Sabato 18 Novembre 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > inoltre

Un olio da olive più sicuro, c'è oggi l’impegno a favore di nuovi sistemi validati scientificamente

In una tavola rotonda organizzata a Torino dall’Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica, a chiusura di una “due giorni” di lavori sul tema, operatori, accademici ed esperti hanno confermato la necessità di lavorare su metodi di controllo innovativi, affidabili e condivisi

OO M

Un olio da olive più sicuro, c'è oggi l’impegno a favore di nuovi sistemi validati scientificamente

Nota stampa di Silvia Cerioli. Lavorare insieme per la definizione di nuovi metodi, in grado di assicurare la qualità e l’autenticità dell’olio d’oliva, a vantaggio della sicurezza del prodotto e del consumatore. Questo l’impegno condiviso da esperti del settore, accademici e operatori intervenuti al convegno “I Metodi di Controllo – il Controllo dei Metodi. Dalla Tecnica alla Norma: gli oli come sistema modello”.

La “due giorni” di formazione e dibatitto è stata organizzata a Torino dall’Inrim, l’Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica, e promossa da Assitol e Federolio, le associazioni rappresentative del settore. In particolare, la tavola rotonda svoltasi a chiusura dell’evento si è soffermata sull’importanza di assicurare la qualità dell’olio d’oliva attraverso il ricorso a parametri e metodi dotati di tutti i requisiti di affidabilità scientifica. Il che significa puntare su sistemi che abbiano già seguito tutto l’iter specifico di validazione, allo scopo di fornire risposte certe agli operatori del mondo oleario.

“Abbiamo bisogno di metodi sicuri e di facile applicazione per le aziende – ha osservato Angelo Cremonini, presidente del Gruppo olio d’oliva di Assitol – diventa quindi fondamentale collaborare con le università ed i centro di ricerca, costruendo una sinergia in grado di garantire, in futuro, sistemi di controllo affidabili, capaci di fornire risposte certe”. 

In tal senso, l’industria olearia ha dato ampia disponibilità. “Siamo pronti a lavorare con tutti – ha dichiarato Cremonini – puntando su metodi scientifici, quindi su analisi ripetibili e riproducibili”.
Dal punto di vista operativo, la collaborazione tra scienza e aziende passa per l’individuazione di tecniche innovative che la stessa ricerca mette a disposizione per la fase applicativa. “È qui che gli operatori entrano in gioco – ha precisato Cremonini – inserendo quelle stesse metodiche all’interno dei processi produttivi”.

Sulla stessa linea anche Federolio. “Riteniamo indispensabile un diretto impegno nella ricerca di tutta la filiera italiana dell’olio di oliva. Nuovi metodi di analisi affidabili, e perciò ripetibili, riproducibili, disponibili a costi ragionevoli e suscettibili di revisione, sono importanti per tutti perché tutti – produzione, industria, commercio – devono mirare a garantire sempre più efficacemente ai consumatori qualità, genuinità, certezza dell’origine e sicurezza alimentare”- ha dichiarato Francesco Tabano, presidente della Federolio. “Il convegno di Torino si colloca in questa prospettiva, nella consapevolezza che la filiera italiana dell’olio d’oliva dovrà avere con Università e centri di ricerca un rapporto più intenso, che consenta agli operatori di ‘chiedere’ alla ricerca strumenti che permettano di affrontare le difficili sfide commerciali sui mercati di tutto il mondo; solo così - misurandosi anche sul piano dell’innovazione e riconquistandone la leadership - il “sistema Italia” potrà competere con gli altri “sistemi” dei Paesi olivicoli” – ha concluso Tabano.

“Per garantire la qualità e la provenienza dell’olio non servono soltanto misure affidabili, occorrono anche procedure e metodi di analisi verificati, certificati e condivisi da tutti gli operatori del settore oleario”, ha spiegato Andrea Mario Rossi, che all’Inrim dirige il programma di ricerca 'Metrologia alimentare’. “La scienza delle misure lavora per garantire l’affidabilità dei metodi di controllo. Ma non solo. Lavora anche per trasformare le tecniche di analisi in procedure riconosciute dagli organismi di controllo e utilizzate da tutte le aziende. Ecco come si passa dai metodi di controllo al controllo dei metodi, dalla misura corretta di una determinata proprietà alla sua certificazione, che tutela sia l’azienda sia il consumatore”.

Il valore aggiunto del contributo scientifico, ha ribadito Rossi, è la sua neutralità: “La metrologia non esprime giudizi, fornisce strumenti di verifica e controllo, mettendosi al servizio delle aziende e del consumatore”. Il ricercatore ha espresso grande soddisfazione per la collaborazione diretta che l’INRIM sta instaurando con i produttori di olio d’oliva: “Collaborazione che permette al mondo della scienza di cooperare anche alla tutela del patrimonio oleario nazionale”.

 

 

La foto di apertura è di Plum / Olio Officina

OO M - 10-11-2017 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Think green

Think green

Un mix di olive di diverse cultivar rendono l'olio dell'Oleificio Angelo Coppini di Terni, un cento per cento italiano, un extra vergine versatile e armonico, dal gusto rotondo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Il Progetto educativo Monini 2017/2018

Il Progetto educativo Monini 2017/2018

Mo`e la favola dell'olio. Alla Camera dei Deputati le scuole vincitrici del progetto di educazione alimentare dell'azienda umbra. Con loro Gianfranco Vissani, Sara Farnetti e il tecnologo alimentare Salvatore Velotto. Oltre ai fratelli Monini, ovviamente: Zefferino, presidente di Monini Spa, e Maria Flora, direzione immagine e comunicazione

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La genesi dell'oliva

In un video emozionale e insieme documentaristico l'azienda veneta Frantoio Fratelli Turri di Cavaion Veronese, fa comprendere a chi non ha confidenza con il frutto dell'oliva, come si forma e si struttura il frutto ne corso dei mesi e come alla fine nasca l'olio extra vergine, quello a marchio Garda Dop Turri di varietà Casaliva

BIBLIOTECA OLEARIA
The Olive Tree Genome. Genetica e genomica dell’olivo

The Olive Tree Genome. Genetica e genomica dell’olivo

Il libro - a cura di Eddo Rugini, Luciana Baldoni, Rosario Muleo e Luca Sebastiani - fornisce un'introduzione alla genetica, alla genomica e all’allevamento dell'olivo, pianta longeva e multifunzionale, rilevante non soltanto per la produzione di olive da tavola e da olio, ma anche per il paesaggio e per la storia delle zone rurali