Lunedì 14 Ottobre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > inoltre

Xylella, Confagricoltura chiede di accelerare i tempi per attivare le risorse stabilite con il decreto emergenza

Confagricoltura preoccupata per il futuro di metà olivicoltura pugliese

OO M

Xylella, Confagricoltura chiede di accelerare i tempi per attivare le risorse stabilite con il decreto emergenza

“È una situazione di assoluta emergenza sulla quale non possiamo più tardare con gli interventi – ha dichiarato il presidente di Confagricoltura Puglia Luca Lazzàro che parteciperà all’incontro -. Occorre dare attuazione quanto prima ai provvedimenti per utilizzare i 300 milioni di euro che sono stati stanziati con il decreto emergenze per il “piano di rigenerazione” dell’olivicoltura pugliese. L’emergenza Xylella ormai interessa 200mila ettari tra le province di Lecce, Brindisi e Taranto, pari alla metà della superficie e dell’olio prodotto nella regione. Ci eravamo incontrati a Lecce il 9 agosto scorso con il precedente Governo e la Regione Puglia per iniziare a tracciare gli interventi da attivare; ora ci attendiamo che il ministro Bellanova e l’amministrazione finalizzino rapidamente i provvedimenti attuativi annunciati ieri in occasione della Fiera del Levante, ma che vorremmo discutere nella riunione istituzionale che è stata appositamente convocata per domani con tutte le rappresentanze della filiera.

 

“Confagricoltura chiede di concentrare gli interventi sulle imprese olivicole – ha proseguito Pantaleo Greco, presidente della Federazione Nazionale Olivicola di Confagricoltura -. È prioritario ripristinare il potenziale produttivo, visto che nei territori colpiti dal batterio si registra un calo medio del 25-30 per cento della produzione olivicola, così come in tutta la Puglia a causa delle recenti calamità. Occorre quindi intervenire finanziando in primo luogo gli espianti ed i successivi reimpianti di olivi nelle aree colpite, che vanno realizzati utilizzando varietà tolleranti; nondimeno occorrerà compensare le perdite di reddito subite, coprire i costi di smaltimento del legno ed anche agevolare il trasferimento di conoscenze e l’assistenza tecnica, anche per riorientare gli operatori verso altre produzioni con prospettive di mercato”.

 

“Inoltre - ha proseguito Greco - chiediamo di destinare le risorse residue ad una misura specifica indirizzata ai frantoi dell’area infetta con una indennità una tantum a copertura della perdita di fatturato subita rispetto agli anni precedenti, in analogia a quanto è stato previsto per i frantoi delle aree colpite dalle gelate. È essenziale definire con ministero e Regione il ventaglio di misure e proposte e passare subito alla attuazione. È in gioco il futuro di una parte essenziale dell’olivicoltura, e quindi della produzione agricola, del nostro Paese”.

 

 

 

Olivicoltura pugliese e Xylella

(Elaborazione Confagricoltura su dati Istat)

 

Ettari (2018)

T Olio (media 2015-18)

Lecce

      96.000,0  

25,0%

     30.197,0  

22,9%

LE-BR-TA

    196.000,0  

51,1%

     63.045,8  

47,9%

Puglia

    383.650,0  

100,0%

   131.580,3  

100,0%

Italia

 1.164.067,0  

   371.006,4  

Calo produzione olio

media 2015/2018 rispetto al 2010

Lecce

-30,2%

LE-BR-TA

-25,9%

Puglia

-30,8%

 

 

 

Si ringrazia per la notizia Confagricoltura Taranto

 

La foto di apertura è di Giuseppe Ferro

OO M - 19-09-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Una nuova generazione di biocomposti a base di fibre d'oliva

Una nuova generazione di biocomposti a base di fibre d'oliva

L’interessante progetto europeo Compolive, pensato per la creazione di nuovi composti derivati dal residuo di potatura delle olive. Ora i nuovi biomateriali da sviluppare saranno più sostenibili e sono programmati per molte applicazioni industriali. Tutto ciò rientra nell'attuale politica europea per l'attuazione di un'economia circolare, che promuove il riciclaggio e il riutilizzo delle risorse nell'Unione Europea

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Raccontare e sperimentare l’olio

Andare oltre le consuetudini. È molto importante mettersi in relazione con gli chef, perché possono ogni volta nascere idee nuove e preziose. La cucina va raccontata sempre, con tutte le sue emozioni; e anche l’olio extra vergine di oliva è uno di quei alimenti che va a sua volta raccontato, mettendolo in relazione con gli altri cibi. Da qui la creazione di nuovi prodotti, nati dalla collaborazione con gli chef. Intervista a Serena Mela, del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo