Giovedì 21 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > lex

Conoscete il glicidolo?

Al centro dell'attenzione i contaminanti dei prodotti alimentari, anche in ragione del fatto che lo scorso 19 marzo è entrato in vigore il regolamento che ne introduce i limiti legali. Queste sostanze si formano nelle fasi di lavorazione/trasformazione degli alimenti e in particolar modo quando gli oli vegetali vengono raffinati ad alte temperature

Chemiservice

Conoscete il glicidolo?

I glicidil esteri degli acidi grassi (GE), il 3-monocloropropandiolo (3-MCPD) e il 2-monocloropropandiolo (2-MCPD) e relativi esteri degli acidi grassi sono c.d. “contaminanti di processo”.
Sono cioè sostanze che si formano nelle fasi di lavorazione/trasformazione degli alimenti ed in particolar modo quando gli oli vegetali vengono raffinati ad alte temperature (circa 200° C).

A partire dagli anni 70 è emerso che tali contaminanti si trovavano spesso in ingredienti utilizzati come esaltatori di sapidità per ingredienti alimentari e considerata la loro natura ed il fattore di rischio da essi integrato, già nel Reg. CE 1881/2006 abbiamo la statuizione di tenori massimi di 3-MCPD per le proteine vegetali idrolizzate e la salsa di soia.

Ma per le caratteristiche che questi contaminanti presentano e per le cause che determinano la loro formazione è evidente che si possono trovare in altri prodotti alimentari di uso comune: i prodotti da forno, i prodotti confezionati, le patatine fritte, il latte in polvere e i prodotti per l’infanzia.

A seguito delle sollecitazioni della Commissione Europea (Raccomandazione 2014/661/EU) e degli studi intrapresi da EFSA che ne ha valutato le potenzialità genotossiche e cancerogene, si è percepita la fondamentale importanza di introdurre una disciplina che si occupasse formalmente anche di altre matrici alimentari e introducesse le opportune distinzioni in termini di tenori massimi in base alla tipologia di consumatori.

Il 26 febbraio 2018 è stato dunque pubblicato il Regolamento (UE) 2018/290, che modifica il regolamento (CE) n. 1881/2006 introducendo i tenori massimi di Glicidil Esteri degli Acidi Grassi (espressi come Glicidolo) negli oli e nei grassi vegetali, nelle formule per lattanti, nelle formule di proseguimento e negli alimenti a fini medici speciali destinati ai lattanti e ai bambini nella prima infanzia.
Di seguito i nuovi limiti.




A partire dal 2015 Chemiservice ha intrapreso lo studio delle due metodiche AOCS (Cd 29a-13, Cd 29b-13) raccomandate da EFSA. La sperimentazione dei metodi è avvenuta su matrici di diversa natura ed in particolare su oli alimentari vegetali che costituisce il core business del nostro laboratorio.

A dicembre 2017 Chemiservice ha ottenuto l’Accreditamento per la ricerca di Esteri del 2 e 3-MCPD e Glicidolo in Oli e Grassi con il metodo AOCS Cd 29a-13:2017.

Attualmente ha aderito al gruppo di lavoro UNI impegnato nella valutazione dei metodi standardizzati già esistenti e nello studio di nuovi approcci analitici.

 

La foto di apertura è di Olio Officina

Chemiservice - 10-04-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Da una cantina di riferimento della Campania, un vino non pienamente espresso a livello olfattivo, ma decisamente più convincente al gusto, per acidità e corpo, sapidità e rotondità > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Le colture no food?

Le colture no food?

L'altra via dell'agricoltura. Esiste ORA un network internazionale, denominato Panacea, nato per diffondere la conoscenza delle colture non alimentari tra gli agricoltori e favorire di conseguenza i principi della bioeconomia. C'è spazio per bioplastiche ottenute da scarti agricoli, lubrificanti, materiali da costruzione, prodotti farmaceutici, bioenergia, biocarburanti. Il tutto derivante da piante oleaginose (camelina, ricino), lignocellulosiche (canapa, canna comune), carboidrati (sorgo, barbabietola da zucchero) e tante altre colture > Marcello Ortenzi

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria