Lunedì 10 Dicembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > inoltre

Toscana, contributi del 100% sui costi ammissibili per migliorare la biodiversità e il paesaggio rurale

Il tutto rientra nell'ambito del Psr Feasr 2014-2020 ed è una misura rivolta ad agricoltori, gestori di terreni, enti pubblici e altri soggetti. Domande sul sito di Artea entro le ore 13 del 21 dicembre 2018

OO M

La Regione Toscana, con decreto dirigenziale n. 16888 del 23 ottobre 2018, ha approvato il bando "Conservazione e ripristino degli elementi caratteristici del paesaggio, salvaguardia e valorizzazione della biodiversità" (allegato A del decreto), al fine di sostenere investimenti non produttivi, connessi agli obiettivi agro-climatici-ambientali, tesi a riqualificare il paesaggio rurale (in particolare aree verdi o umide anche con funzione di corridoi ecologici), rendere compatibile lo sviluppo della fauna selvatica con le attività  produttive, salvaguardare le sistemazioni idraulico-agrarie, rallentare i tempi di corrivazione delle acque superficiali, proteggere i suoli agrari dall'erosione.

Il bando è cofinanziato dal Programma di sviluppo rurale (Psr) del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (Feasr) 2014-2020, in particolare dalle risorse assegnate alla sottomisura 4.4. "Sostegno a investimenti  non  produttivi  connessi  all'adempimento  degli  obiettivi  agro-climatico-ambientali  operazione  4.4.1  "Conservazione  e  ripristino  degli  elementi  caratteristici  del paesaggio, salvaguardia e valorizzazione della biodiversità" del programma.

 

Finalità. Il bando è finalizzato alla concessione di contributi in conto capitale a copertura dei costi sostenuti per la realizzazione di interventi di riqualificazione del paesaggio, anche ai fini della tutela dei territori rurali da fenomeni di erosione e di dissesto geologico, in attuazione dell'operazione 4.4.1 (misura 4).
Inoltre l'operazione 4.4.1 persegue la finalità di contribuire  alla salvaguardia e al miglioramento della biodiversità degli ambienti rurali attraverso la ricostituzione di aree verdi o aree umide, anche con funzioni di corridoi ecologici, e di rendere compatibile, soprattutto nelle aree protette, la presenza della fauna selvatica con le attività produttive agricole, attraverso la realizzazione di elementi di protezione delle colture.

Nello specifico l'operazione 4.4.1 intende favorire:

  • realizzazione o il ripristino di siepi, alberature con specie autoctone o comunque tradizionalmente presenti nel territorio con  funzione di corridoi ecologici;
  • ripristino di elementi tipici del paesaggio rurale con materiali e tecniche tradizionali locali;
  • creazione e recupero di zone umide finalizzate alla conservazione della biodiversità;
  • costruzione di strutture per l'abbeveraggio e l'alimentazione della fauna selvatica;
  • realizzazione di recinzioni per rendere compatibile l'attività agricola con la tutela della fauna selvatica;
  • realizzazione ed il ripristino di muretti a secco, terrazzamenti, gradinamenti ecc..
  • realizzazione od il ripristino di opere per la regimazione delle acque superficiali in eccesso e di laghetti per la raccolta dei deflussi superficiali.

Destinatari/Beneficiari. Sono ammessi a presentare domanda e a beneficiare del sostegno eventualmente concesso i seguenti soggetti:

  • agricoltori singoli od associati;
  • gestori di terreni agricoli, singoli o associati;
  • enti pubblici anche a carattere economico;
  • altri soggetti/Enti di diritto privato e pubblico, singoli ed associati.


Scadenza e presentazione della domanda. Le domande di aiuto devono essere presentate, mediante procedura informatizzata, a partire dal 1 novembre 2018 ed entro le ore 13:00 del 21 dicembre 2018, impiegando esclusivamente la modulistica disponibile sulla piattaforma gestionale dell'Anagrafe Regionale delle aziende agricole gestita da Artea e raggiungibile dal sito www.artea.toscana.it.
La domanda deve essere sottoscritta e presentata secondo le modalità indicate dal decreto del direttore di Artea n. 140 del 31/12/2015  e successive modifiche e integrazioni (decreto del direttore Artea n. 70/2016)
Vedi anche pagina >>> testo e misure del Psr Feasr 2014-2020.


Tipo di agevolazione. Contributo in conto capitale pari al 100% dei costi ammissibili, comprese le spese generali, per tutti gli investimenti
Minimali e massimali del contributo
E' possibile erogare un anticipo fino ad un massimo del 50% del contributo ammissibile a finanziamento, secondo i principi e le modalità stabilite dalle Disposizioni comuni per l'attuazione delle misure ad investimento" approvate con decreto del direttore Artea n. 65 del 15 giugno 2018.

  • L'importo massimo del contributo per singola domanda di aiuto è pari ad euro 50.000.
  • L'importo minimo del contributo per singola domanda è 5.000 euro (non può essere inferiore)


Dotazione finanziaria. Il bando ha un budget finanziario di 659.565,00 euro

Procedura e norme sulle spese ammissibili e non ammissibili. Le fasi del procedimento amministrativo del bando sono collegate all'attuazione della operazione 4.4.1, e le norme sull'ammissibilità delle spese sono disciplinate dal decreto del direttore di Artea n. 65 del 15 giugno 2018, che approva le "Disposizioni comuni per l'attuazione delle misure a investimento"

Graduatoria. La graduatoria, unica a livello regionale, sarà definita in maniera automatica sulla base del possesso dei criteri di selezione previsti dal bando (paragrafo 5.1 del bando).
Le domande sono ordinate in un elenco in base ai punteggi derivanti dai criteri di selezione come dichiarati dai richiedenti.

  • Il punteggio minimo necessario per entrare in graduatoria è pari a 10 punti.

L'atto che approva la graduatoria contiene l'elenco dei richiedenti ordinati in base ai punteggi derivanti dai criteri di selezione e indica le domande potenzialmente finanziabili, quelle non finanziabili per carenza di risorse e quelle non ricevibili.
L'individuazione delle domande potenzialmente finanziabili non costituisce diritto al finanziamento in capo al soggetto richiedente. Tale diritto viene acquisito se l'istruttoria di ammissibilità, svolta dagli uffici competenti, si chiude con  esito positivo.


Per conoscere i dettagli necessari a presentare correttamente la domanda, consultare integralmente il testo del bando (allegato A del decreto n. 16888 del 23 ottobre 2018)

Come partecipare

  • La domanda, completa di tutti i documenti richiesti, si presenta sul portale di Artea www.artea.toscana.it a partire dall' 1 novembre 2018

Leggi il bando completo 

 

Decreto dirigenziale n. 16888 del 23 ottobre 2018

  • Bando (allegato A del decreto)

OO M - 06-12-2018 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA

"Pane e olio" sbarca nella Food Valley

La merenda della tradizione al centro di uno “street event” a Collecchio, luogo simbolo del distretto agroalimentare di Parma. A organizzarlo il Gruppo Panificatori Artigiani di Parma con Assitol e Aibi, l’Associazione italiana Bakery Ingredients. Erano presenti Paolo Bianchi, sindaco di Collecchio, ed Elena Levati, assessore alle Attività produttive

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti