Mercoledì 19 Settembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > lex

Conoscete il glicidolo?

Al centro dell'attenzione i contaminanti dei prodotti alimentari, anche in ragione del fatto che lo scorso 19 marzo è entrato in vigore il regolamento che ne introduce i limiti legali. Queste sostanze si formano nelle fasi di lavorazione/trasformazione degli alimenti e in particolar modo quando gli oli vegetali vengono raffinati ad alte temperature

Chemiservice

Conoscete il glicidolo?

I glicidil esteri degli acidi grassi (GE), il 3-monocloropropandiolo (3-MCPD) e il 2-monocloropropandiolo (2-MCPD) e relativi esteri degli acidi grassi sono c.d. “contaminanti di processo”.
Sono cioè sostanze che si formano nelle fasi di lavorazione/trasformazione degli alimenti ed in particolar modo quando gli oli vegetali vengono raffinati ad alte temperature (circa 200° C).

A partire dagli anni 70 è emerso che tali contaminanti si trovavano spesso in ingredienti utilizzati come esaltatori di sapidità per ingredienti alimentari e considerata la loro natura ed il fattore di rischio da essi integrato, già nel Reg. CE 1881/2006 abbiamo la statuizione di tenori massimi di 3-MCPD per le proteine vegetali idrolizzate e la salsa di soia.

Ma per le caratteristiche che questi contaminanti presentano e per le cause che determinano la loro formazione è evidente che si possono trovare in altri prodotti alimentari di uso comune: i prodotti da forno, i prodotti confezionati, le patatine fritte, il latte in polvere e i prodotti per l’infanzia.

A seguito delle sollecitazioni della Commissione Europea (Raccomandazione 2014/661/EU) e degli studi intrapresi da EFSA che ne ha valutato le potenzialità genotossiche e cancerogene, si è percepita la fondamentale importanza di introdurre una disciplina che si occupasse formalmente anche di altre matrici alimentari e introducesse le opportune distinzioni in termini di tenori massimi in base alla tipologia di consumatori.

Il 26 febbraio 2018 è stato dunque pubblicato il Regolamento (UE) 2018/290, che modifica il regolamento (CE) n. 1881/2006 introducendo i tenori massimi di Glicidil Esteri degli Acidi Grassi (espressi come Glicidolo) negli oli e nei grassi vegetali, nelle formule per lattanti, nelle formule di proseguimento e negli alimenti a fini medici speciali destinati ai lattanti e ai bambini nella prima infanzia.
Di seguito i nuovi limiti.




A partire dal 2015 Chemiservice ha intrapreso lo studio delle due metodiche AOCS (Cd 29a-13, Cd 29b-13) raccomandate da EFSA. La sperimentazione dei metodi è avvenuta su matrici di diversa natura ed in particolare su oli alimentari vegetali che costituisce il core business del nostro laboratorio.

A dicembre 2017 Chemiservice ha ottenuto l’Accreditamento per la ricerca di Esteri del 2 e 3-MCPD e Glicidolo in Oli e Grassi con il metodo AOCS Cd 29a-13:2017.

Attualmente ha aderito al gruppo di lavoro UNI impegnato nella valutazione dei metodi standardizzati già esistenti e nello studio di nuovi approcci analitici.

 

La foto di apertura è di Olio Officina

Chemiservice - 10-04-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Una nuova veste per l'olio a marchio Botticelli

Una nuova veste per l'olio a marchio Botticelli

 Nuovi prodotti. O-I, acronimo di Owens-Illinois, leader mondiale nella produzione di packaging in vetro, ha contribuito alla realizzazione di una nuova linea personalizzata di bottiglie destinata al mercato statunitense per l’Oleificio Nicola Pantaleo Spa, azienda di proprietà familiare con sede a Fasano di Puglia che produce olio extravergine di oliva. La gamma presenta una forma arrotondata ed è arricchita nel corpo della bottiglia con un motivo decorativo ispirato alla pianta dell’ulivo, oltre che alla scritta Botticelli, che dà il nome alla linea stessa

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il progetto Dedicati

Innovare nel comparto olio da olive non è semplice, ma è proprio a partire dal mondo della ristorazione che si può dar luogo a una decisiva e significativa svolta al prodotto. Nostra intervista ad Anna Baccarani, Trade Marketing Manager di Olitalia, durante i lavori della prima edizione (28 maggio 2018) del Forum Olio & Ristorazione 

BIBLIOTECA OLEARIA
Evooleum 2019, la miglior guida del mondo

Evooleum 2019, la miglior guida del mondo

Anche se vi sono in commercio altre pubblicazioni analoghe in cui si segnalano i migliori extra vergini, nessuna finora ha raggiunto i medesimi livelli di qualità e stile. Primo valore con cui si contraddistingue: la trasparenza. Non meno importante è anche la grafica con cui è stata confezionata. Non poteva essere diversamente, con una guida che propone non una quantità smodata di oli, ma solo i migliori cento > Luigi Caricato