Lunedì 14 Ottobre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > inoltre

Oleificio Zucchi premiato da Intesa San Paolo come azienda che valorizza le eccellenze imprenditoriali

OO M

Oleificio Zucchi è tra le aziende vincitrici di “Imprese Vincenti”, il programma di Intesa San Paolo che valorizza gli esempi di eccellenza imprenditoriale e del made in Italy. Ieri sera, presso il Teatro Franco Parenti di Milano, l’azienda cremonese è stata riconosciuta nella categoria “food & beverage” come uno dei 120 esempi virtuosi di imprenditorialità in Italia, spiccando tra oltre 1.800 candidati.

Le “imprese vincenti” delle tre categorie in gara (industria e servizi, food & beverage, moda e design), che rappresentano l’1,5% del Pil italiano, sono aziende che hanno saputo creare un modello di business vincente in Italia e all’estero grazie a strategie di internazionalizzazione, innovazione, valorizzazione delle competenze e dei talenti delle persone.

A premiare Oleificio Zucchi sono stati i valori di etica, qualità e sicurezza che da sempre guidano le sue scelte strategiche, ma soprattutto l’attenzione alla sostenibilità che ha caratterizzato tutta la sua crescita imprenditoriale: dal 2005 redige annualmente un dettagliato Bilancio di Sostenibilità, ed è arrivata nel 2017 alla creazione della Certificazione di Sostenibilità con Csqa, che dona valore al patrimonio olivicolo italiano e a tutta la sua filiera, tracciabile in ogni suo punto.

A questo si sono affiancati, nel corso degli anni, grandi investimenti in ricerca e sviluppo, in particolare nell’innovazione tecnologica e nel potenziamento macchinari delle linee produttive, per garantire oli da olive e da semi qualitativamente sempre più elevati e all’avanguardia. A tutto questo si aggiunge la crescente affermazione a livello internazionale.

“Essere riconosciuti come una delle eccellenze dell’imprenditorialità italiana è per noi un grande onore, e segnale che l’impegno e la passione che caratterizzano il nostro fare azienda riescono a raggiungere consumatori e stakeholder italiani e stranieri”, commenta Alessia Zucchi, amministratore delegato di Oleificio Zucchi, “Abbiamo iniziato per primi a lavorare sulla strada della sostenibilità e della tracciabilità all’origine dei prodotti, creando un disciplinare di oltre 150 requisiti da rispettare, e continueremo a lavorare in questa direzione, investendo nell’innovazione, per affermarci sempre più come punto di riferimento del settore olivicolo e promuovere una produzione attenta e trasparente.”

Intesa San Paolo, assieme ai partner Bain & Company, Elite e Gambero Rosso, offrirà alle vincitrici supporto allo sviluppo, advisory sul posizionamento strategico, confronto con best practice internazionali e corsi di formazione e workshop.

 

Si ringrazia per la notizia Eleonora Carminati

OO M - 18-09-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Una nuova generazione di biocomposti a base di fibre d'oliva

Una nuova generazione di biocomposti a base di fibre d'oliva

L’interessante progetto europeo Compolive, pensato per la creazione di nuovi composti derivati dal residuo di potatura delle olive. Ora i nuovi biomateriali da sviluppare saranno più sostenibili e sono programmati per molte applicazioni industriali. Tutto ciò rientra nell'attuale politica europea per l'attuazione di un'economia circolare, che promuove il riciclaggio e il riutilizzo delle risorse nell'Unione Europea

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Raccontare e sperimentare l’olio

Andare oltre le consuetudini. È molto importante mettersi in relazione con gli chef, perché possono ogni volta nascere idee nuove e preziose. La cucina va raccontata sempre, con tutte le sue emozioni; e anche l’olio extra vergine di oliva è uno di quei alimenti che va a sua volta raccontato, mettendolo in relazione con gli altri cibi. Da qui la creazione di nuovi prodotti, nati dalla collaborazione con gli chef. Intervista a Serena Mela, del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo