17 Dicembre 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > inoltre

Xylella, la Procura di Lecce insiste: nessuna intenzione di archiviare il fascicolo del 2015 contro i presunti untori

OO M

Xylella, la Procura di Lecce insiste: nessuna intenzione di archiviare il fascicolo del 2015 contro i presunti untori

La Procura di Lecce - secondo quanto riferisce l'Ansa - vuole continuare a indagare "su eventuali ritardi, omissioni, manipolazioni nella diffusione della Xylella, il batterio killer che sta uccidendo gli ulivi del Salento".

Ormai la situazione sembra essere sfuggita di mano. È diventata ormai una battaglia ideologica, con la complicità delle Istituzioni che si stanno dimostrando non all'altezza del compito, come d'altra parte emerge dalle accuse mosse dall'Unione europea.

Così, anziché fronteggiare l'emergenza, si cerca un capro espiatorio cui attribuire le responsabilità di una brutta pagina che sta interessando la Puglia olivicola mettendola in serio pericolo in una delle sue economie più floride. Di conseguenza- come riferisce l'Ansa - "nonostante lo scorso 17 luglio siano scaduti gli ultimi sei mesi di proroga, i pubblici ministeri titolari dell'indagine, Elsa Valeria Mignone e Roberta Licci hanno deciso di non archiviare il fascicolo aperto nel 2015 chiedendo al gip di poter continuare a indagare su tre dei dieci, tra ricercatori e funzionari, già iscritti sul registro degli indagati, quelli su cui maggiormente sarebbero emersi elementi tali da necessitare un ulteriore approfondimento penale".

"Per tutti gli altri indagati invece - riferisce sempre l'Ansa - quanto eventualmente sarà raccolto in questa nuova tranche d'indagine, non potrà essere utilizzato come prova di colpevolezza. Dopo l'estate gli investigatori della Forestale depositeranno ai Pm l'informativa finale sulla quale stanno ancora lavorando. L'ipotesi di reato resta quella di diffusione colposa di malattia delle piante".

La Xylella, questa storia infinita, è ormai diventata l'immagine della inefficienza delle Istituzioni, oltre che il campo d'azione per una battaglia ideologica senza sosta.

 

La foto di apertura è di Luigi Caricato

OO M - 02-08-2017 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Think green

Think green

Un mix di olive di diverse cultivar rendono l'olio dell'Oleificio Angelo Coppini di Terni, un cento per cento italiano, un extra vergine versatile e armonico, dal gusto rotondo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Un nuovo metodo estrattivo, che riprende l'antico metodo per pressione

Un nuovo metodo estrattivo, che riprende l'antico metodo per pressione

Estrarre un olio di altissima qualità con la sola pressione meccanica e senza utilizzo di acqua in fase estrattiva. Una piccola realtà siciliana, nata dal basso, si sta presentando come il futuro dell'estrazione olearia, nel pieno rispetto dell'ambiente. Al Maker Faire di Roma l'azienda proprietà della famiglia La Greca, ha presentato BioSpremi®, un progetto dell'estrazione ecosostenibile che resta in linea con gli attuali standard di produttività

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La genesi dell'oliva

In un video emozionale e insieme documentaristico l'azienda veneta Frantoio Fratelli Turri di Cavaion Veronese, fa comprendere a chi non ha confidenza con il frutto dell'oliva, come si forma e si struttura il frutto ne corso dei mesi e come alla fine nasca l'olio extra vergine, quello a marchio Garda Dop Turri di varietà Casaliva

BIBLIOTECA OLEARIA
Evooleum 2018, le migliori selezioni

Evooleum 2018, le migliori selezioni

Pur essendo alla sua seconda edizione, si è imposta all’attenzione come se si trattasse della guida di riferimento per tutti i buyer, chef ma anche per gli stessi estimatori del prezioso succo di olive. È non a caso la guida più importante e autorevole, tra quelle finora editate nel mondo. Si concentra solo sui 100 migliori extra vergini, vantando una giuria di esperti di altissimo livello > Luigi Caricato