alla conoscenza
e all’utilizzo degli extra vergini a tavola e in cucina". Ne è autore l'oleologo Francesco Caricato, direttore del centro culturale Casa dell'Olivo