Venerdì 16 Novembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > inoltre

Raccolta e recupero oli e grassi esausti, l'ingresso in campo di RenOils

Il Tar del Lazio rigetta il ricorso cautelare di Conoe. Tale pronunciamento consente ora a RenOils l’avvio operativo dell'attività con un modello improntato all'efficienza, alla riduzione dei costi e alla trasparenza

OO M

Raccolta e recupero oli e grassi esausti, l'ingresso in campo di RenOils

Nota stampa di Nicoletta Vulpetti. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio ha pubblicato in data 4 luglio 2018, l’ordinanza con la quale ha rigettato l’istanza cautelare presentata dal CONOE – Consorzio Nazionale di Raccolta e Trattamento degli Oli e dei Grassi Vegetali e Animali Esausti nei confronti del Consorzio RenOils.

Il CONOE aveva chiesto di annullare, e in via cautelare sospendere fin da subito, il provvedimento ministeriale di riconoscimento di RenOils, ritenendo che la procedura seguita dal Ministero dell’Ambiente e da ISPRA non fosse stata corretta e che Renoils non possedesse i requisiti previsti dalla legge e, in particolare, che non fosse legittimo prevedere il risparmio di costi garantito dal nuovo sistema.

I giudici amministrativi hanno respinto tutte le censure di CONOE e nell’ordinanza cautelare hanno stabilito non solo che non sussiste alcun danno derivante dalla presenza di RenOils accanto all’ex monopolista, ma che, dal punto di vista giuridico, le motivazioni addotte da CONOE sono tutte infondate, e che RenOils ha diritto di avviare le proprie attività e di sottoporle alla verifica delle amministrazioni competenti.

RenOils - Consorzio Nazionale di Raccolta e Recupero Oli e Grassi vegetali ed animali esausti ha accolto con soddisfazione il pronunciamento del Tar, che consente di poter proseguire il programma e le attività del Consorzio, così come descritto anche durante l’incontro con gli operatori, tenutosi martedì 3 luglio a Buccinasco (MI), secondo i principi di diversificazione, dinamicità, trasparenza, riduzione dei costi.

Il Presidente di RenOils Ennio Fano, ha espresso a nome di tutti gli associati la grande soddisfazione per questa sentenza che pone fine ad una troppo lunga fase conflittuale creata da CONOE da quando ha visto finire il suo monopolio. "Troppe comunicazioni fuorvianti sono circolate fra le aziende creando non poco sconcerto" ha sottolineato Fano."Ora dobbiamo cambiare passo: RenOils non si contrappone a nessuno, vuole solo introdurre nuovi elementi, idee e soluzioni che valorizzino l’attività degli operatori del settore al fine della tutela ambientale”.

RenOils nasce dalla volontà degli imprenditori del settore,che hanno deciso di affiancare il precedente e storico Consorzio obbligatorio, operantein regime di monopolio, con una nuova realtà più snella e vicina ai suoi associati, in coerenza che le nuove disposizioni normative, che mirano al controllo e all’efficacia dei sistemi di recupero e valorizzazione dell’olio e dei grassi usati.

Costituitosi nell’ottobre 2016, e subito operativo, ha ottenuto il decreto di riconoscimento da parte del Ministero dell’Ambiente il 6 aprile scorso. Il nuovoConsorzio aggrega 254 associazioni e impresedella filiera degli oli e dei grassi vegetali e animali esausti, a partire dai produttori del prodotto per uso alimentare fino ai riciclatori e i recuperatori del rifiuto. 

Sono stati soci fondatori Assitol (Associazione Italiana dell’Industria Olearia),A.R.O.E.(Associazione Nazionale Italiana delle Aziende di recupero Oli e Grassi Vegetali e Animali Esausti), AssimpreseItalia Nazionale, Assograssie Papa srl. 

 

OO M - 05-07-2018 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Fare squadra. È l'ambizioso obiettivo che è stato sottoscritto dal presidente e ad Carapelli Firenze SpA Pierluigi Tosato, del gruppo Deoleo, e dal presidente di Cia-Agricoltori Italiani Dino Scanavino. L'accordo è stato siglato a Roma e punta su innovazione e sviluppo del mercato degli oli extra vergini  di oliva di qualità superiore. 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti