Giovedì 21 Febbraio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > lex

Etichette alimentari chiare

È importante oltre alla loro semplicità, anche e soprattutto la leggibilità. Per questo un regolamento comunitario stabilisce tassativamente le dimensioni minime dei caratteri tipografici. Le considerazioni del Centro Studi Diritto Alimentare-Food Law

Giorgia Antonia Leone

Etichette alimentari chiare

CHIAREZZA, SEMPLICITÀ E LEGGIBILITÀ DELLE ETICHETTE ALIMENTARI


Con il regolamento U.E. n 1169/2011 è stata definita la dimensione minima dei caratteri tipografici delle etichette dei prodotti alimentari. Esse devono essere di almeno 1,2 mm (0,9 mm per le confezioni più piccole). 

Le informazioni obbligatorie, comprese le indicazioni nutrizionali, nonché quelle relative all’origine devono trovarsi nel medesimo "campo visivo" della denominazione di vendita. 

Nel caso in cui la superficie della confezione sia inferiore a 10 cm quadrati basta riportare le notizie essenziali: denominazione di vendita, allergeni eventualmente presenti, peso netto, termine minimo di conservazione ("da consumarsi preferibilmente entro …") o data di scadenza ("da consumarsi entro …").

 

 

Per quanti desiderino contattare il Centro Studi Diritto Alimentare-Food Law, è possibile farlo scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: avvocati.csda@libero.it

 

 

In apertura foto di Olio Officina

Giorgia Antonia Leone - 05-10-2018 - Tutti i diritti riservati

Giorgia Antonia Leone

Avvocato patrocinante in Cassazione, fa parte del Centro Studi Diritto Alimentare.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Sharis 2017, di Livio Felluga

Il vino della settimana: Sharis 2017, di Livio Felluga

Un vino dagli aromi floreali, di agrumi, sambuco, e molto minerale, che merita i soldi spesi. Acquistato al supermercato, è il frutto di uve Chardonnay e Ribolla. Adatto, peraltro, con pesce e carni bianche alla griglia > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Antipasti caldi e freddi. A scuola di cucina dai Salvagno

Antipasti caldi e freddi. A scuola di cucina dai Salvagno

Protagonista lo chef Eugenio Ghiraldi con un nuovo appuntamento de "I corsi pratici di cucina in Frantoio... per stupire con gusto". Conoscere, capire ed applicare i segreti della buona cucina imparando a scoprire i prodotti del territorio, tra stagionalità, semplicità e gusto.

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il prezzo delle bottiglie d'olio in commercio

L'analisi dei costi di produzione secondo l'esperto di marketing Massimo Occhinegro mette in luce, a partire da uno studio del Consiglio oleicolo internazionale, i reali costi che una azienda deve sostenere per produrre il prezioso olio extra vergine di oliva. Da qui diventa chiaro a quale prezzo può essere immessa in commercio una bottiglia d'olio. Una intervista di Cinzia Boschiero

BIBLIOTECA OLEARIA
Dop Garda. L'olio e il suo lago

Dop Garda. L'olio e il suo lago

Il numero 7 dell’annuario Olio Officina Almanacco quest'anno si presenta con una veste completamente rinnovata. Stesso formato, stesso numero di pagine, 96, ma con un taglio monografico, interamente dedicato all'olio gardesano e al suo territorio. Inizia così la nuova serie della rivista, dando spazio e rilievo ogni anno a un territorio altamente vocato all'olivicoltura di qualità